32.2 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
32.2 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
HomecultureCommissario Luciani chi sei?

Commissario Luciani chi sei?

Il Tex Willer genovese, anoressico per vocazione, è alle prese con gastronomi e produttori di olio. Lo scrittore Claudio Paglieri racconta in video a Popoff L’ultima cena del commissario Luciani

intervista video di Massimo Lauria

Il commissario Luciani è un Tex Willer moderno, col pallino del tennis e anoressico per vocazione, che dà la caccia ai criminali a bordo della sua vecchia Clio un po’ malconcia e troppo stretta per le sue gambe lunghe. Alto un metro e novantasette, di una magrezza spettrale, l’eroe di carta della squadra omicidi di Genova è alla sua quinta avventura. Questa volta è alle prese con gastronomi famosi e produttori di olio ligure.

Il suo compito è quello di proteggere il grande chef Dario Dolci, minacciato di morte. Suo malgrado è costretto a seguirlo per ristoranti stellati, assaggiando piatti di cui non gli importa niente e cercando di scoprire l’autore delle minacce.
Lo scrittore genovese Claudio Paglieri ci racconta in video L’ultima cena del commissario Luciani.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte