7.3 C
Rome
venerdì 22 Gennaio 2021
7.3 C
Rome
venerdì 22 Gennaio 2021
Home culture Shoah, i sopravvissuti: Israele a Gaza come i nazisti contro di noi

Shoah, i sopravvissuti: Israele a Gaza come i nazisti contro di noi

40 sopravvissuti e 287 discendenti di vittime dell’Olocausto scrivono ai maggiori quotidiani del mondo per rispondere a una campagna anti-Hamas del Nobel per la Pace Elie Wiesel

di Franco Fracassi

«In quanto ebrei sopravvissuti e discendenti di sopravvissuti e vittime del genocidio nazista, noi condanniamo senza indugi il massacro di palestinesi in corso a Gaza e la colonizzazione e l’occupazione della Palestina storica». Inizia così la lettera firmata da quaranta sopravvissuti all’Olocausto e da 287 discendenti di sopravvissuti o di vittime, di ventisei Paesi differenti. L’appello è stato pubblicato dal “New York Times”, da “Ha’aretz” e dal sito della Bbc.

 

Liliana Kaczerginski, figlia di un partigiano del ghetto di Vilnius, ha detto: «Ciò che Israele sta facendo va contro tutto quello per cui ha combattuto mio padre. È uno stupro della memoria della mia famiglia. È stato per me un onore firmare».

 

Hajo Meyer, sopravvissuto ad Auschwitz: «La disumanizzazione degli ebrei ha reso possibile il genocidio nazista. Nello stesso modo, stiamo assistendo a un’escalation nella disumanizzazione dei palestinesi nella società israeliana».

 

La lettera è stata una reazione alla campagna propagandistica promossa dal premio Nobel per la Pace, lo scrittore statunitense Elie Wiesel. Questi ha fatto pubblicare (a pagamento) su “New York Times”, “Wall Street Journal”, “Washington Post” e “Guardian” una pubblicità in cui si paragona lo sterminio dei bambini da parte dei nazisti con Hamas. Le radazioni di questi quotidiani ne sono risultate così scosse da decidere di pubblicare la lettera dei sopravvissuti e dei loro parenti gratuitamente.

Lo scrittore statunitense Elie Wiesel è uno dei sopravvissuti all'Olocausto (Auschwitz, Buna e Buchenwald). Nel 1986 è stato insignito del premio Nobel per la Pace, in quanto definito «messaggero dell'umanità».
Lo scrittore statunitense Elie Wiesel è uno dei sopravvissuti all’Olocausto (Auschwitz, Buna e Buchenwald). Nel 1986 è stato insignito del premio Nobel per la Pace, in quanto definito «messaggero dell’umanità».

«Siamo disgustati e oltraggiati da Elie Wiesel, da come abbia abusato della nostra storia per giustificare l’ingiustificabile: il tentativo di Israele di distruggere Gaza e di assassinare più di duemila palestinesi, tra cui alcune centinaia di bambini», si legge nella risposta.

 

I nonni di Raphael Cohen sono sopravvissuti trasferitisi negli Stati Uniti: «È il mio stesso governo che finanzia questa violenza. Quando i governi non vogliono fare la cosa giusta tocca ai singoli individuui e alle comunità denunciare la situazione. Ecco perché in appoggio ai palestinesi chiedo che Israele e tutti i Paesi che appoggiano la sua violenza vengano boicottati, gli vengano sottratti gli investimenti e vengano sottoposti a sanzioni».

540121_10152078455759518_543669355_n

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Colloqui e vaccino: la protesta di Dana alle Vallette

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio