21.8 C
Rome
martedì 4 Ottobre 2022
21.8 C
Rome
martedì 4 Ottobre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniItalia: pizza, spaghetti e polizia

Italia: pizza, spaghetti e polizia

 

Secondo dati Onu, siamo il paese dell’Ue con più polizia procapite. La Russia è campione del mondo di questo sport. Seconda la Turchia di Erdogan

10688427_774213159291017_4508245849320060881_o

 

L’Italia di Renzi-Berlusconi è il terzo paese al mondo per quantità di poliziotti. E a sentire Salvini e altri sinceri democratici ce ne vorrebbe di più. Ma il record mondiale spetta alla Russia di Putin, il paese più sorvegliato al mondo, con buona pace dei neocampisti, seguito dalla Turchia di Erdogan, appunto dall’Italia e Portogallo.
Questa l’infografica grafica da Statista utilizzando statistiche dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine.
Ogni centomila russi ci sono 564,6 “piedipiatti”, in Turchia 474,8 per 100.000 e in Italia 467,2.Non conteggiati paesi come Bielorussia, Corea del Nord e Uzbekistan. [fonte The Independent]

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il secondo turno sociale

L'assemblea nazionale delle convergenze, primo confronto tra i movimenti dopo la vittoria delle destre

E’ così che il “no al fascismo” è diventato impercettibile

L'estrema destra fa parte del panorama da decenni. Le responsabilità del "centro-sinistra" in questa banalizzazione [Ellen Salvi]

“Noi non paghiamo” contro il trucco delle bollette mensili

Il movimento contro l'aumento delle tariffe smonta la decisione di Arera sulla mensilizzazione delle bollette

La danza è la prosecuzione della politica. Con altri fini

A Genova riprende con Steve Reich, Resistere e creare, la rassegna di danza contemporanea Ripartiamo dal corpo. Soggetto (politico): prima ...

Massa: l’alberghiero a indirizzo oscurantista

Regolamento choc per studenti e insegnanti in una scuola di Massa, tra errori educativi e diritti negati