13.3 C
Rome
giovedì 28 Gennaio 2021
13.3 C
Rome
giovedì 28 Gennaio 2021
Home padrini & padroni E se il Titolo V fosse stato cambiato anche per privatizzare i beni comuni?

E se il Titolo V fosse stato cambiato anche per privatizzare i beni comuni?

Il capo direzione e analisi economico-finanziaria del dipartimento del Tesoro: per pagare il debito bisogna espropriare Comuni e Regioni delle utilities e venderle, è questo il vero affare. (video)

 

di Franco Fracassi

 

 

Ecco che cosa aveva dichiarato lo scorso anno a un giornalista de La7 Lorenzo Codogno, capo direzione e analisi economico-finanziaria del dipartimento del Tesoro, a proposito della necessità delle privatizzazioni per risanare il debito pubblico: «Il problema è che non prendi tantissimo, perché ho fatto il calcolo un po’ di tempo fa sono dodici miliardi. Meno di un punto di Pil. La vera risorsa sono le utilities a livello locale. Lì sono veramente tanti, tanti miliardi. Il problema è che non sono nostri, dello Stato. Sono dei Comuni e delle Regioni. Quindi, bisogna cambiare il Titolo V della Costituzione ed espropriare i Comuni e le Regioni».

acqua_008

 

Pochi giorni prima l’allora ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni si era espresso così: «Per ridurre il debito stiamo anche considerando la possibilità di vendere le nostre partecipazioni in aziende controllate dallo Stato: Eni, Enel, Finmeccanica».

D’accordo anche Franco Bassanini (Pd), presidente della Cassa depositi e prestiti (cassaforte del ministero del Tesoro): «L’Italia è stata colpita dalla crisi più di altri Paesi. Quindi, in Italia oggi si possono fare investimenti e finanziamenti a condizioni molto favorevoli. Ci sono ottime opportunità d’investimento in Italia. Io non mi appassiono alle privatizzazioni. Le privatizzazioni vanno fatte con molta cautela. Perché il rischio della svendita è altissimo».

Italia-in-vendita

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ursula e Confindustria dietro la telenovela dei “responsabili”

Crisi di governo, i responsabili ci sono ma non bastano. La paura di elezioni anticipate paralizza la possibilità di mobilitazioni sociali

La Società della Cura lancia un Recovery Planet

Col Recovery Plan l'Unione europea tenta di riproporre la gabbia liberista. La Società della Cura prova a forzare quella gabbia

Conte sale al Colle con le dimissioni in tasca

La scelta delle dimissioni non ferma la caccia ai 'responsabili’. Anzi, offre a Conte tempi supplementari per l'ipotesi di coalizione Ursula

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»