1.3 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
1.3 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroni8 per mille: i cattolici hanno l'asso quasi-piglia-tutto

8 per mille: i cattolici hanno l’asso quasi-piglia-tutto

8 per mille: anche quest’anno la Chiesa cattolica incassa un miliardo di euro grazie  a un meccanismo perverso da rivedere

chiedilo-a-roberto
«Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha diffuso i dati relativi alla ripartizione dell’8 per mille di quest’anno: la Chiesa ancora una volta fa la parte del leone e con solo il 37% delle firme incassa 1 miliardo e 18 milioni di euro, pari all’80% del totale dei fondi. Sono anni che denunciamo questo meccanismo perverso ma nessuno sogna di metterci mano». 

Il perverso meccanismo cui fa riferimento il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Stefano Incani, è quello per cui le quote non espresse – quelle che non vengono destinate, perché il contribuente non firma né per lo Stato né per una delle confessioni religiose che ha accesso ai fondi – sono comunque ripartite in proporzione alle firme ottenute e che consente appunto alla Chiesa di incamerare la maggior parte dei fondi. 

«In pochi – prosegue Incani – sono a conoscenza di questo meccanismo anche perché lo Stato si guarda bene dal pubblicizzarlo, ma esso fa sì che quel 45% circa di contribuenti che sceglie a chi destinare l’8 per mille determini la ripartizione anche del restante 55%».
«Contro questo sistema per ben due volte è intervenuta la Corte dei Conti sottolineando la necessità di una revisione del meccanismo e puntando inoltre il dito contro lo Stato, unico competitore che non sensibilizza l’opinione pubblica sulle proprie attività con campagne pubblicitarie. E anche quest’anno i dati parlano chiaro: per lo Stato ha firmato solo il 7% dei contribuenti!». 

«Se ci mettiamo poi che la Chiesa, nonostante gli slogan, destina la maggior parte delle risorse per “esigenze di culto e pastorale” e “sostentamento del clero” (quest’anno rispettivamente 399 milioni di euro e 350 milioni), il quadro è completo. Quei fondi, che sono peraltro solo una parte delle ingenti risorse che lo Stato distrae dalle sue casse per farle confluire in quelle della Chiesa (secondo i nostri calcoli si tratta di 6 miliardi di euro l’anno), anziché finire nelle tasche della Chiesa cattolica dovrebbero essere utilizzati a beneficio di tutti e tutte».
occhioxmilleog

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili