7.1 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
7.1 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
Homepadrini & padroniL'onestà prima di tutto, o no? Ecco il dream team di Renzi

L’onestà prima di tutto, o no? Ecco il dream team di Renzi

L’assemblea nazionale del Pd ha eletto la nuova direzione del partito di Renzi. Alcuni di loro sono condannati o sotto processo per bancarotta, abuso d’ufficio e altri reati

di Otello Chelli

ASSEMBLEA-4-755x515

L’Assemblea nazionale del Partito democratico ha eletto i 120 componenti della Direzione nazionale. Ecco alcuni componenti renziani: Leopoldo Di Girolamo, ai domiciliari per un’inchiesta su appalti alle cooperative; Piero De Luca, figlio del governatore della Campania (90% delle preferenze), a processo per bancarotta fraudolenta; Franco Alfieri, sindaco di Agropoli, indagato per peculato e abuso d’ufficio; Fabio Paparelli, condannato dalla Corte dei Conti; Andrea Grossi, indagato per associazione a delinquere e truffa; Damiano Zoffoli, parlamentare europeo, condannato dalla Corte dei Conti; Claudio Moscardelli, Bruno Astorre e Giancarlo Lucherini, rinviati a giudizio per abuso d’ufficio per la selezione di alcuni collaboratori con presunte irregolarità; Graziano Milia ex presidente della provincia di Cagliari, condannato in via definitiva a un anno e quattro per abuso d’ufficio sulla costruzione di un complesso turistico; Paola Bragantini è accusata di truffa aggravata per le “giunte fantasma”a Torino; Nicodemo Oliverio, deputato piemontese, accusato per bancarotta fraudolenta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»