34.7 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
34.7 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
Homepadrini & padroniVaroufakis: "Ecco le proposte ignorate dai creditori"

Varoufakis: “Ecco le proposte ignorate dai creditori”

In un articolo apparso sul suo blog personale, Yanis Varoufakis ha pubblicato i due documenti che la delegazione greca propose all’Eurogruppo e alla troika

di Yanis Varoufakis

varoufakisAdesso che il terzo Memorandum di Intenti greco è passato (ecco qui la mia nota in merito http://yanisvaroufakis.eu/2015/08/17/greeces-third-mou-memorandum-of-understading-annotated-by-yanis-varoufakis/ ), dopo la resa del governo di Syriza il 12 luglio 2015, è forse interessante paragonare quella agenda delle riforme (quella di Bruxelles ndr) con quella che il ministro delle finanze greco ha presentato alle istituzioni in due occasioni, in maggio e giugno 2015.

Durante i 5 mesi di negoziato in cui sono stato coinvolto, prima dell’attenzione per il nostro governo dopo il referendum del 5 luglio, la stampa accusava il nostro governo in generale e me in particolare di “non avere un piano di riforme per la Grecia”. Parlando con la stampa, i colleghi dell’eurogruppo e i rappresentanti della Troika ripetevano ossessivamente, fino alla  nausea, di non sapere che cosa la Grecia stesse proponendo”.

La verità è che loro sapevano perfettamente ciò che proponevamo. E che non hanno mai prestato attenzione alle nostre proposte.

Questo perché le nostre proposte erano “prive di fiducia”, come hanno a lungo fatto trapelare alla stampa? Oppure perché la sostanza delle nostre proposte rendeva duro per loro ammettere che la vera ragione per cui rifiutavano di confrontarsi con le nostre idee, ragionevoli e sofisticate, fosse il fatto che a loro interessava solo umiliare il nostro governo e far deragliare i negoziati?

Lascio che siano i lettori a decidere quale delle due risposte sia la più credibile.

Il primo documento è stato presentato l’11 maggio 2015. Era intitolato “Una base politica per il consolidamento fiscale greco, la ripresa e la crescita”. Il lavoro su di esso ha avuto inizio nel mio ministero dopo l’accordo dell’Eurogruppo del 20 febbraio. Squadre di esperti dai vari ministeri, così come attivisti di Syriza, hanno presentato le loro opinioni su varie aree politiche. Il mio team, al Ministero delle Finanze, mise subito in chiaro l’incombenza di mettere insieme un documento succinto, di non più di 60 pagine, che avrebbe permesso al lettore di cogliere l’essenza dell’Agenda di Riforme del governo greco.

Dopo il mio ritorno dagli incontri di primavera con il Fondo Monetario Internazionale, a Washington, ho lavorato al documento anche io e, grazie al grande aiuto del professor Jeffrey Sachs, della Columbia University, il documento fu completato e presentato a molti dei miei colleghi all’Eurogruppo.

Fu accolto con un silenzio assordante.

Nei mesi successivi, il nostro governo ha fatto concessioni significative alla Troika in materia fiscale; concessioni con le quali non sono stato d’accordo ma che, da giocatore di una squadra, ho accettato.

Offrendo di integrare queste proposte senza un piano di riforme per la Grecia rivisto, ho messo insieme un secondo programma comprensivo, l’11 giugno, intitolato “La fine della crisi greca: riforme strutturali, la crescita degli investimenti e la gestione del debito”. Anch’esso è stato inviato ai membri chiave dell’Eurogruppo. Anch’esso è stato ignorato.

Qui sotto il lettore può scaricare entrambi i documenti

https://varoufakis.files.wordpress.com/2015/08/policy-framework-for-greeces-fiscal-consolidation-recovery-and-growth.pdf 11 maggio 2015

https://varoufakis.files.wordpress.com/2015/08/ending-the-greek-crisis-11-june-2015.pdf 11 giugno 2015

[Traduzione di Marco Vulcano]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte