32.2 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
32.2 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
Homein fondo a sinistraVenezia, Casson affonda Renzi in laguna

Venezia, Casson affonda Renzi in laguna

Felice Casson è quasi al 60% delle preferenze alle primarie del Pd per scegliere il nuovo sindaco di Venezia. Il suo predecessore è stato travolto dagli scandali

di Francesco Ruggeri

MANIFESTAZIONE DEI VERDI CONTRO IL MOSE

Felice Casson è nettamente avanti nelle primarie del centrosinistra a Venezia quando sono stati scrutinati poco più della metà dei circa 13.000 voti espressi dai partecipanti alla consultazione. Secondo fonti del comitato del senatore Pd ed ex magistrato, Casson viaggerebbe intorno al 55% delle preferenze a Venezia e al 60% circa in terraferma, con Nicola Pellicani intorno al 30%. Più bassi i dati del terzo candidato, Jacopo Molina.

«Mi sono candidato perché ho visto una città trattata molto male dopo lo scandalo del Mose. Questo ha creato una forte disaffezione. Occorre riportare una politica trasparente ed efficiente». Casson ha spiegato di voler «mandare a casa il Pd macchiato dagli scandali». «Su Venezia ho parlato con tutti i vertici del Pd nazionale, i rapporti sono buoni e Renzi è uno che vuol vincere sempre», dice Casson. Quanto allo sfidante Nicola Pellicani, «al suo fianco ci sono tutti gli assessori uscenti della scorsa giunta e l’apparato Pd. Si riproporrebbe una struttura vecchia, ed è una cosa che i cittadini non vogliono. Il suo padrino è Cacciari, credo che un sindaco debba essere autonomo, senza nessuno che tira la giacchetta». [segue]

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte