sabato 22 settembre 2018

Spagna, Podemos è prima a Madrid e Barcellona

Spagna, Podemos è prima a Madrid e Barcellona

Gli exit poll cantano il de profundis per il bipartitismo spagnolo. Anche dove vincono, per i popolari di Rajoy è tramotata ò’epoca delle maggioranze assolute. Ciudadanos ago della bilancia

di Francesco Ruggeri

images

 

Podemos potrebbe conquistare Madrid e Barcellona contribuendo ad affossare il bipartito unico – Pp e Psoe – che ha massacrato la Spagna ai tempi dell’austerità. Prime ore convulse in Spagna dopo la chiusura delle urne per le amministrative e regionali che vedevano per la prima volta i movimenti post-indignados all’ assalto del bipartitismo Pp-Psoe. Primi exit poll contraddittori che fanno prevedere una possibile vittoria di Podemos a Madrid, feudo dei popolari da 20 anni, e a Barcellona. Il Pp del premier Mariano Rajoy rimarrebbe il primo partito del paese, ma in netta flessione, al 27% (contro il 44,63% del 2011) davanti al Psoe, che resterebbe il secondo con il 25%, mentre Podemos e Ciudadanos, partiti da zero, si impiantano a livello nazionale con il 10% e il 7%. Podemos arriverebbe primo anche a Saragozza, mentre a Valencia sarebbe in testa il Pp, ma senza maggioranza assoluta. Un trampolino nelle istituzioni per affrontare le elezioni ‘vere’, le politiche di novembre, che decideranno il governo del paese. Il Partido Popular di Rajoy arriva in testa in 11 delle 13 regioni in cui si è votato oggi ma tutte le indicazioni fanno prevedere ovunque la fine dell’era delle maggioranze assolute.

L’attenzione è concentrata sulle battaglie di Madrid e Barcellona. Due exit su tre, di TeleMadrid e di Forta, danno la vittoria alle due coalizioni formate attorno a Podemos, Ahora Madrid con l’ex-giudice Manuela Carmena, e Barcelona en Comu di Ada Colau, sulla candidata sindaco del Pp Esperanza Aguirre nella capitale e sull’uscente il nazionalista catalano Xavier Trias a Barcellona. Un terzo, di Antena3, dà il risultato contrario. I numeri sono comunque di importanza relativa nella corsa per il controllo delle due più grandi città. In assenza di maggioranza assoluta le liste dovranno cercare di formare coalizioni. Una situazione che dovrebbe avvantaggiare Podemos, che potrebbe contare sull’appoggio del Psoe e di Ciudadanos. «Il più difficile», prevedeva La Vanguardia questa mattina, «inizierà domani», con le trattative fra le liste, fra ‘vecchi’ e ‘nuovi’ partiti. «Da domenica sera nulla sarà più come prima nella politica spagnola, prevedeva ieri El Mundo.

La posizione del giovane leader del Psoe, Sanchez, superato nella capitale e a Barcellona da Podemos, potrebbe farsi difficile. Mentre per il partito post-indignados l’annunciato successo a Madrid e Barcellona sembra confermare la bontà della strategia scelta dal leader Pablo Iglesias, di aderire a coalizioni più ampie e di aprire verso l’elettorato moderato in vista delle politiche e del vero assalto al potere. Inoltre avanza anche il secondo partito del nuovo, Ciudadanos, su posizioni liberal-alternative. Il movimento di Albert Rivera, pronto a trattative sia con il Pp sia con Podemos e Psoe, potrebbe rivelarsi l’ago della bilancia per la formazione di maggioranze di governo in molte città e regioni del paese. [segue]

Related posts

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.