25.1 C
Rome
venerdì 12 Agosto 2022
25.1 C
Rome
venerdì 12 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaRabbia senza fine dei neri del Missouri: «Sulla forca il poliziotto assassino»

Rabbia senza fine dei neri del Missouri: «Sulla forca il poliziotto assassino»

Un diciottenne nero stava tornando a casa a piedi con un amico. Un poliziotto gli ha sparato più volte alla schiena solo perché non camminava sul marciapiedi. Nessun processo in vista. La polizia prende tempo. La rabbia della comunità nera si trasforma in violenze e saccheggi. (video e foto)

 

di Franco Fracassi

Camminava per strada per fatti suoi. Ha commesso un solo errore: incrociare una volante della polizia. Non aveva commesso nessun reato. Eppure adesso il diciottenne Michael Brown si trova all’obitorio. E la cittadina di Ferguson e la vicina e ben più grande Saint Louis è preda di saccheggi e di violenze da parte della comunità nera. Rabbia che si sarebbe anche potuta contenere se il dipartimento di polizia avesse arrestato e processato per direttissima il poliziotto assassino.

 

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Dell’accaduto c’è un solo testimone: l’amico di Michael il ventiduenne Dorian Johnson: «Camminavamo insieme verso casa. Marciavamo in mezzo alla strada. Non era trafficata. Quindi, non stavamo disturbando nessuno. A un certo punto si è avvicinata una volante della polizia. “Salite su quel fottuto marciapiedi”. “Siamo quasi arrivati a casa”, abbiamo risposto, continuando a camminare. L’auto ha fatto inversione e ci ha raggiunti. Ci ha quasi investito. L’agente ha preso Michael per il collo e gli ha urlato: “Ti sparo!”. Ho visto la canna dell’arma puntata contro il mio amico. Ha mirato e ha detto di nuovo: “Ti sparo!”. Ha sparato. A quel punto io e Michael abbiamo tentato di fuggire. Michael mi ha urlato: “Continua a correre fratello!”. Il poliziotto ha sparato di nuovo. Questa volta colpendo Michael alla schiena. Michael era fermo con le mani alzate e continuava a ripetere: “Non sono armato. Smetti sparare!”. Ma quella specie di Rambo era come impazzito. Ha sparato ancora e ancora e ancora. E l’ha ucciso».

 

Il poliziotto pare sia stato arrestato (non esistono conferme in proposito). Sicuramente non ancora processato. La polizia di questa cittadina del Missouri (che si trova nella cintura religiosa del ventre d’America) prende tempo. Non si conosce nemmeno il nome dell’assassino. E la rabbia dilaga.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]

Ulivi millenari, un’azione popolare per difenderli

In provincia di Brindisi, i cittadini hanno incardinato una Azione Popolare a difesa degli Ulivi plurisecolari e millenari