14.7 C
Rome
martedì 27 Settembre 2022
14.7 C
Rome
martedì 27 Settembre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureFerrara, quando il teatro s-prigiona energie

Ferrara, quando il teatro s-prigiona energie

Festival di Internazionale, non solo Renzi (che è stato contestato) e Lady Pesc: il programma partecipato del festival in corso a Ferrara ospita un incontro su Etica ed estetica del teatro in carcere

da Ferrara, Paci Ugo

teatro-e-carcere-1-420x279

 

Mica ci sono solo Renzi, lady Pesc e parecchi columnist mainstream questo week end a Ferrara: nell’ambito del programma partecipato del Festival Internazionale 2014, infatti, ci sono alcune chicche. Come quella di Balamòs Teatro che opera negli Istituti Penitenziari di Venezia dal 2006 con il progetto teatrale “Passi Sospesi”, in collaborazione con il Centro Teatro Universitario di Ferrara (C.T.U.), il Coordinamento Nazionale di Teatro in Carcere, l’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro e la rivista europea “Teatri delle diversità”, che propone un’iniziativa sul Teatro in Carcere dal titolo “Etica ed estetica del teatro in carcere”.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

L’intento è quello di avviare una riflessione sul rapporto tra etica ed estetica nel teatro, in particolare nell’esperienza carceraria, attraverso il confronto tra operatori teatrali, giornalisti, studiosi di teatro, cittadini. L’evento nel festival Internazionale 2014 fa seguito agli appuntamenti organizzati nel 2012, dal titolo: “Teatro e Carcere oggi in Italia: esperienze, metodologie, riflessioni”, e 2013 dal titolo: “La cultura ci rende migliori? Dialogo sul teatro in carcere”.

L’incontro, introdotto da Daniele Seragnoli, direttore del Centro Teatro Universitario di Ferrara e da Michalis Traitsis, regista e pedagogo teatrale di Balamòs Teatro, prevede interventi di Vito Minoia (Coordinamento Nazionale di Teatro in Carcere, rivista europea “Teatri delle diversità”, Casa Circondariale di Pesaro), Paolo Puppa (Università di Venezia), Fabio Cavalli (La Ribalta – Centro Studi Enrico Maria Salerno, Casa Circondariale di Rebibbia), Gianfranco Pedullà (Teatro Popolare d’Arte, Casa Circondariale di Arezzo e Pistoia), Valeria Ottolenghi (critico teatrale, direttivo Associazione Nazionale dei Critici di Teatro), Michele Sambin (regista, musicista, pittore, fondatore del Tam Teatro Musica).

L’incontro sarà preceduto dalla proiezione del video documentario di Marco Valentini (durata 30’), relativo al progetto teatrale “Passi Sospesi” attuato nel 2012 e 2013 negli Istituti Penitenziari di Venezia (Casa di Reclusione Femminile di Giudecca e Casa Circondariale Maschile di Santa Maria Maggiore di Venezia). (www.balamosteatro)

locandinainternazionale2014

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Massa: l’alberghiero a indirizzo oscurantista

Regolamento choc per studenti e insegnanti in una scuola di Massa, tra errori educativi e diritti negati

Caso Hasib, “decapitato” il Commissariato di Primavalle

L'inchiesta sulla perquisizione degli agenti nella casa del disabile poi precipitato dal balcone [Maria D'Amico]

Il derby Meloni-Salvini

La sfida interna alle destre tra gioco delle parti e lotta per la leadership, vista da un inviato di Mediapart [Romaric Godin]

Antiziganismo, quel razzismo normale della Lega

Intervista a Gennaro Spinelli (Ucri) durante un presidio contro l'ennesimo caso di hate speech a Firenze [Chiara Nencioni]

I soldi ci sono ma i padroni li tengono stretti. E lo ammettono

Rapporti choc di Ocse, Fondazione Ambrosetti e Fondazione Di Vittorio. La profittabilità delle imprese italiane è tra le più alte d'Europa, i salari sempre più bassi e per ogni posto vacante ci sono dieci disoccupati