25.1 C
Rome
domenica 26 Giugno 2022
25.1 C
Rome
domenica 26 Giugno 2022
HomecultureIn Ucraina vincono gli oligarchi: pro Washington e pro Mosca

In Ucraina vincono gli oligarchi: pro Washington e pro Mosca

Le elezioni parlamentari disertate da metà degli elettori. Maggior parte dei partiti con miliardari nelle proprie liste. Vince lo schieramento pro Nato. Quello pro Russia resta forte.

 

di Franco Fracassi

«I nostri oligarchi sono migliori dei vostri oligarchi».
«I nostri oligarchi sono migliori dei vostri oligarchi».

Il primo si chiama Petro Poroshenko, il secondo Sergei Lyovochkin. Poi c’è anche un terzo (Igor Kolomoisky), un quarto (Rinat Akhmetov), un quinto (Yuriy Boiko), un sesto (Dmitry Firtash). Una lista più lunga di venti nomi. Tutte queste persone hanno in comune due cose: il fatto di essere miliardari e di essersi tutti candidati o del’aver presentato propri partiti alle ultime elezioni parlamentari tenutresi in Ucraina. Si potrebbe riassumere così: miliardari pro Occidente contro miliardari pro Russia. «Alla fine tutti questi oligarchi pensano solamente agli affari propri e delle proprie aziende», ha riassunto l’inviato della Bbc a Kiev.

 

Hanno vinto gli amici di Washington e Bruxelles. Ma metà del Paese non è andata a votare. In particolare la metà che avrebbe prevalentemente votato per i partiti russofoni. Quindi, l’oltre quindici per cento che ha votato per comunisti e amici dei ribelli del Donbass può far cantare vittoria anche gli amici di Mosca.

 

Poi ci sono i nazisti. In tanti in questi mesi si sono avvalsi dei loro favori e della loro inclinazione alla violenza. Kolomoisky ne è stato perfino il principale finanziatore e sponsor politico. Ma nessun miliardario si è presentato nelle loro liste, e così i tre partiti di estrema destra si sono dovuti accontentare (si fa per dire) del quindici per cento. Anche se solo il Partito radicale è entrato in parlamento. Svoboda e Pravy Sektor non ce l’hanno fatta (come non ce l’ha fatta per la prima volta nella storia dell’Ucraina il Partito comunista)

 

Per Poroshenko, detto «Willy Wonka» perché produce cioccolato, sarà più facile governare, visto che adesso avrà i due terzi del parlamento dalla sua parte. Però, è anche cosciente che il leader dell’opposizione (Lyovochkin e il suo Blocco di opposizione) ha dalla sua parte una quasi maggioranza silenziosa, desiderosa quanto prima a far cessare la guerra civile che imperversa da marzo nell’Est e nel Sud del Paese. Guerra alimentata da Poroshenko e dai suoi alleati nazisti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Nupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

La Nupes esita sulla sua modalità di organizzazione. Mélenchon propone un gruppo unico in Parlamento ma ... [Mathieu Dejean]

Watergate, mezzo secolo dopo. Una lezione per oggi

L'anniversario del 50 anni dallo scandalo Watergate cade nei giorni dell'inchiesta su Trump L'insabbiamento del Watergate da parte di Ni...

Storico in Colombia, vincono il guerrigliero e la femminista

Il ballottaggio in Colombia premia il candidato della sinistra, Gustavo Petro, leader del Pacto historico

Francia, schiaffo a Macron, boom di Le Pen, Nupes prima opposizione

Francia, la Nupes è l'opposizione più importante. Macron non ha la maggioranza assoluta ma l'estrema destra sfonda

Che fa l’Australia per proteggere il suo concittadino Assange?

Giorni decisivi per la sorte di Julian Assange dopo il via libera all'estradizione negli Usa da parte di Londra. Il ruolo dell'Australia