Sinistra, Sel dice stop al processo unitario

Sinistra, Sel dice stop al processo unitario

Il “tavolo rosso” è saltato: niente assemblea a gennaio. L’Altra Europa punta il dito contro Sel. Civati già se n’era andato. I sindaci arancioni si riattaccano al centrosinistra

di Checchino Antonini

Unknown

Alla fine è saltato il “tavolo rosso” e, forse, l’intera faccenda del soggetto unitario a sinistra. O, almeno, è saltata sicuramente l’assemblea nazionale di gennaio che avrebbe dovuto dare la “benedizione” della base a quella che, per ora, è solo una fusione dei gruppi parlamentari di Sel con i fuoriusciti dal Pd legati a Fassina. Civati non pervenuto, già defilato dal gruppo. Fusione fredda – già il decollo del gruppo parlamentare ha indispettito non poco chi stava lavorando per un processo meno dall’alto – come freddi sono i rapporti tra tutti quelli che giurano da un paio d’anni di voler costruire un soggetto di sinistra ma che, per l’ennesima volta in pochi mesi, andranno alle urne in ordine sparso, con le solite pratiche verticistiche e politiciste, senza sciogliere il nodo del rapporto con il Pd e con una grande malinconia per il centrosinistra anche da parte di chi, come Vendola, accusa Renzi di averlo assassinato ma poi – solo per dirne una – chiede «rispetto» per l’esperienza Bassolino. L’orizzonte ideale e programmatico, per i più, è sempre quello che ha dato vita alla coalizione con Bersani, Italia bene comune. A completare l’autunno più freddo degli ultimi cinquant’anni, la mancata coalizione sociale a guida Landini che, solo quattro sabati orsono, ha dato vita alla più stanca sfilata della Fiom.

Ecco perché parecchi soggetti che avevano osservato con curiosità critica il percorso dell’Altra Europa, della Syriza italiana, sono rimaste scettiche sulla virata impressa al percorso dall’illusione di costruire una sponda a chi trasmigrava dal Pd, da Human Factor fino alla proclamazione del gruppo parlamentare.

Senza una riflessione sull’evidente impasse del modello dei “partiti larghi” (Syriza docet) non c’è alcuno spazio per costruire una corrente di sinistra dentro una dinamica unitaria che ha i soliti vizi e le solite facce della lunghissima stagione del declino della sinistra che si diceva radicale: quelle di Sel, Prc, pezzi dell’Altra Europa con Tsipras, Possibile di Pippo Civati, gli ex Pd Stefano Fassina e Alfredo D’Attorre, l’europarlamentare Sergio Cofferati con un altro ex Pd, suo sodale dai tempi della Cgil, Andrea Ranieri. Con buona pace di chi ci ha creduto davvero, e magari ha tentato di fare il “casco blu” o di portare un po’ di nuove energie (come l’associazione Act) in un processo che arranca nell’indifferenza delle poche vertenze sociali in corso.

La rottura conclamata è arrivata venerdì 11 dicembre nella sede nazionale di Sel durante la riunione del gruppo di contatto fra tutti i soggetti coinvolti nell'(ex) processo costituente che si sono salutati senza darsi un nuovo appuntamento. Unknown-1

Come già accaduto alle scorse regionali, se questi soggetti corrono lontani dal Pd (ad esempio Giorgio Airaudo a Torino e forse Stefano Fassina a Roma dove Civati parrebbe puntare sul nuovo leader radicale Maggi e una parte di Sel pende dalla labbra di Marino) vuol dire che è stato il Pd a decidere il divorzio. Oppure, come avvenuto a Bologna, in alcuni casi il dilemma spacca in due gli azionisti di maggioranza. Sotto le Due Torri Sel ha dovuto spedire un commissario. Altrove – Cagliari, Genova, Milano – sono stati i suoi sindaci, con l’endorsement della Boldrini, a rivendicare la continuità col centrosinistra alle comunali imminenti (ufficialmente “per battere le destre populiste”), sebbene in tutti i casi le rispettive Giunte abbiano solo gestito l’austerità in nome e per conto della “stabilità” neoliberista.

La vulgata della rottura starebbe nella questione dello scioglimento dei partiti che dovrebbero confluire nel processo costituente. Sel e il gruppo parlamentare di Sinistra Italiana (presente in forze con Fassina e D’Attorre) propone la chiusura dei soggetti di provenienza. Rifondazione comunista – immersa fino al 19 dicembre in una consultazione interna dall’esito tutt’altro che scontato – non ci sta a rottamarsi. Spiega Paolo Ferrero, segretario del Prc, che per “unire ciò che il neoliberismo divide” non serve un nuovo partito ma un soggetto unitario plurale, in grado di valorizzare tutte le soggettività sociali, politiche e culturali interessate a sconfiggere il neoliberismo: da Civati ai centri sociali (sicuramente quelli legati a Sel). E’ la tesi della doppia tessera «con vincolo per i partiti che si riconoscano nel soggetto unitario di non presentarsi alle elezioni e il divieto cumuli incarichi fra partito e soggetto unitario». Per Sel la doppia tessera non è proponibile come non è proponibile riconoscere dignità ai cugini di Rifondazione.

Sullo sfondo la feroce lotta per la leadership dentro Sel e tra Sel e i big transfughi dal Pd. «Sono allucinato – scrive su fb Massimo Torelli, ex garante degli albori della Lista Tsipras – rispetto alla decisione di rompere a freddo di Fratoianni, alle argomentazioni sul partito da tardo PCI di Fassina e alle proposte di Ferrero guidate dall’ansia di tutelare il PRC non esiste altro commento. 
Nessuno ha colto il percorso proposto da noi da tempo e oggi riproposto con un documento da ACT.
 Non comprendere che anteporre esigenze particolari alla necessità di creare la precondizione di un solo processo costituente di un soggetto politico così come definito nella costituzione all’art.49 ( partito) dimostra che siamo fuori dal mondo».

Related posts

3 Comments

  1. Avatar
    eugenia

    e i contenuti? questo soggetto mai nato di tutto discuteva ma non di ciò che “serve” finalmente per raccogliere il consenso di chi non vuole votare il movimento 5 stelle o non votare affatto: come si sarebbero posizionati rispetto ai temi fondamentali della guerra, della Nato , dell’euro, dell’Unione Europea? Possibile, e questa volta è una domanda, che questi si pongano problemi solo di apparato e non abbiano capito che verranno spazzati via dal vento gelido delle destre? E noi pagheremo tutto e di più perché andremo a finire nelle catacombe della storia?

    Reply
  2. Avatar
    pellerey mario

    la litigiosità, ottusa, è sempre stata/è la malattia della sinistra italiana, i “die Linke” tedeschi sono molto più coesi e fanno una paura d’inferno anche se sono pochi, barluscainfausto non esitò a mettere insieme il diavolo e l’acqua santa….in un solo calderone MSI-AN e Legaioli, quando la lega sbraitava berluskaiser, roma ladrona e “terun tucc a ca’”…….no pasaran

    Reply
  3. Avatar
    Giovanni Sonego

    Secondo me ci vuole un po’ di testardaggine a andare avanti con la proposta della doppia tessera. E’ solo un primo passo, poco rischioso tutto sommato. Perché non provare a farlo?

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.