33.7 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
33.7 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
HomecultureA Gaza la tregua è finita: razzi su Israele, raid sulla Striscia

A Gaza la tregua è finita: razzi su Israele, raid sulla Striscia

Puntuali come un orologio, un istante dopo la fine della stregua sono partiti i raid su Gaza, e i razzi su Israele. Prima vittima un piccolo palestinese di 10 anni. 221.554 gli sfollati gazawi.

di Marina Zenobio

Come prevedibile Israele non ha accetto le richieste di Hamas di revocare il rigido embargo in vigore dal 2007 e di poter costruire a Gaza di un porto marittimo; Hamas da parte sua non ha accettato la richiesta israeliana di disarmare le Brigate Ezzedin al Qassam, e immediatamente dopo la fine della tregua di tre giorni, alla 8 di questa mattina da Gaza sono partiti i primi razzi verso Ashqelon e altre località del sud di Israele e l’aviazione israeliana è tornata in azione uccidendo un bambino di 10 anni e ferendo altre 3 palestinesi vicino a una moschea di Gaza city, mentre nel Negev frammenti di mortaio hanno ferito un soldato e un civile israeliani.

Con la ripresa delle ostilità le strutture Unrwa presenti nella Striscia di Gaza sono di nuovo piene di sfollati, secondo l’agenzia dell’Onu sono 221.554.

Il Portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, ha annunciato che il movimento islamico continuerà i negoziati al Cairo anche durante i combattimenti con Israele, ma non si sa con chi visto che Tel Aviv ha congelato la trattativa finché continuerà il tiro di razzi contro Israele.

Dopo la ripresa del lancio dei razzi da Gaza, l’esercito israeliano ha ripristinato le misure di sicurezza alle quali si deve attenere la popolazione. Per le comunità entro 40 chilometri dalla Striscia sono proibite tutte le riunioni con più di 500 persone, così come le attività di asili e campi estivi sono permessi solo laddove esistono rifugi. Per le località da 40 a 80 chilometri (comprese Tel Aviv e Gerusalemme) sono vietate tutte le manifestazioni con più di mille persone.

Da un comunicato del ministero degli esteri egiziano risulta che l’Egitto ha chiesto a israeliani e palestinesi di “tornare immediatamente” al cessate il fuoco e, “il prima possibile”, al tavolo delle trattative indirette al Cairo. Ma per il momento sono le armi a parlare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20