8.1 C
Rome
domenica 5 Febbraio 2023
8.1 C
Rome
domenica 5 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureGrecia-Ue, accordo vicino?

Grecia-Ue, accordo vicino?

Varoufakis si è detto sicuro di arrivare ad un accordo entro la prossima settimana, ma assicura anche che il governo greco non intende avallare alcun compromesso “insostenibile”

di Mirna Cortese

Yanis Varoufakis

Sembra in dirittura d’arrivo l’accordo con i creditori internazionali ma il governo greco punta ancora su una soluzione politica in vista del vertice europeo di Riga del 21 e 22 maggio. Una tempistica da cui non si allontana troppo il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker: l’accordo fra la Grecia e le istituzioni creditrici potrebbe essere raggiunto fra la fine di maggio e l’inizio di giugno. Secondo dichiarazioni rilasciata a AdnKronos dal portavoce del presidente della Commissione europea, “Ciò che spinge il presidente Juncker a pensare a questo possibile orizzonte temporale è che ci sono stati dei progressi su alcuni punti”. In ogni caso “sono necessari maggiori sforzi e più tempo” e i progressi fatti “sono stati lenti. Si lavora per trovare una soluzione generale”.

In questo senso si inquadra il possibile incontro, a margine del vertice europeo di Riga, tra la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier greco Alexis Tsipras. “Vogliamo incontrare il nostro collega greco Alexis Tsipras. Vediamo se si creeranno le condizioni per una conversazione”, ha dichiarato la cancelliera. Per la Merkel i negoziati con la Grecia “devono accelerare invece che rallentare”.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Di quello che accadrà a Riga ne ha parlato questa notte il ministro delle finanze, Yanis Varoufakis, in una lunghissima intervista televisiva per Star Tv che si è conclusa nelle prime ore del mattino . Varoufakis ha detto “Non vogliamo la rottura, siamo sicuri che arriveremo ad un accordo è questione ormai di giorni, massimo di una settimana”. Si è soffermato però anche su problemi non ancora risolti. “Le istituzioni europee ci chiedono licenziamenti collettivi e tagli a pensioni”, ha sottolineato Varoufakis ribadendo che il governo greco non intende cedere su questi argomenti. “Abbiamo percorso più della metà della distanza che si separa dai creditori internazionali, ora tocca a loro”, ha detto Varoufakis per poi sottolineare che il governo greco non intende avallare alcun compromesso “insostenibile”. “Vi assicuro che di fronte al dilemma tra pagare un creditore che si rifiuta di firmare un accordo con noi e un pensionato, pagheremo il pensionato. Spero che saremo in grado di pagare entrambi”, ha poi concluso.

Intanto, ed ancora una volta, i tempi stringono e Atene dovrà rimborsare un’altra rata di prestito al Fondo Monetario Internazionale i primi di giugno, mentre la situazione economica greca è a dir poco tragica. Secondo dati dell’Unione dei commercianti ogni giorno che passa senza un accordo chiudono 60 piccole imprese e più di 600 persone restano senza lavoro mentre i greci, secondo gli ultimi sondaggi, sono sempre più pessimisti sul loro futuro e sperano in un accordo che possa salvare il paese dal tracollo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft parla come te

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]