1.8 C
Rome
mercoledì 21 Febbraio 2024
1.8 C
Rome
mercoledì 21 Febbraio 2024
Homein fondo a sinistraLa lunga marcia di Corbyn verso le primarie

La lunga marcia di Corbyn verso le primarie

Jeremy Corbyn lancia la campagna per la leadership del Partito Laburista. Un solo sfidante contro di lui nelle primarie del Labour

di  Silvia Swinden/Pressenza
sostenitori-Corbyn-720x405

“Sto lanciando la mia campagna per la leadership laburista. Nella mia campagna voglio affrontare le ingiustizie che ostacolano le persone e le comunità – la disuguaglianza, l’abbandono, l’insicurezza, il pregiudizio e la discriminazione. Implementeremo alcune delle misure che il prossimo governo laburista intende adottare per superarle. Un governo sotto la mia guida si muoverà con decisione verso una società in cui opportunità e prosperità siano veramente condivise – in cui nessun individuo e nessuna comunità rimangano indietro”.

Da quando è diventato leader, il partito laburista sotto Corbyn ha costretto il governo Tory a fare marcia indietro “sui tagli ai crediti d’imposta, sui tagli ai Pagamenti per l’Indipendenza Personale delle persone con disabilità, sull’accademizzazione forzata, sui tagli alla polizia, sull’atto sindacale, e ha ottenuto numerose concessioni sull’Atto per la Casa”.

Ha appena votato contro il rinnovo del Sistema missilistico nucleare Trident e ha importanti precedenti di opposizione alla guerra. I risultati della competizione saranno resi noti il 24 settembre.

Come riferito dal Guardian, Angela Eagle si è fatta da parte per dare maggiori possibilità di vittoria al gallese Owen Smith, che ha ottenuto l’appoggio di 90 parlamentari. Smith ha lanciato un appello ai membri del Partito Laburista, presentandosi come il loro campione e sostenendo di essere radicale quanto Corbyn. Una bella pretesa, per un parlamentare che ha appena votato a favore del rinnovo del programma nucleare britannico Trident!

I sostenitori dell’attuale leader laburista intanto si stanno organizzando per una battaglia che durerà tutta l’estate, fino alla conferenza del partito del 24 settembre, quando verrà annunciato il vincitore delle primarie. “Nonostante i tentativi di impedire a Jeremy di partecipare alle primarie e di privare la gente del diritto di voto, oltre 183.000 persone hanno pagato 25 sterline nelle 48 ore disponibili per diventare sostenitore del Partito Laburista” afferma un entusiastico post nella pagina Facebook che lo appoggia. “Questa settimana i nostri social media hanno fatto un altro balzo in avanti e ci sono stati incontri in tutto il paese, con la partecipazione di centinaia e migliaia di persone nonostante lo scarso preavviso. E questo dimostra ancora una volta che Jeremy e il movimento dietro di lui non si faranno zittire.”

Jeremy Corbyn ha lanciato la sua campagna per la leadership laburista all’Institute of Education (nella foto) con queste parole: “Nella mia campagna intendo denunciare le ingiustizie che affliggono le persone e le comunità – disuguaglianza, abbandono, insicurezza, pregiudizio e discriminazione. Annunceremo alcune delle misure che il prossimo governo laburista prenderà per superarle. Un governo da me guidato si muoverà con risoluzione verso una società in cui le opportunità e la prosperità siano davvero condivise, in cui nessun individuo e nessuna comunità restino indietro”.

 

Traduzione dall’inglese di Matilde Mirabella

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]