21.5 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
21.5 C
Rome
sabato 13 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomecultureMaduro dal Venezuela: “Que viva Grecia!!”

Maduro dal Venezuela: “Que viva Grecia!!”

Anche il presidente venezuelano festeggia la vittoria del No in Grecia, “una vittoria contro il terrorismo del FMI. Una vittoria anche nostra”

di Marina Zenobio

Il presidente del Venezuela, durante le celebrazioni per l'Indipendenza del paese, fa il segno di vittoria dopo aver saputo del risultato del referendum in Grecia
Il presidente del Venezuela, durante le celebrazioni per l’Indipendenza del paese, fa il segno di vittoria dopo aver saputo del risultato del referendum in Grecia

In Grecia il No ha vinto, una vittoria consistenza di un popolo che ha detto No ad un’Europa senza giustizia sociale. Le donne e gli uomini di Grecia che hanno votato no vogliono una Europa democratica, solidaria, dei popoli, che rispetti tutti e tutte: quell’altra Europa che con la scelta del popolo greco può diventare possibile.

E l’eco del risultato epocale di questo referendum ha travalicato l’Europa arrivando fino in Venezuela dove, il presidente Nicolas Maduro, è stato raggiunto dalla notizia della vittoria del No in Grecia durante il suo discorso alla celebrazione annuale per l’Indipendenza del Venezuela.

E’ stata l’ambasciata venezuelana ad Atene ad informare il presidente che non ha trattenuto la gioia: “Que viva Grecia, que viva su primer ministro Alexis Tsipras! (Viva la Grecia e viva il suo primo ministro Alexis Tsipras)” ha gridato dal palco Maduro aggiungendo che quella greca è “una grande vittoria contro il terrorismo finanziario del Fondo Monetario Internazionale. Una vittoria irreversibile che il popolo greco merita di celebrare nelle sue piazze”. Una vittoria che per il capo di stato del Venezuela, “è da considerare come una nostra vittoria, ed anche di tutti i valorosi popoli dell’America Latina”.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Per Diosdado Cabello, presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana e secondo dirigente di Rivoluzionare Bolivariana, ciò che è accaduto in Grecia “sarà la scintilla che darà fuoco alla prateria. I popoli del mondo inizieranno a parlare con la voce della Grecia, del valore, della dignità di  un popolo”. Ed ha poi aggiunto: “ai dittatori della moneta, che vadano alla ricerca di un altro business per fare affari”.

Già lo scorso 30 giugno Maduro aveva incoraggiato Tsipras e il popolo greco a “rompere i lacci” con il Fondo monetario interazionale e “tirarci fuori dal giogo”. In quell’occasione aveva formalmente e ufficialmente espresso al premier ellenico e a tutto il popolo greco la solidarietà e il supporto del popolo bolivariano, ricordando che, durante il governo del suo mentore e predecessore, Hugo Chavez, il Venezuela “tagli i suoi lacci” con Fmi e fermò il processo di privatizzazione del paese.

“Non abbiamo paura, fratelli e sorella di Grecia” aveva detto Maduro, “la via giusta è rompore con il capitale finanziario internazionale e con il Fmi, liberarsi dal giogo di chi pretende ingozzarsi con il sangue dei popoli, con il lavoro dei popoli, con la ricchezza dei paesi”. E il popolo greco non ha avuto paura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il futuro si può riscrivere, la storia no

Ritorna Fino al Cuore della Rivolta, il festival della Resistenza di Fosdinovo [Chiara Nencioni]

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]