2.3 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
2.3 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemalapoliziaVuoi manifestare? Ti blocco al casello di Roma

Vuoi manifestare? Ti blocco al casello di Roma

Il blocco ai caselli, per chi osi andare a manifestare a Roma, è ormai consuetudine nell’era del ministro Minniti. Dopo il “sequestro” di 160 manifestanti del #25M, il caso di 700 precari della pubblica amministrazione

da Napoli, Antonello Zecca

vidoni_20170330
Il decreto sicurezza, meglio noto come decreto Minniti, è ormai pienamente operativo.
Quindici autobus provenienti da Napoli e Bari, con più di 700 precari e precarie della pubblica amministrazione, sono stati fermati ieri dalla polizia al casello di Roma Sud mentre si recavano alla volta di Piazza Vidoni a Roma per una manifestazione nazionale.
Il blocco ai caselli, aggravato dalla perquisizione individuale dei lavoratori e delle lavoratrici, sta diventando scenario consueto nel nuovo scenario targato PD, in cui l’esaurimento dei tradizionali margini di mediazione sociale si è riflesso nell’aggravamento sostanziale dei dispositivi di repressione, ormai diventata repressione preventiva.
La Federazione Sociale USB, tra le principali promotrici della manifestazione, ha sottolineato esattamente che quest’ultimo aspetto non può più essere sottovalutato e che la massima attenzione al riguardo è necessaria.
Si tratta in tutta evidenza di un grave problema di mancanza di agibilità democratica in questo Paese: di fronte all’aggravamento di una crisi che produce sempre più esclusione sociale e marginalizzazione, il governo e i suoi mandanti sociali non possono più consentire la libera espressione di rivendicazioni per il lavoro, per il diritto all’abitare, contro la devastazione ambientale, contro la logica delle privatizzazioni, che cozzano radicalmente contro le politiche di austerità co-promosse dai governi nazionali insieme all’Unione Europea.
In questo quadro, come sta accadendo ai militanti e agli attivisti politici e sociali che andranno a processo a Napoli domani, le lotte sociali sono equiparate ad attività estorsive.
Non certo un salto di poco conto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio