7.1 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
7.1 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
HomecultureGaza, la pioggia di bombe prima della tregua video per video foto per foto

Gaza, la pioggia di bombe prima della tregua video per video foto per foto

Prima della tregua pioggia di fuoco su Gaza. Il bilancio palestinese di 34 giorni di guerra è di 1.921 morti e 9.593 feriti. I video e le foto degli ultimi giorni d’orrore.

Prima dell’ultima tregua la Striscia di Gaza è stata inondata di bombe scagliate dal cielo e da terra. L’offensiva delle forze armate israeliane è stata la più dura dall’inizio del conflitto. Non sono state risparmiate nemmeno le ambulanze. Secondo il ministero della Salute di Gaza, il numero dei morti palestinesi è salito a 1.921, mentre quello dei feriti è di 9.593.

 

Popoff ha deciso di raccontare attraverso video e fotografie l’ultimo atto di questa guerra quasi unilaterale, arrivata al trentaquattresimo giorno di fuoco.

Un video animato che compara mirabilmente le morti palestinesi e a quelle israeliane.

La Cnn mostra un’ambulanza centrata da una bomba. L’operatore del video è rimasto ferito.

Bombardamento notturno della sede dei media a Gaza City.

Soldati israeliani in azione sotto il fuoco palestinese (la telecamera è piazzata sull’elmetto di un soldato). I militari irrompono in una casa, dove trovano armi e un tunnel.

Una bomba centra un edificio. Fumo, feriti, arrivo dei soccorsi tra morti.

Bombardamento di una moschea.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»