8.9 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
8.9 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureIsraele accusa Hamas del rapimento di due israeliani

Israele accusa Hamas del rapimento di due israeliani

Due cittadini israeliani, secondo Tel Aviv, sarebbero detenuti nella Striscia di Gaza da Hamas. Un remake che non ci piace

di Marina Zenobio

Gaza un anno dopo

E’ trascorso esattamente un anno dall’attacco israeliano contro Gaza costato la vita ad oltre 2000 palestinesi, oltre alla distruzione di case e infrastrutture che i gazawi non hanno potuto ricostruire per mancanza di fondi. All’epoca fu la risposta di Israele al presunto rapimento e uccisione da parte di Hamas di tre giovani israeliani. E oggi sembra aprirsi uno scenario simile che non promette nulla di buono.

Il ministero della difesa israeliano, Moshe Ya’alon, ha accusato Hamas di detenere due cittadini israeliani che risulta scomparsi nella Striscia di Gaza da diversi mesi e sul cui caso era stato finora mantenuto il blocco informativo.

Da quanto riporta Haaretz il primo dei due scomparsi si chiama Avraham Mengistu, definito dalla stampa “mentalmente instabile”, è un cittadino israeliano di origine etiope con residenza ad Ashkelon . Si era allontanato da casa nel settembre del 2014 dirigendosi verso a sud dove avrebbe superato le recinzioni tra Gaza e Israele per entrare in territorio palestinese. Qui Menghistu è stato preso dalle forze di sicurezza di Hamas, informazione confermata da un’ultim’ora:

Hamas ha fatto sapere che Avraham Mengistu, dopo essere stato arrestato, interrogato e detenuto, sarebbe stato rilasciato dalle forze di sicurezza del movimento islamico. Dopo la sua liberazione si sarebbe diretto in Egitto. Israele comunque continua a ritenere che Mengistu è ancora a Gaza, prigioniero del gruppo islamico.

Ancora non rivelata invece l’identità dell’altro israeliano che, secondo l’ufficio di coordinamento militare israeliano per la Striscia di Gaza, il COGAT, sarebbe scomparso nella Striscia. Secondo indiscrezioni si tratterebbe di un beduino arabo-israeliano dell’area del Negev (Sud Israele), anch’egli soffrirebbe di problemi mentali e già avrebbe più volte attraversato le linee che separano Gaza da Israele. La sua scomparsa risalirebbe a tre mesi fa ma non se ne conoscono le circostanze.

Per il momento non ci sono state reazioni di Hamas, a parte una secca dichiarazione di non essere a conoscenza dei fatti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"