19.8 C
Rome
mercoledì 17 Aprile 2024
19.8 C
Rome
mercoledì 17 Aprile 2024
Homecronache socialiRoma, democrazia a km 1 per i lavoratori pubblici

Roma, democrazia a km 1 per i lavoratori pubblici

Solo 1 km di democrazia per i dipendenti pubblici. La questura vieta il corteo, i sindacati obbediscono. Vogliamo il corteo

di Armando Morgia*

f1_0_laura-valenti-flc-cgil-i-lavoratori-della-scuola-e-del-pi-mobilitati-per-il-contratto-audio

Un chilometro, nulla di più, è quello che la Questura di Roma ha concesso per il corteo regionale dei sindacati del settore pubblico di Cgil, Cisl e Uil del Lazio, previsto per il 25 maggio per il rinnovo del contratto nazionale: da piazza del Colosseo a Piazza Madonna di Loreto, nell’isola pedonale tanto cara all’ex sindaco Marino, nulla di più.
Dopo sette anni senza contratto nazionale, nonostante la sentenza della Corte Costituzionale imponga il rinnovo al governo, con il Presidente del Consiglio Renzi che prevede aumenti medi di 5 euro per ogni lavoratore ed ogni lavoratrice, questo lo spazio di democrazia e partecipazione concesso.
La Questura, in linea con la riduzione e compressione degli spazi di democrazia imposti dal Governo Renzi con la riforma elettorale e la riforma costituzionale, vieta il corteo nella Capitale in violazione dell’art. 17 della Costituzione.
Un caso sintomatico che mostra come la Questura si sia liberamente potuta permettere di rifiutare anche i percorsi, già restrittivi, concordati tra Roma Capitale, Prefettura e sindacati confederali; la sottoscrizione di quell’accordo si conferma ancora una volta errata perché capace di aprire la strada a restrizioni sempre più incisive.
Ad una piattaforma già debole che parla di competenza, innovazione e produttività dimenticando salari e diritti come parole d’ordine proprie del DNA della CGIL, si affianca l’accettazione di un ulteriore riduzione di democrazia e partecipazione per senso di responsabilità, grave malattia con la quale rischiamo l’estinzione.
La FP CGIL, che per anni ha segnato la sua storia con la difesa e la costruzione della democrazia nel nostro paese, rischia oggi, di fronte ad un sistema basato sulle politiche di austerità che dettano i margini entro i quali la democrazia può essere esercitata, di essere corresponsabile di questa involuzione dispotica a causa della propria inerzia.
E’ necessario che la FP riveda questa sua decisione e, insieme alla Cgil, lanci una campagna di disobbedienza contro questa scelta autoritaria per la costruzione di una giornata di lotta per il 25 maggio che ci veda, insieme ai lavoratori e alle lavoratrici, in difesa della democrazia, del salario e dei diritti.

*Rsu Cgil Comune di Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano

Il malgusto ai tempi del consumo

Food porn, oltre la satira del cibo spazzatura: Andrea Martella torna in scena con Hangar Duchamp

Perché Israele uccide i giornalisti

Intervista a Haggaï Matar, direttore dei media israelo-palestinesi autori di un'inchiesta shock sull'uso dell'intelligenza artificiale per uccidere civili a Gaza Rachida El Azzouzi]

Il marchese del Grillo in salsa mediorientale

Eccidio di cooperanti a Gaza e bombe su Damasco, Netanyahu cerca di allargare il conflitto fidando nello strabismo degli alleati