9.4 C
Rome
lunedì 30 Gennaio 2023
9.4 C
Rome
lunedì 30 Gennaio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureUcraina, oltre centomila civili fuggiti dalla guerra

Ucraina, oltre centomila civili fuggiti dalla guerra

Non si conoscono le cifre esatte. C’è chi azzarda 480.000. Di certo si sa che il governo russo e quello ucraino sono in difficoltà, perché sono troppi.

di Franco Fracassi

 

C’è chi dice centomila, chi centoquarantamila, chi addirittura quattrocentottantamila. Il numero esatto degli ucraini fuggiti dalla guerra non si conosce. Le stesse autorità ucraine e russe non riescono a fornire cifre univoche. Nemmeno l’Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) ci riesce. Di certo si sa solo che La Federazione russa ha dichiarato lo stato di emergenza in sei province (Oblast di Rostov, Volgograd, Astrakhan, Kraj di Stavropol, Repubblica di Kalmukia e città di Sebastopoli) per far fronte all’afflusso di rifugiati, e che il ministero dell’Interno di Kiev ha fatto sapere alle Nazioni Unite che non è in grado di «far fronte alle esigenze delle decine di migliaia di persone che hanno abbandonato la loro casa».

Di certo si sa anche che gli ucraini ad aver chiesto asilo politico alla Russia sono 2.045. A cui vanno aggiunti quarantaquattro che hanno fatto la stessa richiesta alla Polonia, centoventuno alla Moldavia e centocinque alla Bielorussia. Duemilatrecentoventicinque in tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"

Pescare nel deserto e raccontarlo a teatro

"Kakuma. Fishing in the desert", di Laura Sicignano, in prima nazionale a Genova

L’impossibile virata a sinistra del Pd

Il percorso lungo, travagliato - e truccato - del congresso del nuovo cosiddetto Pd Son finiti i tempi dei segretari a vita o a fine mand...

Trieste, Romano Held suona ancora

Shoah e Porrajmos. La storia del violinista Romano Held e il bisogno di una memoria a più voci

L’errore Nucleare, la mistificazione del Trattato

Nel primo anniversario della proibizione nucleare non c'è molto da festeggiare [Angelo Baracca]