20.2 C
Rome
martedì 18 Maggio 2021
20.2 C
Rome
martedì 18 Maggio 2021
Homequotidiano movimentoPodemos: “Prima le persone”

Podemos: “Prima le persone”

Nel progetto di Podermos c’è la logica di condivisione, solidarietà, sforzo comune e sostenibilità che mette in primo piano le persone

di Fernando Luengo*

podemos

I bisogni e le aspirazioni della cittadinanza sono state ampiamente risattee dall’attuale governo spagnolo, come da quelli precedenti. L’irruzione di Podemos nelle istituzioni potrebbe cambiare le cose.

Di fronte alle pretese di élite e oligarchie, la politica economica che Podemos risponderà alle richiese della maggioranza sociale, soprattutto di quei gruppi che si trovano in una posizione più vulnerabile o che hanno subito discriminazioni.

Raggiungere maggiori livelli di equità ha costituito, fin dalla sua nascita, uno dei caratteri identitari più riconoscibili dell’impegno e del progetto politico di Podemos.

Consideriamo necessario fermare e correggere la frattura sociale attuale, perché non vogliamo essere complici dell’immoralità che ha portato a questa ingiusta situazione e perché democrazia e discriminazioni sono, in fin dei conti, termini opposti; ma anche perché la disuguaglianza ha le sue più profonde radici nella crisi economica, e perché un paese che avanza sul sentiero dell’equità è socialmente ed economicamente più efficiente e meno vulnerabile.

Agiamo con la convinzione che stiamo vivendo una situazione di emergenza produttiva, sociale, occupazionale ed ecologica, che richiede di integrare nell’azione politica quanto sia urgente e necessario. Da qui la logica di presentare un piano di riscatto della cittadinanza e un programma più ampio da sviluppare nel corso della legislatura. L’uno e l’altro saranno le basi di una economia rinnovata e moderna, sociale e materialmente sostenibile.

Il nostro programma presta particolare attenzione a tutta la problematica associata all’economia della cura. Da un lato, la configurazione della piramide demografica spagnola rivela l’inevitabile invecchiamento di una popolazione con una speranza di vita più lunga e che, fuori dai circuiti produttivi, ha bisogno che la società impegni le risorse necessarie perché questa vita più lunga sia anche dignitosa.

All’interno de dibattito ovviamente anche il ruolo delle donne i loro lavori riproduttivo e assistenziale. La loro integrazione a tutti i livelli educativi e il loro inserimento nel mercato del lavoro mette in discussione alla radice la divisione sessuale del lavoro e il loro ruolo come esercito di riserva. Una situazione che esige un cambiamento egualitario nel quadro dei compiti riproduttivi tra donne e uomini. Così come pone in primo piano la necessità di offrire servizi a partire dall’ambito pubblico – cosa che obbliga le amministrazioni ad assumersi una parte di tali compiti – e che siano giustamente regolamentati i diritti lavorativi dei dipendenti e delle dipendenti che tali servizi prestano.

La creazione di posti di lavoro rientrano nell’asse centrale della politica economica di Podemos.

Con questa prospettiva avvieremo misure a breve termine per riattivare l’economia e, parallelamente, agiremo nella sfera dell’offerta produttiva, procedendo in una profonda trasformazione della stessa.

La strategia occupazionale di Podemos farà molta attenzione che la democrazia, dentro e fuori dei centri di lavoro, sia uno strumento essenziale della politica economica, per generare posti di lavoro e per assicurare una distribuzione equa dei guadagni di produttività tra salari e profitti.

Uno degli obiettivi della nostra azione politica sarà quello di creare sufficienti posti di lavoro e che ciò veda insieme gli standard di qualità e dignità socialmente richiesti.

Questo non dipenderà tanto dagli aspetti quantitativi di crescita quanto dalle caratteristiche del modello di produzione, della profondità della contrattazione collettiva affinché si apra nella società la strada al principio di condivisione – di tempi, di reddito e di ricchezza – che dovrà entrare nella sfera lavorativa.

L’impegno di Podemos è la creazione di ricchezza e occupazione al servizio della maggioranza sociale. Raggiungere questo obiettivo passa per l’intraprendere un’azione politica in chiave distributiva. Nella logica capitalista, in forma molto accentuata negli ultimi anni, la distribuzione ha occupato una indubitabile rilevanza, quella imposta dai mercati e dalle grandi corporazioni. Per cui Podemos difenderà “un’alta” distribuzione, che punta proprio in direzione opposta, senza la quale è impossibile lanciare un’altra politica economica per uscire dalla crisi.

Redistribuire reddito e ricchezze è necessario per trovare le risorse di cui ha bisogno una ambiziosa politica occupazionale; redistribuire è inoltre necessario per dotare di legittimità e credibilità il nostro progetto politico; la logica della condivisione, infine, apre strada a un messaggio di solidarietà, di sforzo comune e di sostenibilità.

In una politica economica al servizio della maggioranza sociale, le istituzioni e le politiche pubbliche dovranno svolgere un ruolo fondamentale, chiaramente dotate di nuova legittimità che, in buona, parte hanno perso a causa degli innumerevoli episodi di corruzione e nepotismo con cui l’élite esercita il potere e dispensa i bisogni ai cittadini.

Perché l’intervento statale (di uno Stato rinnovato) faccia parte della soluzione, sarà necessario coinvolgere e mobilitare risorse pubbliche e al contempo garantire gli interessi e i diritti della maggioranza sociale. In tale contesto di intenso attivismo statale e cittadino, l’iniziativa privata può e deve giocare un ruolo di primo piano. Una sinergia pubblico-privato per indebolire i privilegi e ridurre gli spazi a corporazioni e oligarchia.

*Fernando Luengo è docente di economica applicata presso l’Università Complutense di Madrid, è membro del collettivo “econoNuestra”, del circolo “Energia, Ecologia e Economia” e del Consiglio Cittadino di Podemos nella Comunità di Madrid.
(Traduzione Marina Zenobio)

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Zona Letteraria, tutta un’altra musica

Imparare ad ascoltare. Anteprima del nuovo numero della rivista Zona Letteraria dedicato a musica e impegno [Alberto Sebastiani]

Perché quello che accade ai palestinesi riguarda anche noi

Vita, terra e libertà. I diritti fondamentali della popolazione palestinese ci riguardano Le notizie sempre più drammatiche che giungono d...

Il peggiore Israele di sempre

Mentre gli estremisti israeliani linciano i palestinesi, e i loro caccia bombardano Gaza, è essenziale capire come siamo arrivati a questo  [Yousef Munayyer]

Gaza: il “giallo” dell’invasione. Tutte le piazze di oggi in I...

Israele aveva detto di essere entrato nella Striscia poi ha smentito. Il bilancio delle vittime palestinesi è salito a 122 morti e più di 800 feriti

Soldati israeliani penetrano nella Striscia di Gaza

Intanto a Gerusalemme: cresce la violenza dell'estrema destra. Finora Israele ha trucidato 83 persone, di cui 17 bambini a Gaza. -20210513&a...