-0.5 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
-0.5 C
Rome
venerdì 28 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureUna canzone può cambiare tutto

Una canzone può cambiare tutto

Arriva al cinema Tutto può cambiare, nuova pellicola del regista irlandese John Carney con Keira Knightley e Mark Ruffalo. Su Popoff la recensione.

di Giorgia Pietropaoli


Il trailer del film

«Mamma dice che sei un patetico fallito./Lo dice con affetto». Gli elementi con cui sceglie di partire Tutto può cambiare sono cosa nota tipica di una commedia del riscatto. C’è un lui, Dan (l’orsacchiotto riccioluto Mark Ruffalo), manager musicale un tempo di successo, che è sull’orlo del baratro lavorativo, alcolico e in parte familiare, con un matrimonio fallito e una figlia adolescente che «esce di casa come Jodie Foster in Taxi Driver» alle spalle. C’è una lei, Greta (l’elegante e un po’ algida Keira Knigthley), cantautrice sconosciuta e in crisi sentimentale, ferita e tradita dall’altro, un certo Dave (il leader dei Maroon 5, Adam Levine), cantante sulla cresta dell’onda, con una discutibile barba-simbolo del suo percorso musicale. Ma non è il solito triangolo amoroso lui/lei/l’altro. Per fortuna.
La brillante via d’uscita trovata da John Carney a una commedia che sarebbe potuta sfociare nell’estrema prevedibilità, è di dirigere gli attori non in un film romantico dall’epilogo scontato ma di farli muovere in una pellicola pop/folk/indie/rock in cui i veri protagonisti sono altri: la musica e la città di New York.

tuttopuò cambiare

La bellezza di Tutto può cambiare sta nel mostrare il processo creativo, nel raccontare l’intuizione, nella meraviglia di dare una colonna sonora a immagini di vita quotidiana che altrimenti potrebbero sembrare banali. Tra un uomo che sta lentamente affondando («Sembri più un senza tetto») e una donna che ha un talento dal cuore spezzato, s’insinua una canzone a fare da nodo salvifico, un’ispirazione underground che rappresenta la svolta per entrambi.
«Nessuno viene a New York e riparte prima che gli sia successo qualcosa di terribile». Carney gioca a dare visibilità al tessuto urbano di una metropoli schizofrenica, conquistando l’attenzione grazie a qualche nota pop ben costruita (e Lost Stars interpretata da Levine è, a orecchio, una hit garantita) e altre note dal sapore surreale, come lo studio di registrazione mobile e la chitarrista che non sa suonare, tanto per fare qualche esempio.

Ogni passo della sceneggiatura sembra voler inneggiare alla sperimentazione e produzione di un prodotto di qualità (e di successo) al di fuori della logica delle major, a beneficio di quelli che rimangono spesso in disparte o ai margini delle logiche di mercato prestabilite dall’industria discografica (o qualsiasi altro tipo di industria: il piano metaforico s’intende alla perfezione).
«È l’artista che ci manda il demo…/Ma noi siamo talent scout!». Oltre la metafora, si srotola la vicenda umana dei personaggi; personaggi che sono alla ricerca disperata del loro posto nel mondo, della loro rivincita, del loro modo per esprimere frustrazioni e delusioni. «Non stavo cercando di riconquistarti. Stavo solo cercando di mandarti a ‘fanculo».
Se l’ovvietà rischia di prendere il sopravvento e possesso della narrazione degli eventi, Carney si sforza, con largo anticipo, di eliminare possibili scenari dozzinali.

tutto-puo-cambiare1

L’happy ending non è mai messo in discussione, com’è normale che sia in una commedia di genere. Ognuno lo troverà alla sua maniera. Con un vestito migliore, con uno splitter, con una corsa in bicicletta. Carney, forse, non osa abbastanza ma trova la chiave giusta per mettere in scena una storia leggera e godibile.
Una di quelle storie che potreste canticchiare spensieratamente sotto la doccia; e se per caso avete un gatto accanto che vi fa le fusa mentre siete nel pieno della performance da bagno ricordatevi che non è detto che stia apprezzando. Potrebbe essere il suo modo per farvi sapere che “ehi, guarda che ti sto fischiando”.

TUTTO PUO’ CAMBIARE
Regia di John Carney
Con Keira Knightley, Mark Ruffalo, Adam Levine, Hailee Steinfeld, James Corden
Titolo originale: Begin Again
Commedia, 104 min.
USA, 2013
Uscita giovedì 16 ottobre 2014
Voto Popoff: 3/5

mipiace da vedere se: siete curiosi di sentire le esibizioni canore di Keira Knightley
nonmipiace da non vedere se: non amate le commedie musicali

 

 

 

 

 

 

 

 

begin_again_poster

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Manganellate sugli studenti dopo l’omicidio di Lorenzo

Mobilitazioni in molte città per ricordare Lorenzo Parelli, studente ucciso mentre era in alternanza scuola lavoro

Ian Anderson: «Travestirsi era divertente ma…»

Esce The Zealot Gene, il nuovo disco dei Jethro Tull. Graham Fuller ha intervistato Ian Anderson per The Guardian

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio