27.6 C
Rome
mercoledì 19 Giugno 2024
27.6 C
Rome
mercoledì 19 Giugno 2024
Homepadrini & padroniLegge elettorale, del Porcellum Renzi non butta niente

Legge elettorale, del Porcellum Renzi non butta niente

La Consulta aveva bocciato come incostituzionale il maggioritario e il bipolarismo. Ma Renzi e Berlusconi riscrivono insieme la legge elettorale

Berlusconi-e-Renzi-300x225

Premio di maggioranza al partito che ottiene il 40%, ma se nessuno supera questa soglia si va al ballottaggio tra i due partiti più votati; 70% dei deputati eletti con preferenza in collegi plurinominali, 30% eletti in liste bloccate su base regionale con metodo interamente proporzionale; soglia di sbarramento al 5%. E’ questo il nuovo Italicum proposto da Matteo Renzi a Silvio Berlusconi, un modello che ricorda in parte il vecchio Mattarellum, ma che può avere svariate varianti a seconda dell’ampiezza dei collegi. Un elemento, quest’ultimo, che ha impatto non solo su Fi ma anche nel Pd e negli alleati. Rispetto alla riforma elettorale approvata a marzo dalla Camera, nel nuovo Italicum cambiano molte cose: il premio di maggioranza viene assegnato non alla coalizione vincente ma alla lista, ed esso scatta col 40% dei voti anziché col 37%. Anche nella proposta di oggi c’è il ballottaggio tra i due partiti più votati per l’assegnazione del premio di maggioranza (55%) nel caso nessuna lista raggiungesse il 40% al primo turno. E fin qui Berlusconi è d’accordo. L’Italicum aveva una serie di soglie di sbarramento (12% per le coalizioni, 8% per i partiti che corrono da soli, 4,5% per i partiti all’interno di una coalizione), mentre nel nuovo sistema ce ne sarebbe una sola del 5% (ben vista dal Cavaliere) che però l’Ncd vorrebbe far scendere al 4%. L’altra grande novità sono le preferenze, invise a Berlusconi ma gradite a M5s, cose che permette a Renzi di giocare su due “forni”. Nell’Italicum tutti i deputati erano eletti in listini bloccati in 120 collegi. La nuova proposta Pd prevede invece le preferenze; ma il 30% dei parlamentari verrebbero eletti in listini bloccati di 4-5 nomi su base regionale. La prima decisione politica, che precede i ragionamenti tecnici, è se accettare questo rapporto 70-30 tra preferenze e liste bloccate. Berlusconi, per esempio, ha detto: “e perché non 50-50?”. Se fosse per il Cavaliere le preferenze non ci dovrebbero essere, ma esse fanno recuperare a Renzi la minoranza interna del Pd (in agitazione sul Jobs Act). Bisognerà capire quali sono i margini di trattativa nel Pd e in Fi su questo punto. L’altra decisione fondamentale riguarda la dimensione dei collegi plurinominali: se rimanesse piccola come quella dell’Italicum, in ciascuno collegio verrebbero eletti circa 4 deputati, accentuando la “competition” interna ai singoli partiti, in particolare tra le correnti del Pd. Per un partito diviso sul territorio ancor più che a livello nazionale, questa competizione avrebbe effetti deleteri, perché le attuali divisioni locali tenderebbero a consolidarsi. Se invece i collegi venissero allargati in modo che in ciascuno siano eletti 8-10 deputati, il Pd si potrebbe risparmiare le primarie interne e avrebbe una “competition” tra correnti meno cruenta. Al contrario con collegi piccoli come quelli dell’Italicum Forza Italia avrebbe, in rapporto, più eletti nella parte proporzionale con i listini bloccati, e questo consentirebbe a Berlusconi di assicurarsi una maggior quota di fedelissimi in Parlamento.

Tra i primi commenti quello di Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione comunista: «L’incontro tra Renzi e i condannati e rinviati a giudizio rappresenta a tutti gli effetti il tentativo delle due destre di restaurare un bipolarismo che non esiste nel paese ed è anticostituzionale. Un vero e proprio interesse privato in atti pubblici che nulla ha a che vedere con il buon governo dell’Italia. La strada maestra sulla legge elettorale è che ogni italiano e italiana conti per uno – un sistema proporzionale con una preferenza – cioè la legge elettorale riscritta dalla sentenza della consulta».

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte