25.3 C
Rome
venerdì 17 Settembre 2021
25.3 C
Rome
venerdì 17 Settembre 2021
Homequotidiano movimentoFreedom Flotilla: Israele deve restituire il veliero Estelle

Freedom Flotilla: Israele deve restituire il veliero Estelle

Dopo due anni di scontri legali, un tribunale israeliano sancisce l’illegalità del sequestro del veliero Estelle, abbordato nel 2012 dalla marina militare di Tel Aviv mentre navigava verso Gaza con un carico di beni.

di Marina Zenobio

Ship to gaza veliero estelle

Ship to Gaza Svezia, membro della Freedom Flotilla ha reso noto che lo scorso 31 agosto un tribunale israeliano ha emesso un verdetto contro il governo di Tel Aviv e a favore dell’organizzazione svedese riguardo al diritto di restituzione del veliero Estelle ai legittimi proprietari. Non è stato un iter legale facile, perché Israele ha messo in campo ogni argomento, compreso quella della sicurezza nazionale, per mantenere confiscato il veliero. Alla fine però hanno vinto, Estelle dovrà tornare a disposizione di Ship To Gaza Svezia, e Israele dovrà pagare ogni spesa legale.

Il veliero Estelle fu utilizzato nell’ottobre del 2012, durante un azione della coalizione internazionale Freedom Flotilla per rompere l’embargo a Gaza. Durante la sua tappa italiana a La Spezia, Estelle fu salutata anche da un intervento di Ascanio Celestini.

A bordo c’erano attivisti per i diritti umani e parlamentari di varie nazionalità europee, e trasportava alberi di ulivo, sedie a rotelle, Equipaggio Estelle deambulatori, stampelle, stetoscopi ostetrici, libri per bambini, giocattoli, palloni da calcio, strumenti musicali, attrezzature teatrali, radio per la navigazione e altro materiale, come 41 tonnellate di cemento acquistate al porto di Alicante tramite il gruppo di appoggio spagnolo Rumbo a Gaza e della ong Carrers del Mon. Destinataria era una organizzazione gazawi che avrebbe dovuto utilizzare il cemento per la ricostruzione di infrastrutture civile. Materiali più che mai utili ora, per la popolazione palestinese della Striscia, dopo il massacro e la distruzione di questa estate da parte dell’esercito israeliano.

L’imbarcazione percorse allora 5.000 miglia nautiche, dal Mar Baltico fino al Mediterraneo Orientale, prima di essere abbordata, dirottata verso il porto di Ashod e sequestrata da sei unità della Marina militare israeliana in acque internazionali, a circa 30 miglia dalla costa di Gaza (Vedi video). Da allora il veliero e il suo carico sono rimasti “sotto custodia” dello stato di Israele, una confisca che Ship to Gaza ha sempre denunciato come contraria sia alle leggi internazionali che alle stesse leggi israeliane.

Il portavoce di Ship to Gaza, Dror Freiler, ha dichiarato alla stampa: “Ribadiamo la nostra richiesta che sia l’imbarcazione che il suo carico ci vengano immediatamente restituiti, e che lo stato di Israele paghi per ogni eventuale danno causato al veliero e al suo carico durante il periodo in cui è stato sotto sequestro”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati

Referendum cannabis, onda verde a quota 100mila in 24 ore

Una partenza da sballo per il referendum cannabis. C'è tempo solo fino al 30 settembre per raggiungere le 500mila firme necessarie