29 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
29 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
Homepadrini & padroniE se il Titolo V fosse stato cambiato anche per privatizzare i beni comuni?

E se il Titolo V fosse stato cambiato anche per privatizzare i beni comuni?

Il capo direzione e analisi economico-finanziaria del dipartimento del Tesoro: per pagare il debito bisogna espropriare Comuni e Regioni delle utilities e venderle, è questo il vero affare. (video)

 

di Franco Fracassi

 

 

Ecco che cosa aveva dichiarato lo scorso anno a un giornalista de La7 Lorenzo Codogno, capo direzione e analisi economico-finanziaria del dipartimento del Tesoro, a proposito della necessità delle privatizzazioni per risanare il debito pubblico: «Il problema è che non prendi tantissimo, perché ho fatto il calcolo un po’ di tempo fa sono dodici miliardi. Meno di un punto di Pil. La vera risorsa sono le utilities a livello locale. Lì sono veramente tanti, tanti miliardi. Il problema è che non sono nostri, dello Stato. Sono dei Comuni e delle Regioni. Quindi, bisogna cambiare il Titolo V della Costituzione ed espropriare i Comuni e le Regioni».

acqua_008

 

Pochi giorni prima l’allora ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni si era espresso così: «Per ridurre il debito stiamo anche considerando la possibilità di vendere le nostre partecipazioni in aziende controllate dallo Stato: Eni, Enel, Finmeccanica».

D’accordo anche Franco Bassanini (Pd), presidente della Cassa depositi e prestiti (cassaforte del ministero del Tesoro): «L’Italia è stata colpita dalla crisi più di altri Paesi. Quindi, in Italia oggi si possono fare investimenti e finanziamenti a condizioni molto favorevoli. Ci sono ottime opportunità d’investimento in Italia. Io non mi appassiono alle privatizzazioni. Le privatizzazioni vanno fatte con molta cautela. Perché il rischio della svendita è altissimo».

Italia-in-vendita

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste

Olympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Tokyo non ama granché queste Olimpiadi, un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia [Chelsea Szendi Schieder]

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento