10.4 C
Rome
mercoledì 20 Gennaio 2021
10.4 C
Rome
mercoledì 20 Gennaio 2021
Home quotidiano movimento Smantellare Trident, effetto Corbyn sul disarmo nucleare

Smantellare Trident, effetto Corbyn sul disarmo nucleare

Il 70% degli iscritti al Labour vota per bloccare il programma Trident. Con Jeremy Corbyn il disarmo nucleare prende forza

di Pía Figueroa, Pressenza

05570237_xl-720x405

(Foto di Hispantv.com)

Domenica 1° novembre si è tenuta una consultazione interna del Partito Laburista britannico in Scozia e il 70% dei partecipanti ha approvato lo smantellamento del programma di sottomarini nucleari Trident del Regno Unito.

Da quando, lo scorso settembre, Jeremy Corbyn è stato eletto leader del Partito Laburista, la posizione a favore del disarmo nucleare ha preso molta forza. Lo smantellamento di questo programma di sottomarini  nucleari sarà dunque difeso nel congresso annuale che si terrà in Scozia il prossimo maggio. Il Regno Unito dispone attualmente di 120 ogive nucleari per i quattro sottomarini britannici di classe Vanguard. Ognuno di essi può portare fino a 40 ogive e otto missili operativi.

La mozione approvata descrive le armi nucleari come “straordinariamente costose” e soprattutto come una “minaccia per la sopravvivenza dell’umanità.”

Nicola Sturgeon, leader del Partito Nazionalista Scozzese, inaugurando ad Aberdeen il congresso annuale del partito, ha attaccato in modo esplicito i laburisti, sostenendo che Corbyn “non può unire il suo partito”. Ha ricordato che tra i laburisti esistono diverse tendenze e profondi disaccordi interni riguardo al rinnovo del programma Trident, a cui il leader si oppone con fermezza. I risultati della consultazione scozzese a favore del disarmo nucleare però sembrano indicare il contrario.

Traduzione dallo spagnolo di Anna Polo

pressenza

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio

Cancellare il debito si può. Ce lo dice l’Europa

Il principio "pacta sunt servanda" - per cui uno Stato deve rispettare gli obblighi - non è assoluto. Importante sentenza europea [Eric Toussaint]

What’s Next for the Left? Qual’è il prossimo passo per la sinistra Usa

Mentre Biden si prepara a prestare giuramento il 20 gennaio, come si configura questa prospettiva per la sinistra statunitense? [Barry Eidlin]