2.3 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
2.3 C
Rome
martedì 18 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureL'atomica su Hiroshima, 140mila morti ma il Giappone era già vinto

L’atomica su Hiroshima, 140mila morti ma il Giappone era già vinto

6 agosto 1944: viene sganciata la bomba atomica su Hiroshima. 140mila i morti

di Marco Gisotti

20637920_1615464325141162_4409575205865810874_n

Immaginate l’arma “fine del mondo”. Kubrick, il regista di “Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba”, immaginava che questa “arma” fosse proprio l’atomica.
Nel 1905 fu Albert Einstein il primo a intuire la possibilità di ricavare energia dal nucleo dell’atomo e, nel 1939, firmò insieme ad altri una lettera all’allora presidente degli Stati uniti Franklin Delano Roosevelt per suggerire l’uso bellico dell’energia atomica. Lettera e firma che ancora oggi si pensano dubbie ma certo è che il Progetto Manhattan decollò e a guidarlo furono i migliori fisici del mondo, primo fra tutti l’italiano Enrico Fermi.
Il progetto partorì “Little boy”. Macabro umorismo per battezzare quella prima bomba atomica da sganciare su persone vive. Accadde il 6 agosto del 1944, alle ore 8,16, sulla città giapponese di Hiroshima: 80.000 morti all’istante, più altri 60.000 nei giorni successivi. Tre giorni dopo toccherà a Nagasaki.
Tecnicamente la prima bomba atomica fu fatta esplodere, per ragioni sperimentali, qualche settimana prima, il 16 luglio 1945 nel deserto del Nuovo Messico.
Einstein fu contento di quell’uso? Probabilmente no, se è vero quello che riferì Oppenheimer anni dopo: “Einstein aveva ragione quando diceva che se avesse dovuto ricominciare la vita, avrebbe fatto lo stagnino”. Molti scienziati, infatti, di fronte alla distruzione di Hiroshima e Nagasaki decisero di abbandonare ogni sostegno alla ricerca bellica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio