22.9 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
22.9 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
Homepadrini & padroniAl diavolo l'Ue, sovranità è trovare soldi per i terremotati

Al diavolo l’Ue, sovranità è trovare soldi per i terremotati

La sovranità democratica è spendere subito 20 miliardi per le popolazioni e le aree colpite dal terremoto e dal gelo e mandare all’inferno la UE e i suoi vincoli di bilancio

di Giorgio Cremaschi

arton38693

La sovranità democratica è spendere subito 20 miliardi per le popolazioni e le aree colpite dal terremoto e dal gelo e mandare all’inferno la UE e i suoi vincoli di bilancio.

Questa dovrebbe essere la risposta alla letterina con cui i burocrati della UE chiedono di tagliare 3,4 miliardi di euro dal bilancio pubblico. Attenzione, chi denuncia la cialtroneria di Renzi, che per fare la sua perdente campagna referendaria ha distribuito furbescamente mance e promesse, chi condanna i giochetti del governo con la UE, ha perfettamente ragione. Va però aggiunto che gli stessi burocrati UE si sono prestati ai trucchi renziani, rinviando la loro presa di posizione a dopo il voto sulla controriforma costituzionale, che hanno sfacciatamente sostenuto. Dopo la vittoria del NO ora Bruxelles ci presenta il conto e dice che dobbiamo pagare. Eh no. 

Il ministro Del Rio, ai governanti tedeschi che chiedono par condicio nelle multe tra Volkswagen e FCA , ha risposto che siamo un paese sovrano. Il nostro governo difende la sovranità del paese solo quando deve obbedire a Marchionne? Eh no.
Quello che sta avvenendo è gravissimo e non può essere coperto dal teatrino della politica di palazzo e dai borbottii incomprensibili di Padoan, Gentiloni, Mattarella. Un paese che si fa imporre il bilancio dello stato da poteri esteri non ha più una sovranità, non è più una democrazia, è solo una colonia.
Qui emerge tutto il danno dei voti quasi unanimi, con cui le Camere del passato hanno approvato il fiscal compact e lo hanno addirittura inserito nell’articolo 81 della Costituzione. Quei voti hanno demolito una parte fondamentale dei nostri principi costituzionali, e la vittoria del NO il 4 dicembre ha solo evitato un disastro completo.
Il paese è in stagnazione e deflazione, la disoccupazione aumenta mentre intere popolazioni sono lasciate alla mercè dei disastri ambientali. Avremmo bisogno di un piano di 20 miliardi di spese urgenti per il lavoro e la sicurezza terrotoriale, altro che quelli stanziati per le banche, su cui la UE non ha avuto granché da dire. Avremmo bisogno di un parlamento democratico, libero di spendere i soldi del nostro paese e di fare altri debiti se questi servono e di decidere con il popolo su come e quando ripianarli.
Invece dovremmo obbedire ai burocrati di Bruxelles inveleniti per la sconfitta referendaria. Questa condizione di obbedienza è quella in cui è stata precipitata la Grecia, la prima colonia europea della Troika, che evidentemente ora vuole ampliare con noi i suoi domini.
I parlamenti sono nati proprio per decidere come spendere il denaro pubblico, se non possono più decidere diventano enti inutili…come il parlamento europeo. Che guarda caso ora elegge al suo vertice un berlusconiano incolore.
No, non fermiamoci ai trucchi di bilancio di Renzi e Padoan, andiamo alla sostanza: la UE e i suoi vincoli e ordini di bilancio vanno mandati al diavolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20