martedì 20 novembre 2018

Violante giudice della Consulta? Ma vi ricordate quando… (video)

Violante giudice della Consulta? Ma vi ricordate quando… (video)

Perché Renzi e Berlusconi vogliono così insistentemente che Violante diventi giudice costituzionale? Il 28 febbraio 2002 il deputato Pd fece un discorso alla Camera in cui rivendicò un patto segreto che garantiva impunità e prosperità al Cavaliere. Il video del suo intervento.

 

di Franco Fracassi

Renzi, Berlusconi e Grillo facce stessa medaglia

«La invito a consultare l’onorevole Berlusconi, perché lui sa per certo che è stata data la garanzia piena, non adesso, ma nel 1994, che non sarebbero state toccate le televisioni quando ci fu il cambio di governo. Lo sa. Lo sa lui e lo sa l’onorevole Letta. Ci avete accusato di regime nonostante non avessimo fatto il conflitto d’interessi, avessimo dichiarato eleggibile Berlusconi nonostante le concessioni tv, avessimo durante il centrosinistra aumentato di venticinque volte il fatturato di Mediaset». Mentre pronunciava questo discorso alla Camera (era il 28 febbraio 2002) Luciano Violante era convinto di quello che diceva. Nella sua voce e nella sua mimica non mostrava alcuna vergogna. Anzi, il suo era un discorso di rivendicazione. Guardate quanto siamo bravi.

 

Luciano Violante viene da molti considerato il ponte di collegamento per le questioni sulla giustizia tra il Pd e Berlusconi, tanto da essere l’unico esponente del centro-sinistra a essere stato invitato alla Festa delle Libertà di Milano nel 2008.

renzi_berlusconi

In riferimento all’ineleggibilità del Cavaliere, il 21 maggio 2013 egli ha dichiarato: «Per tre o quattro volte, nelle passate legislature, il centrosinistra ha votato in un certo modo. Se non ci sono fatti nuovi non vedo perché dovremmo cambiare questa scelta».

 

Violante è l’uomo che il presidente del consiglio Matteo Renzi e il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi vogliono più di chiunque altro alla Corte Costituzionale. Come si dice: è un uomo di garanzia. Ma garanzia per chi?

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.