L’Europa si preoccupi dei mercenari in azione in Ucraina

L’Europa si preoccupi dei mercenari in azione in Ucraina

5 unità paramilitari al sevizio dell’Esercito di Kiev, al loro interno almeno 250 foreign fighters provenienti dall’Europa. Se non saranno uccisi, prima o poi torneranno

di Mirna Cortese

Battaglione Azov durante una esercitazione
Battaglione Azov durante una esercitazione

Pensando a un foreign fighter viene in mente un giovane di sesso maschile, di età compresa tra i 19 e i 29 anni, probabilmente di origine mediorientale e musulmano, nonché associato ai preoccupanti avvenimenti in Siria e Iraq. Sì è questa l’immagine che viene in mente alla maggior parte della gente, e questo non è necessariamente sbagliato ma di certo non è una definizione accurata.

Affronta la questione Lewis Barton* sull’Huffingtonpost.uk ponendo però una domanda: “sono i combattenti del fondamentalismo islamico gli unici foreign fighters di cui l’Europa dovrebbe preoccuparsi?” La risposta per Barton è un netto “no”, e mette in guardia sulla minaccia che questi “combattenti” rappresentano per l’Europa una volta che rientreranno nei propri paesi, un pericolo sottovalutato e trascurato. Il conflitto in Ucraina, per fare un esempio, sta fornendo un terreno su cui l’addestramento di stranieri membri di gruppi di estrema destra avviene senza alcuna opposizione.

Uno dei gruppi più temuti è quello del Reggimento Azov, meglio noto come Battaglione Azov (in ucraino Батальйон A3OB), vero e proprio reparto paramilitare fondato da Andriy Biletsky, con compiti sia militari che di polizia, inquadrato nella Guardia Nazionale Ucraina e creato proprio per contrastare la guerriglia dei separatisti filo-Russia del Donbass. Oltre a contare nelle sue fila di volontari provenienti da partiti e movimenti legati all’estrema destra ucraina, questo gruppo neo-nazista vanta non meno di 250 foreign fighter provenienti da Svezia, Finlandia, paesi Baltici, Francia, Spagna e Italia, ma anche russi e canadesi, tutti volontari di chiara ispirazione nazi-fascista. Biletsky, anche membro del partito neo-nazista “Assemblea Nazional Sociale/Patrioti dell’Ucraina, ha adottato, per lo stendardo del suo esercito di mercenari, il Wolfsangel, icona nazista in uso dalle SS nella seconda guerra mondiale, mentre dallo sfondo emerge lo Schwarze Sonne, il sole nero.

“Ancora più preoccupante – secondo Barton – è la presenza di questo gruppo sui social network, con potenti materiali ideologici di estrema destra, indirizzi e numeri di telefono per contatti, tutto in lingua inglese per facilitare il processo di reclutamento e renderlo più accessibile ai potenziali foreign fighter che desiderano aderire”.

La comparsa di foreign fighters che combattono in Europa orientale non è però un fenomeno nuovo. Durante il conflitto russo-ceceno, nel 1995, ne confluirono molti nella regione. Allora perché, secondo Barton, questa volta dovremmo preoccuparci?
Il pericolo rappresentato dal ritorno in patria di un mercenario dall’Ucraina è probabilmente diverso da quello di un foreign fighters che rientra dalla Siria, ma un individuo con vedute radicali che è stato ben addestrato potrebbe commettere o contribuire ad un attentato.

Mikael Skillt 276Attualmente, e solo per fare un nome, Barton scrive che del Battaglione Azov fa parte un cittadino svedese, Mikael Skillt (nella foto), un cecchino preparatissimo con sette anni di esperienza nell’esercito svedese. I ribelli filo-russi hanno messo sulla sua testa una taglia di 7000 dollari per il pericolo che Skillt rappresenta, un uomo che si descrive come un “nazionalista etnico per la supremazia bianca”, con posizioni di estrema destra e un potenziale da renderlo pericolosissimo.

Un altro gruppo, delle cinque unità paramilitari ( Azova, Dnepr-1, Dnepr-1, Donbass, Aidar)
al servizio dell’Esercito ucraino, è il Battaglione Aidar, segnalato per aver commesso crimini di guerra: i media riportano abusi, rapimenti, detenzioni illegali, torture e decapitazioni.
“La brutalità del conflitto – si preoccupa Barton – potrebbe anche avere delle conseguenze sulla salute mentale del foreign fighter”. C’è la possibilità che il Ptsd (disturbo post traumatico da stress) possa colpire il mercenario di ritorno al suo paese. Una persona addestrata a commettere atroci violenze potrebbe, in particolari circostanze, tornare a commetterne”.

Ma c’è anche un’altra seria e possibile conseguenza da prendere in considerazione, quella dell’impatto e dell’influenza che il mercenario di ritorno dall’Ucraina può avere su altri simpatizzanti dell’estrema destra, oltre all’aver acquisito una preparazione logistico-militare che potrebbe condividere.

“E’ comprensibile che il problema del rientro di foreign fighters islamici abbia la precedenza, gli attacchi di Parigi hanno preso il centro della scena” scrive Barton. Il traffico dall’Europa verso Siria e Iraq è di certo superiore al flusso verso l’Ucraina. Tuttavia è sufficiente un solo “combattente” di ritorno ad organizzare un attentato devastante. In tal senso Barton ricorda gli attentati commessi in Norvegia da Anders Breivik, solitario estremista di destra xenofobo e antislamista che nel 2011, in due azioni coordinate (ad Oslo e sull’Isola di Utoya) causò la morte di 77 persone.

Barton invita quindi ad immaginare quali azioni potrebbe mettere in atto un mercenario addestratissimo al combattimento, con accesso e collegamenti per procurasi armi. Possiamo solo sperare che si presti più attenzione ai mercenari europei di estrema destra in azione in Ucraina, anche se il conflitto non sembra essere una priorità dei media mainstream, o almeno non in questo senso. “Ma – conclude Barton – finché ci sono organizzazioni disposte a sollevare la questione e a cercare di contrastare la narrativa di estrema destra, qualche speranza c’è”.

*Lewis Barton attualmente lavora per il gruppo di studio londinese per il Dialogo Strategico. Impegnato in FREE, libera iniziativa paneuropea di lotta all’estremismo di destra in Europa. Ha una laurea in War and Security Studies conseguita presso l’Università britannica di Hull.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.