mercoledì 17 ottobre 2018

Tosi-Salvini: è derby nerissimo. Chi è più fascioleghista?

Tosi-Salvini: è derby nerissimo. Chi è più fascioleghista?

Non è l’alleanza con Casapound a disturbare Tosi. La “sua” Verona è un laboratorio delle destre fascistoidi. La posta in gioco è la poltrona da Governatore del Veneto

di Checchino Antonini

tosi+fascisti-e1416221098549
Adesso Tosi viene a dire che «l’alleanza con Casapound contrasta con la storia della Lega». Gli piace sembrare morbido. Quasi fosse un leghista di peluche. Oppure una “colomba”, contrapposta ai “falchi” Borghezio e Salvini. Si parla del sindaco di Verona, Tosi. A lui non va giù l’asse con Casapound, i fascisti del III millennio. Ma mica perché è un moderato. Perché forse predilige Forza Nuova o il Veneto Fronte Skinheads o altri intrugli di cristianità reazionaria o paganesimo razzista. Ma pure Casapound. Tra i consiglieri comunali e circoscrizionali eletti nella sua lista Tosi, parecchi provengono proprio dalle file della destra radicale e qualcuno ne è tuttora il referente. Vittorio Di Dio, ex Msi-An-PdL, è il referente di CasaPound in consiglio comunale, Marcello Ruffo, coordinatore regionale di CasaPound, è consigliere in Terza circoscrizione, Massimo Piubello, ex Veneto Front Skinhead, ex Fiamma Tricolore, attualmente di Progetto nazionale-Fiamma futura, è consigliere comunale, Ciro Maschio, ex Fronte della Gioventù, ex An, attualmente di Fratelli d’Italia, è consigliere comunale. Altri, ex consiglieri in forza al centrodestra, sono stati nominati presidenti delle municipalizzate. Andrea Miglioranzi, ex Veneto Front Skinhead, chitarrista del gruppo nazirock “Gesta Bellica” è presidente dell’Amia (municipalizzata per i Servizi ambientali), Massimo Mariotti, ex MSI-AN, referente della destra sociale, indicato dagli integralisti cattolici sul sito Agere Contra come loro responsabile, ex assessore alle Politiche giovanili nella giunta Sironi (Forza Italia) dal 1998 al 2002, è presidente di Acque Veronesi, la società consortile che gestisce la rete idrica cittadina. L’avvocato difensore di tutti i neonazisti coinvolti in pestaggi o peggio, Roberto Bussinello, ex Fiamma tricolore, ex Forza Nuova, attualmente di Comunità identitaria, fa parte dell’organismo di vigilanza di Agsm (municipalizzata che gestisce la rete di distribuzione di gas ed energia elettrica).

Consulta e scarica il dossier integrale >>>

Lo rivela un corposo dossier integrale sulle gesta del neofascismo veronese. Popoff l’aveva anticipato in autunno del 2014 alla vigilia dell’assemblea del 25 ottobre con la quale le realtà antifasciste e antirazziste scaligere hanno iniziato un percorso che arriverà fino al 25 aprile a scandire una mobilitazione comunque permanente.
Quel caos totale nella Lega Nord che viene descritto come uno scontro tra falchi e colombe è in realtà un derby di fazioni fascistoidi e la posta in gioco è la cospicua torta del governo regionale. Flavio Tosi minaccia di candidarsi alla presidenza del Veneto con una lista autonoma targata Liga Veneta. Matteo Salvini avvisa il sindaco ribelle: «Chiunque non sostiene Luca Zaia si mette fuori». Roberto Maroni invita «ad aspettare qualche giorno» nella speranza che le parti trovino un’intesa. Zaia glissa sull’ipotesi lista Tosi: «Ognuno è libero di fare quel che vuole», dice anche se è probabile che non ne sia affatto contento. Una pattuglia di 3-4 parlamentari tosiani guidata dalla senatrice Patrizia Bisinella, invece, sta pensando di lasciare il gruppo del Carroccio in Parlamento «se Milano non ritirerà il commissariamento del Veneto». Intanto, i margini per arrivare ad una soluzione di compromesso tra tutte le parti in causa appaiono sempre più ridotti. Ed anche il tempo stringe: domenica scade l’ultimatum per ricucire dato a Tosi da Salvini che, nel frattempo, esclude la convocazione di un nuovo consiglio federale della Lega Nord per rivedere la nomina del commissario inviato in Veneto.
Intanto, Salvini ha visto Silvio Berlusconi a Milano e ha strappato il sostegno di Forza Italia alla candidatura di Zaia in Veneto. Alfano attende di capire come finirà tra Salvini e Tosi per sciogliere le riserve su un eventuale appoggio alla lista autonoma del leader veronese non digerito dagli esponenti locali pronti a varare liste autoctone per seguire Zaia.
L’ultimo, eclatante episodio di discriminazione “istituzionale”, riguarda i 99 Posse, a cui è stato praticamente impedito di esibirsi in città nell’ambito dell’Vrban Ecofestival. Ma sono molti altri gli episodi e i fatti, ben più gravi, a scandire la vita quotidiana della città.
L’aggressione squadrista all’università in occasione di una conferenza di Alessandra Kersevan sulle foibe, l’approvazione in consiglio comunale di una mozione omo-transfobica a cura del consigliere integralista cattolico Alberto Zelger, che invita le scuole a vigilare sulle iniziative in odor di “teoria del gender” con numero verde comunale per ricevere le “spiate”, le varie ordinanze e divieti del sindaco, tra cui quella che multa chi soccorre i senzatetto, l’aggressione fascista in vari locali del quartiere popolare di Veronetta con protagonista il suddetto consigliere di circoscrizione Marcello Ruffo, l’approvazione con finanziamento pubblico del progetto di quest’ultimo per una commemorazione del neofascista Sergio Ramelli, sono soltanto alcuni degli episodi di un elenco che sarebbe tristemente più lungo. Dal 2008, dall’omicidio di Nicola Tommasoli, non è cambiato nulla!

I compilatori del dossier partono proprio da quattro foto di Tosi da qui per raccontare gli accadimenti a Verona e dintorni degli ultimi tredici anni. Eletto nel 2007 e riconfermato a furor di popolo nel 2012, Tosi sembra proprio il trait- d’union tra la politica istituzionale ed il variegato e vasto mondo dell’estremismo di destra.
«Verona è un laboratorio politico strategico e di vitale importanza per sperimentare sempre nuove forme di politiche razziste, xenofobe e discriminatorie. Grazie anche e soprattutto ai saldissimi legami tra le istituzioni locali (e non solo) ed i gruppi neofascisti. Come da tradizione (vedi dossier “Allarmi son fascisti” e “Veronesi tuti mati”, che terminano con l’anno 2001)», scrivono gli antifascisti scaligeri.

Questo lavoro di inchiesta e documentazione è diventato, a questo punto, imprescindibile. L’unico quotidiano di informazione locale (L’Arena) è legato a doppio filo al sindaco Tosi ed alla sua squadra di uomini, e quindi poco si presta a raccontarne le gesta in maniera deontologicamente corretta. Proprio per via della “cappa mediatica” che L’Arena ha contribuito a costruire in questi anni, solo in rarissimi casi qualcuna delle notizie contenute in questo dossier è venuta alla ribalta delle cronache nazionali; e certo l’immagine di Flavio Tosi che esce da questo dossier stride pesantemente con l’immagine che lui si è costruito nel resto del paese grazie ad una distratta (o complice, ndr) informazione mainstream».

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.