4.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
4.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
Home culture Ucraina, oltre centomila civili fuggiti dalla guerra

Ucraina, oltre centomila civili fuggiti dalla guerra

Non si conoscono le cifre esatte. C’è chi azzarda 480.000. Di certo si sa che il governo russo e quello ucraino sono in difficoltà, perché sono troppi.

di Franco Fracassi

 

C’è chi dice centomila, chi centoquarantamila, chi addirittura quattrocentottantamila. Il numero esatto degli ucraini fuggiti dalla guerra non si conosce. Le stesse autorità ucraine e russe non riescono a fornire cifre univoche. Nemmeno l’Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) ci riesce. Di certo si sa solo che La Federazione russa ha dichiarato lo stato di emergenza in sei province (Oblast di Rostov, Volgograd, Astrakhan, Kraj di Stavropol, Repubblica di Kalmukia e città di Sebastopoli) per far fronte all’afflusso di rifugiati, e che il ministero dell’Interno di Kiev ha fatto sapere alle Nazioni Unite che non è in grado di «far fronte alle esigenze delle decine di migliaia di persone che hanno abbandonato la loro casa».

Di certo si sa anche che gli ucraini ad aver chiesto asilo politico alla Russia sono 2.045. A cui vanno aggiunti quarantaquattro che hanno fatto la stessa richiesta alla Polonia, centoventuno alla Moldavia e centocinque alla Bielorussia. Duemilatrecentoventicinque in tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio