Il cielo d’Irlanda dice sì a nozze gay

Il cielo d’Irlanda dice sì a nozze gay

Con un referendum pionieristico la cattolicissima Irlanda apre alle nozze tra persone dello stesso sesso. Ora la politica italiana impari la lezione

di Marina Zenobio

Irlanda referendum matrimoni gay

In molti paesi del mondo (Danimarca, Olanda, Belgio, Spagna, Francia, Canada, Sudafrica, Norvegia, Svezia, Slovenia, Portogallo, Inghilterra, Galles, Islanda, Argentina, Uruguay, Nuova Zelanda, Finlandia, Messico, Brasile e Usa, in 38 Stati) è già stata data alle coppie gay la possibilità di sposarsi. Ma l’Irlanda è stato il primo a farlo passando per una consultazione popolare, un referendum che ha visto una vittoria schiacciante dei sì (intorno al 65%), mandando un messaggio pioneristico, per dirla con le parole del premier irlandese Enda Kenny.

Sulla scheda del referendum, i 3,2 milioni di irlandesi con diritto di voto hanno dovuto rispondere a una semplice domanda: volete che sia emendato l’articolo 41 della Costituzione del 1937, con l’inserimento di una nuova clausola nella sezione “Famiglia”?

Al di là dei sondaggi, non era un risultato affatto scontato nella cattolica Irlanda dove le associazioni fedeli al Vaticano ed evangeliche, contrarie al riconoscimento delle unioni omosessuali si erano organizzate in agguerriti comitati denominati “Sì alla famiglia”. Ma nonostante le pesante ingerenze dei vescovi locali, considerando il risultato del referendum molti cattolici hanno votato a favore dei matrimoni gay, in un’Irlanda che ha depenalizzato l’omosessualità solo nel 1993.

“Ancora una volta il popolo di Dio si è dimostrato più saggio rispetto a una gerontocrazia che combatte contro ogni libertà” ha dichiarato Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia, rete per i diritti civili. Poi riferendosi a casa nostra Mancuso ha aggiunto: “Ora la politica italiana impari la lezione e si decida finalmente a essere degna della collettività dei paesi europei più maturi e avanzati. La legge sulle unioni civili deve essere discussa subito e approvata in tempi ragionevoli da tutto il Parlamento”.

Secondo alcuni ragionamenti, anche in casa cattolica, a determinare una presa di posizione contraria a quanto indicata dai vescovi sarebbero stati diversi fattori. In primo luogo la vergognosa vicenda dei preti pedofili che ha tolto autorevolezza alla voce della chiesa irlandese la quale ha continuato a negare le sue responsabilità e non ha mai voluto ammettere le proprie colpe.

In secondo luogo l’introduzione di una legge, approvata dal governo irlandese a gennaio del 2015, che consente alle coppie omosessuali l’adozione di bambini. L’argomento più forte di chi si opponeva in Irlanda al matrimonio omosessuale era “attenzione che se passa il matrimonio arriva anche l’adozione”, e all’adozione la maggioranza degli irlandesi era contraria. Introducendo l’adozione prima del referendum, governo e parlamento avrebbero in qualche modo indebolito l’integralismo di molti cattolici.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.