1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniE' il più cattivo dell'anno: bruciato Trump

E’ il più cattivo dell’anno: bruciato Trump [video]

Il fantoccio del candidato repubblicano Donald Trump è stato il protagonista del più famoso falò della Gran Bretagna. Ieri è stata la Guy Fawkes Night

di Francesco Ruggeri

Il fantoccio di Donald Trump, alto 36 piedi, 11 metri, è stato incendiato ieri sera nel corso del più famoso falò della Gran Bretagna, nel villaggio di Edenbridge, Kent, 40 miglia (66 km) a sud di Londra. Un pupazzo in mutandoni che stringeva la testa della sua rivale alle presidenziali Hillary Clinton. Il suo creatore, un artista locale, si chiama Frank Shepherd.
Alla Edenbridge Bonfire Society il soggetto della “pantasima” è stato indicato da una consultazione popolare che lo ha definito il più grande cattivo del 2016, il peggiore di tutti.
Altri nomi in lizza per il falò: Sir Philip Green che ha venduto per una sterlina la catena di grandi magazzini BHS, esistente da 88 anni, con un buco previdenziale di 571 mlilioni di sterline (733 milioni di euro) e 11mila posti di lavoro in ballo; Sam Allardyce, ex selezionatore della nazionale di calcio inglese filmato mentre spiega a due giornalisti in incognito come aggirare, dietro il pagamento di 400mila sterline, le norme per regolare la proprietà dei “cartellini”; il ministro degli Esteri Boris Johnson e concorrente di X Factor, Miele G.

15657413-large

Sono quasi 20 anni che la Edenbridge Bonfire Società mette a fuoco i personaggi pubblici più controversi dell’anno accanto alla tradizionale figura di Guy Fawkes, membro di un gruppo di cospiratori cattolici inglesi che tentarono di assassinare con un’esplosione il re Giacomo I d’Inghilterra e tutti i membri del Parlamento nel 1605, complotto passato alla storia come la congiura delle polveri. Il 5 novembre 1605 il complotto fu scoperto, e i trentasei barili di polvere da sparo furono disinnescati. Da allora, ogni 5 novembre, i bambini del Regno Unito vanno in giro per il paese con dei fantocci, recitando una filastrocca che ringrazia Dio per aver salvato il Re dall’attentato, a chiedere soldi ai genitori per comprare i fuochi per il falò in cui vengono bruciati i fantocci nella simbolica ripetizione dell’esecuzione dei congiuranti. La celebrazione è nota con il nome di Guy Fawkes Night.
Prima di Trump sono stati bruciati il presidente della Fifa Sepp Blatter, calciatori come Wayne Rooney e Mario Balotelli e anche il ciclista baro, Lance Armstrong.
Nel 2014, era toccato all’effigie di Jose Manuel Barroso, l’ex presidente della Commissione europea colpevole di chiedere 1,7 bilioni di sterline di tasse extra al Regno Unito.
Tutti i fondi raccolti nella notte del falò andranno a enti di beneficenza locali.

ztzzzknze6dewpxpputq8mlcxrzed3h-large

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]