5.8 C
Rome
giovedì 30 Marzo 2023
5.8 C
Rome
giovedì 30 Marzo 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homein fondo a sinistraGrecia: Ad Atene iniziano i festeggiamenti. Il 61% dice OXI

Grecia: Ad Atene iniziano i festeggiamenti. Il 61% dice OXI

A piazza Syntagma esplode la gioia dei greci. Il governo rilancia: “Un chiaro mandato per difendere le nostre posizioni”

di Popoff quotidiano

 Aggiornamento 20.45: “Il governo può continuare i negoziati con i creditori grazie ad  carta molto forte”, ha dichiarato il ministro del lavoro Panos Skourletisvisibilmente soddisfatto per il risultato finora ottenuto al referendum.  Scrutinato ormai il 50,11% delle schede, il No rimane ancorato al 61,21%, mentre il Si resta al 38,79.

 20.36:  Il portavoce del governo greco Gavril Sakellaridis ha espresso la sua soddisfazione per il risultato raggiunto finora dal No.  “Questo risultato dà al primo Ministro un chiaro mandato da parte del popolo”, un mandato “dato in circostanze molto difficili, che ne accrescono l’importnza. Dà al governo le istruzioni per difendere la sua proposta, la sua posizione, e i negoziati non partiranno dall’inizio. Ora, abbiamo bisogno di iniziare un negoziato importante su basi più solide”.

 20:21 – Ad Atene sono iniziati i i primi festeggiamenti da parte dei sostenitori del No. Al momento è stato scrutinato il 39,37% delle schede. Il No ha raccolto il 61,06% dei voti, il Si il 38,94

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

20:05 –  Secondo Euclid Tsakalotos, capo della squadra che rappresenta la Grecia ai negoziati, il governo riuscirà a raggiungere un accordo con i creditori in tempi molto brevi. “C’è un nuovo mandato popolare – ha dichiarato a Star Tv –  come sembrerebbe dimostrato dall’apparente risultato del referendum“.  

19:53 – Scrutinato il 25, 42 delle schede, il divario viene confermato. No al 60,62%, Si al 39,38 19:25 – Con il 12,11% delle schede scrutinate il No appare in vantaggio con il 60,12% dei voti. Il Si è fermo al 39,88  

La Grecia è con Syriza. La Grecia è con Tsipras Varoufakis contro Fmi, Consiglio d’Europa ed Eurogruppo la loro irragionevolezza ed i loro ricatti. Questo sembra essere il risultato che filtra dalle prime proiezioni, realizzate da 4 differenti istituti di ricerca, che danno il no in vantaggio con una forbice che si collocherebbe intorno ai 10 punti. Anche The Guardian, secondo indiscrezioni, conferma un vantaggio del  tra 8 e 10 per cento. Il risultato sostenuto da una buona partecipazione popolare con il superamento del quorum e circa un 65 per cento degli aventi diritto alle urne. Una vittoria della la larga partecipazione. “Oggi è un giorno di festa, perché la democrazia è una festa – dichiara Alexis Tsipras dopo aver votato – perché si può ignorare la decisione di un governo, ma non la decisione di un popolo”. Forte di questi sondaggi Syriza sta già pensando alle prossime mosse e si prepara ad inviare a Bruxelles una delegazione per trattare con Commissione ed Eurogruppo. Nel frattempo il Ministro delle finanze di Atene Varoufakis twitta fiducioso “potremmo avere un accordo in 24 ore”.

Al di là dei risultati, che attendono conferma, quel che è certo è che il negoziato non potrà procedere nella stessa direzione. Uno dei principali negoziatori greci con la troika, Euclid Tsakalotos, ha anticipato che le linee guida della strategia greca dopo il risultato del referendum si poggeranno su due pilastri: il rapporto del Fmi che riconosca che il debito greco è insostenibile e un nuovo mandato per Atene, appoggiata dalla volontà del popolo greco. “I nostri creditori devono farsi una ragione che la realtà è cambiata” ha dichiarato Tsakalotos a Sky News.

 

Opinion poll effettuati dai media greci confermano il vantaggio del no
Opinion poll effettuati dai media greci confermano il vantaggio del no
Articolo precedente
Articolo successivo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Diritti umani in Palestina: la trappola della realpolitik

Nostra intervista a Francesca Albanese, Special Rapporteur delle Nazioni Unite per i Territori Occupati Palestinesi

Francia, niente estradizione per gli esuli degli anni 70 e per Vecchi

Le ragioni del diritto battono la voglia di vendetta dello Stato italiano. Terminano le vicissitudini giudiziarie di Pietrostefani, Marina Petrella, Vincenzo Vecchi e gli altri

Francia, com’è andata la decima giornata di mobilitazione

Il governo non si smuove e l’intersindacale rilancia lo sciopero per il 6 aprile. Intanto scendono in piazza anche universitari e liceali 

Gemini Network, la radio si può scrivere leggere cucinare

Gemini Day: sabato 25 marzo al Brancaleone la giornata delle radio indipendenti

L’odio dei fascisti per la memoria

"Fuori l'Anpi dalle scuole": lo striscione sulla Casa della Memoria di Milano. Nonostante l'amnistia, i fascisti non vinceranno un'amnesia