26.1 C
Rome
giovedì 5 Agosto 2021
26.1 C
Rome
giovedì 5 Agosto 2021
HomemalapoliziaEgitto: scomparso l'avvocato della famiglia di Giulio Regeni

Egitto: scomparso l’avvocato della famiglia di Giulio Regeni

In Egitto, per Alfano “partner ineludibile”, scomparso l’avvocato della famiglia Regeni. Doveva recarsi a Ginevra per una conferenza Onu sui diritti umani

di Marina Zenobio

verita_per_regeni

Scomparso Ibrahim Metwaly, uno degli avvocati egiziani della famiglia di Giulio Regeni.
A denunciarlo i colleghi dell’Egyptian Commission for Right and Freedom (Ecrf), che si dicono “molto preoccupati e secondo i quali Metwaly – che da anni insieme alla suo organizzazione è impegnato nelle battaglie per i diritti umani negati dal governo di Al Sisi – è stato bloccato e portato via da non meglio identificate forze di sicurezza mentre stava per prendere un volo per Ginevra, invitato dalle Nazioni Unite per una conferenza stampa dove avrebbe portato dossier sulle gravi violazioni dei diritti umani in Egitto compreso quello di Giulio Regeni. Al momento né Amnesty Internazionale né gli avvocati italiani della famiglia Regeni sono in possesso di informazioni più circostanziate.

Anche l’avvocato Metwaly, 53 anni, ha perso un figlio, scomparso e mai più ritrovato. Fin dalla scoperta del corpo martoriato di Giulio si è battuto per riuscire a ricostruire la verità sulla vicenda, ricerca osteggiata in ogni forma al governo di Al Sisi che qualche giorno fa ha definito “il caso chiuso”. Contemporaneamente il ministro Angelico Alfano definiva l’Egitto un “partner ineludibile” per l’Italia e difeso la decisione di rimandare l’ambasciatore Giampiero Cantini nella sede diplomatica italiana al Cairo. Cantini riprenderà servizio il prossimo 14 settembre.

Proprio all’indomani delle dichiarazioni di Alfano per la ripresa delle relazioni con Al Sisi, il sito internet della Commissione egiziana per i diritti e le libertà è stato oscurato, dopo che aveva fatto sapere che 107 persone sono scomparse in Egitto nei primi tre mesi del 2017 e 378 negli ultimi 12 mesi. In un comunicato inviato ai media locali e stranieri, Ahmad Abdallah, collega di Metwaly, definiva l’oscuramento una conseguenze alle parole di Alfano, un nuovo attacco contro la libertà di espressione e la prova che “non solo il governo rifiuta ogni critica ma anche che le sue argomentazioni sono deboli”. Ma non è stato l’unico sito oscurato, tutti quelli che si occupano di diritti umani in Egitto negli ultimi tempi, circa 420, hanno subito la stessa sorte, compreso quello di Human Rights Watch che, nei giorni scorsi, ha denunciato le torture del regime di Al Sisi.

Ieri il rapimento di Metwaly, che lascia intendere quanto sia ancora complicata la situazione nel paese “ineludibile partner” di Alfano. L’ambasciatore Cantini a fine mese dovrebbe incontrare le autorità egiziane per parlare ancora del caso Regeni, ma le premesse sono inquietanti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell'anniversario. La minaccia atomica oggi e l'ambiguità di Italia e Nato

Greenpeace: donazioni a qualsiasi prezzo?

Un'ex dipendente del call center fornitore di Greenpeace in Francia denuncia le condizioni di lavoro e i metodi invasivi [Cécile Hautefeuille]

Ascanio Celestini immagina il Museo Pasolini

Celestini, un'anteprima in forma di prove a Fosdinovo per il festival Fino al Cuore della Rivolta [Chiara Nencioni]

Paola e quel brindisi alla vita

E' morta Paola Staccioli, attivista, scrittrice, fondatrice di Osservatorio Repressione

Claudio Giunta e l’apologo della pompa di benzina

Breviario in 15 punti per non perdere la fede nell’intelligenza. Una polemica che parte dalla denuncia del neoliberismo da parte di tre normaliste