martedì 16 ottobre 2018

Sinistra, ecco perché non andremo a Cosmopolitica

Sinistra, ecco perché non andremo a Cosmopolitica

Dentro l’Altra Europa con Tsipras, non tutti ormai stanno con Tsipras e nemmeno sono allineati alle posizioni espresse da Marco Revelli, l’ultimo dei garanti. Ecco perché diserteranno Cosmopolitica, l’assemblea di SI-SEL

di Imma Barbarossa, Sauro Di Giovanbattista, Cristina Quintavalla, Riccardo Rossi, Nando Simeone

D'Attorre, Fratoianni, Fassina: il nuovo che avanza
D’Attorre, Fratoianni, Fassina: il nuovo che avanza

Nella conferenza stampa di Altra Europa Marco Revelli,pur esprimendo critiche sia pur blande di metodo e di merito al percorso, ha comunicato il proposito di partecipare come AET alla prossima assemblea di SI-SEL intitolata Cosmopolitica, dando seguito a una decisione presa a maggioranza in una poco partecipata riunione del Comitato nazionale di AET.

Avevamo chiesto, come componenti del Comitato nazionale, di promuovere un’assemblea nazionale de L’Altra Europa per discutere non solo sul metodo e il merito del progetto di SI-SEL ,ma anche e soprattutto sulle caratteristiche e sui contenuti,che sono apparsi chiari sin dall’inizio.

Un’Assemblea Nazionale per discutere del futuro de L’Altra Europa  e della nascita di un soggetto politico della sinistra da costruire non attraverso la solita  ricomposizione del ceto politico e dei gruppi dirigenti in improbabili contenitori senza contenuti, ma avviando un percorso aperto da costruire con movimenti, associazioni, forze politiche e sociali. Un percorso di chiara rottura con le compatibilità dell’attuale assetto economico finanziario, sociale e culturale imposto dalle classi dominati in Europa e in Italia.

Diversamente da SI-SEL,  a noi pare che la questione non sia lo scioglimento delle organizzazioni partitiche,come riduttivamente si vuol far credere, e nemmeno i centimetri di distanza dal PD di Renzi o non di Renzi. La questione riguarda esattamente il progetto, il suo carattere elettoralistico, vago e ambiguo nelle alleanze come dimostra la situazione di Milano. Riteniamo che la partecipazione a questa Cosmopolitica segni un ulteriore allontanamento di un ristretto gruppo di componenti dell’ AE rispetto agli (ultimi) aderenti all’AE, molto critici rispetto al modo di costruzione del progetto politico, con particolare riferimento al sedicente processo di costruzione del soggetto unitario, destinato a muoversi nell’ottica della riproposizione di un centro sinistra, non fondato su analisi di fase,  né sull’individuazione di prospettive strategiche, ed un ulteriore affossamento del percorso originario di AET, che tanto entusiasmo e ‘novità’ aveva suscitato.

Related posts

1 Comment

  1. Giacomo Casarino

    Poveretti gli (ultimi) aderenti all’AE! Sarà stato il combinato disposto di egotistico velleitarismo e di (inventerato) entrismo che li ha condotti ad una mossa così “generosa”, pur nella sua assoluta cecità. Non si può neppure certamente parlare di “dilettanti allo sbaraglio”, avendo i sopraddetti una consistente carriera politica alle spalle! I maligni (ma io non sono tra costoro) potrebbero insinuare : “mi si nota di più se vado o se non vado?”

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.