Sea Watch: «Bimbo morto a bordo e non sappiamo dove sbarcare»

Sea Watch: «Bimbo morto a bordo e non sappiamo dove sbarcare»

Gennaro Giudetti di Sea Watch, dopo il salvataggio in mare: Ora viaggiamo col cadavere di un bambino. Sua madre sta per impazzire dal dolore”

Foto Sea watch
Salvataggio sea watch - 6 novembre 2017 4

ROMA – “Abbiamo a bordo il cadavere del bambino che abbiamo recuperato ieri in mare e sua madre, che sta quasi impazzando dal dolore. E non sappiamo ancora dove sbarcare. Siamo di fronte a Lampedusa, ma ci dicono che lì è impossibile attraccare e che dobbiamo dirigerci verso Pozzallo, continuando la navigazione per altre lunghissime ore”. Lo racconta a Redattore sociale Gennaro Giudetti, 26 anni, attivista volontario, come mediatore culturale sulla nave della ong Sea Watch, che ieri è intervenuta dopo un naufragio a largo delle coste libiche. Un soccorso particolarmente difficile, perché racconta l’ong, a ostacolare le operazioni c’era la Guardia costiera libica che tentava di riportare i migranti indietro.

 “Ieri mattina, intorno alle 7,30, ci ha chiamato il centro di coordinamento Mrcc da Roma, dicendo che c’era un gommone in difficoltà e di operare il salvataggio – racconta -. Ci siamo diretti verso il punto del naufragio, ma più ci avvicinavamo e più incontravamo corpi di persone galleggiare. E’ stato orribile: a un certo punto abbiamo visto anche il cadavere di un bambino, avrà avuto 3 o 4 anni. Lo abbiamo recuperato insieme alla madre, viva, che si disperava”. Giudetti spiega che il numero dei morti è difficile da determinare, ma le vittime sono sicuramente più di 5, come si era detto in un primo momento. “Non siamo riusciti a recuperare tutti, perché la nostra priorità era andare verso chi stava affogando, e gridava aiuto – continua -. Purtroppo mentre noi ci avvicinavamo la Guardia costiera libica cercava di mandarci via”. L’attivista racconta di una scena molto brutta e pesante: “ci minacciavano e imprecavano”. “Il gommone dei migranti era legato alla loro nave, quindi erano riusciti a far salire alcuni profughi a bordo – afferma – e li abbiamo visti mentre li picchiavano con una corda per farli stare fermi. Ovviamente tutti volevano scappare, sapendo che li avrebbero riportati indietro”. Verso gli operatori dell’ong i libici hanno lanciato anche patate: “qualsiasi cosa purché ce ne andassimo”.

Foto Sea watch
Salvataggio sea watch - 6 novembre 2017

Attualmente a bordo ci sono 58 persone salvate e il bambino morto. Altri quattro corpi sono stati consegnati alla nave Acquarius. “L’ultima immagine che porto con me è quella di uomo che si è lanciato dalla nave della Guardia costiera libica per raggiungere il nostro gommone dove aveva visto sua moglie – racconta -, è rimasto attaccato alla fune della nave. La guardia costiera ha accelerato, lo abbiamo visto sparire tra le onde, senza riuscire a fare niente. Tutto ciò mi crea rabbia: sapere che la vita di queste persone dipende da pochi piccoli istanti. Se riusciamo ad allungare il braccio sono vivi, altrimenti sono morti. Mentre intorno c’è un’indifferenza devastante e la complicità del nostro governo: la guardia costiera libica è stata pagata da noi per fare tutto questo. Bisogna dirlo forte e chiaroSiamo noi i colpevoli di questo massacro”. (ec)

Foto Sea watch
Salvataggio sea watch - 6 novembre 2017 2

© Copyright Redattore Sociale

TAG: SALVATAGGI IN MAREMIGRANTILIBIAONG

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Cookies necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

__cfduid, csrftoken, JSESSIONID, SESS#
__cfduid
SESS#
JSESSIONID

Cookies per preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi

lang, lang
lang
lang

Cookies statistici

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gali, _gat, _gid, d
d
_ga, _gali, _gat, _gid

Cookies per il marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi. Tali dati sono raccolti in forma anonima.

_twitter_sess, ATN, bcookie, bscookie, c, ck1, CMDD, CMID, CMPRO, CMPS, CMSC, CMST, collect, CSNUtId, ct0, drtn#, DSID, everest_g_v2, everest_session_v2, external_referer, gglck, guest_id, i/jot/syndication, id, IDE, khaos, leo_auth_token, lidc, mc, mdata, na_id, na_tc, NID, pcs/activeview, personalization_id, r/collect, rlas3, rtn1-z, test_cookie, UID, UIDR, uuid, visit,
ct0, external_referer, personalization_id
ATN
bcookie, bscookie, leo_auth_token, lidc, RT, visit, _auth
c, khaos
ck1, drtn#, rlas3, rtn1-z
CMDD, CMID, CMPRO, CMPS, CMSC, CMST
collect, NID
CSNUtId
dpixel, mc
DSID, IDE, doubleclick.net, test_cookie
everest_g_v2, everest_session_v2, gglck
id, mdata
na_id, na_tc
pcs/activeview
UID, UIDR
uuid
_pinterest_sess

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?