10.9 C
Rome
mercoledì 27 Gennaio 2021
10.9 C
Rome
mercoledì 27 Gennaio 2021
Home malapolizia G7 Lucca, tanti contro uno: ecco come funziona una carica di polizia

G7 Lucca, tanti contro uno: ecco come funziona una carica di polizia

G7 di Lucca, feroci cariche di polizia. Eleonora Forenza: «Il governo Gentiloni-Minniti continua a usare il manganello».

di Ercole Olmi

Lucca, 10 aprile: città blindata per il G7 dei ministri degli esteri. Sospese, come tradizione italica, la Costituzione, la libertà di movimento e di espressione. Ecco i video che testimoniano la brutalità degli agenti della celere che, da quando l’ex Pci Minniti siede al Viminale, hanno l’aria di sentirsi a briglia sciolta, più liberi del solito di pestare manifestanti e cittadini. I video sono stati girati da Localteam.it.

“Vergognosa repressione contro i manifestanti: manganelli a proteggere l’ennesima inutile passerella del G7. Il governo Gentiloni-Minniti continua ad usare la repressione contro chi manifesta il dissenso: ieri a Lucca – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa-gruppo Gue/Ngl – ancora una volta le forze dell’ordine hanno caricato e malmenato chi giustamente contestava i “potenti della terra” rinchiusi nella loro zona rossa. Noi diciamo basta alle zone rosse, stop alla repressione di chi ha tutto il diritto di protestare e soprattutto basta a questi inutili e costosi vertici, pure passerelle mediatiche, di organismi come il G7 che nessuno ha eletto e delegato di decidere per i popoli le sorti del mondo. Come gridavamo a Genova, voi G8, noi 6 miliardi! La mia solidarietà ai manifestanti picchiati e caricati ieri a Lucca”.

Ecco come se la cava l’Ansa: Un corteo sfilato pacifico per quasi tre ore ma dove, improvvisamente, è salita la tensione e tra i manifestanti è apparsa una grata di ferro, una rete metallica, dietro la quale un centinaio di giovani dei Centri sociali si sono riparati per fronteggiare le forze dell’ordine schierate a Porta San Jacopo. Subito dopo sono stati accesi alcuni fumogeni e lanciati i primi petardi contro agenti e carabinieri in assetto antisommossa. La tensione è salita ma il tentativo di sfondare il cordone dei blindati e entrare nel centro storico per manifestare davanti ai ministri degli Esteri del G7, riuniti in palazzo Ducale a Lucca, è fallito grazie a una carica di alleggerimento ‘prolungatà delle forze dell’ordine che ha disperso i manifestanti. Alla fine sei agenti sono rimasti contusi (tra loro anche un funzionario) e almeno un ferito è stato registrato tra i manifestanti perchè portato in ospedale e qui, sembra, fermato. Tra i giovani altri sarebbero rimasti contusi ma avrebbero evitato di ricorrere alle cure mediche per evitare problemi con la giustizia. È successo tutto intorno alle 18.00, dopo che il corteo con i rappresentanti dei Centri sociali di altre città toscane era arrivato in piazza don Baronio e si era riunito con i manifestanti di Lucca e delle province della costa che erano nel vicino Centro sociale. Il corteo, circa 300 persone, è quindi tornato verso la stazione ferroviaria sempre passando dal viale che corre esterno alle mura. Nessun problema davanti a Porta Santa Maria, anche questa presidiata, ma 300 metri più avanti la mossa per provare a sfondare. La risposta delle forze dell’ordine è stata, come detto, una carica di alleggerimento ma molto prolungata, almeno fino a quando i manifestanti non si sono dispersi nelle strade laterali, inseguiti da agenti e carabinieri con dietro i furgoni blindati e le loro sirene. Come sempre, in questi casi, tra quanti che protestavano contro il G7, qualcuno si è dissociato dagli scontri ma ha applaudito polemicamente gli agenti mentre a Porta San Jacopo arrivavano le prime ambulanze e i sanitari medicavano i contusi. Quando il corteo si è ricompattato i giovani sono riusciti a farsi restituire il loro furgone ‘bloccatò all’inizio della carica, ma non a far rilasciare i due o tre manifestanti che, secondo loro, sono stati fermati dagli agenti e portati in questura. Per chiedere il loro rilascio si sono quindi diretti verso la stazione e una volta davanti alla questura hanno improvvisato un sit-in assicurando che non si sarebbero mossi fino al rilascio di tutti i fermati. All’interno delle mura, nel centro storico, solo l’urlo delle sirene ha fatto realizzare a una città ‘desertà già da stamani che fuori stava succedendo qualcosa di non previsto. Per la verità già nei giorni scorsi i centri sociali avevano annunciato che non avrebbero accettato i divieti imposti al corteo che aveva ottenuto il permesso di sfilare ma solo fuori da quelle zone che non erano state identificate come ‘rossè, ma blu, verdi e gialle. Cambiava il colore ma non la sostanza: sì alla manifestazione ma lontana dai ministri. E così è stato. Fuori i maggiori problemi li hanno avuti gli automobilisti lucchesi: per loro divieto di accesso al centro storico e continui blocchi per la manifestazione fino a tarda sera.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ursula e Confindustria dietro la telenovela dei “responsabili”

Crisi di governo, i responsabili ci sono ma non bastano. La paura di elezioni anticipate paralizza la possibilità di mobilitazioni sociali

La Società della Cura lancia un Recovery Planet

Col Recovery Plan l'Unione europea tenta di riproporre la gabbia liberista. La Società della Cura prova a forzare quella gabbia

Conte sale al Colle con le dimissioni in tasca

La scelta delle dimissioni non ferma la caccia ai 'responsabili’. Anzi, offre a Conte tempi supplementari per l'ipotesi di coalizione Ursula

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»