1.3 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
1.3 C
Rome
domenica 16 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniEconomist per il No, la riforma fa schifo anche ai più liberisti

Economist per il No, la riforma fa schifo anche ai più liberisti

L’Economist boccia Renzi: se si dimettesse non sarebbe poi questa catastrofe. Un’editoriale spiega “Perché l’Italia dovrebbe votare no al referendum”

di Checchino Antonini

20161119_wbd001_0

Le dimissioni di Matteo Renzi nel caso di una vittoria del ‘no’ al referendum del 4 dicembre «potrebbero non essere la catastrofe che molti temono in Europa». Lo scrive l’Economist in un editoriale dal titolo «Perché l’Italia dovrebbe votare no al referendum», a corredo di un lungo articolo nel quale viene spiegata in dettaglio la riforma costituzionale. «L’Italia – spiega il giornale britannico – potrebbe mettere assieme un governo tecnico ad interim, come ha già fatto molte volte in passato. Se, perdere un referendum potesse realmente causare la fine dell’euro, allora sarebbe un segno che la moneta unica è così fragile che la sua distruzione è solo questione di tempo».

«Uno dei lati negativi del ‘no’ sarebbe quello di rafforzare la convinzione che l’Italia non ha la capacità di affrontare i suoi molteplici problemi, che la paralizzano», continua l’Economist, secondo cui «è Renzi ad aver creato la crisi, mettendo in gioco il futuro del suo governo sul test sbagliato». «Gli italiani – sostiene il settimanale – non dovrebbero essere ricattati. Renzi avrebbe fatto meglio a sostenere maggiori riforme strutturali su tutto, dalla riforma dell’indolente magistratura al miglioramento del pesante sistema dell’istruzione». Renzi, chiosa l’Economist, «ha già sprecato quasi due anni a provare ad aggiustare la Costituzione, prima l’Italia torna alle vere riforme, meglio sarà per l’Europa».

Si potrebbe pensare che anche gli ambienti più influenti dell’entourage politico-finanziario europeo comincino a prendere in seria considerazione l’idea che Renzi perda il referendum. L’Economist non è certo l’house organ di sinceri democratici. Proprio la rivista inglese, con un’ansiogena copertina all’inizio dell’estate (un pullman con la fiancata tricolore, in bilico sul ciglio di un burrone) aveva inaugurato la lunga sequela di endorsement internazionali per lo stravolgimento della Costituzione italiana. 

1467921626-italian-job

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili