0.9 C
Rome
sabato 22 Gennaio 2022
0.9 C
Rome
sabato 22 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniSanità, in dieci milioni esclusi dal diritto alla cura

Sanità, in dieci milioni esclusi dal diritto alla cura

Usb: 10 milioni senza sanità, 3 milioni di indebitati e il governo sta tagliando altri 2.3 miliardi. Corte dei conti e Censis: la sanità è sempre più privata

di Francesco Ruggeri

6a804269ce

Dieci milioni di persone non accedono alle cure e altri tre milioni si indebitano per curarsi. L’austerity è anche malasanità: i tagli ingrassano la sanità privata mentre il governo sta varando un piano per altri miliardi di tagli. In due distinti rapporti appena usciti, Corte dei Conti e Censis spiegano che «il parziale successo delle misure di contenimento dei costi sanitari» cozza profondamente con – l’appropriatezza dell’offerta sanitaria» e che «la sanità è sempre più privata», con una spesa direttamente sostenuta dalle tasche dei cittadini che cresce al ritmo di un miliardo l’anno: 33 miliardi di euro nel 2014 a fronte dei 110 di finanziamento del SSN.

Ma il Consiglio dei Ministri si appresta a far diventare operativo il taglio di ulteriori 2,3 miliardi al Fondo sanitario trasferito alle Regioni per il funzionamento del Servizio Sanitario Nazionale, così come previsto nella legge di stabilità.

L’allarme è lanciato da USB: «Questo Governo sta così cercando di assestare il colpo mortale ad un welfare già agonizzante, dalle pensioni alla scuola fino alla sanità. Nessuna età della vita è risparmiata da pesanti tagli, che ricadono sulle spalle delle fasce popolari e ormai sempre più anche del ceto medio. Cresce la spesa per il privato così come il ricorso agli appalti  per l’esternalizzazione di servizi e lavoratori; si vuole svincolare il project financing dall’obbligo di gara pubblica, nonostante sia  proprio la sanità a pagare il tributo maggiore alla corruzione. Un privato reso scientificamente competitivo da liste d’attesa impossibili da rispettare, dal continuo aumento dei ticket e da un generale ridimensionamento dell’offerta sanitaria pubblica.Tutto ciò nonostante siano ormai 10 milioni le persone che non hanno accesso alle cure per problemi economici ed altri 3 milioni di cittadini a basso reddito siano costretti all’indebitamento per far fronte a problemi di salute.

Il servizio sanitario pubblico è e rimane una delle più grandi conquiste sociali e come USB non intendiamo assistere in silenzio al suo smantellamento».

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi