1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemalapoliziaSolidarietà ai tifosi. Federico Ovunque (anche in Parlamento)

Solidarietà ai tifosi. Federico Ovunque (anche in Parlamento)

#FedericoOvunque, raccolta fondi di Acad per le multe alle tifoserie. L’adesione di candidati di Potere al Popolo alla campagna di solidarietà

di Ercole Olmi

#FedericoOvunque: «La memoria non si nega. La memoria non si autorizza», scrive Acad, l’associazione contro gli abusi in divisa, lanciando la campagna di solidarietà concreta con i tifosi colpiti dalla repressione per aver portato in curva l’immagine di un ragazzo, Federico Aldrovandi, ucciso da quattro poliziotti senza alcuna ragione.

Ecco il bilancio provvisorio delle multe: 14 Multe ai ragazzi della Torino Hooligans, 1 multa ai Forever Ultras Bologna 1974 in trasferta a Napoli, multa agli UTC Sampdoria, 3 multe ai Boys Parma, pezza strappata ai tifosi del Siena con multa alla società idem per i tifosi del Prato a Siena con multa alla società.

Contro la ferocia degli aguzzini che una notte d’autunno spensero i suoi sogni di ragazzo, strappandolo alla vita e ai suoi affetti più cari. Contro la ferocia degli apparati di polizia che tentarono con menzogne, diffamazioni, insabbiamenti di nascondere la verità. Contro la ferocia di chi dinanzi ad ogni tragedia dichiara che “le responsabilità individuali saranno perseguite”. Contro l’ipocrisia del cordoglio istituzionalizzato.Contro l’ipocrisia di coloro che si ricordano di Federico solo sotto elezione dopo aver votato le leggi liberticide ad uso ed abuso di chi ne vorrebbe negare il ricordo. Contro la violenza pubblica ed ufficiale con la quale si ha l’intenzione di impedire la libera espressione del pensiero e colpire chi dissente.

Federico è entrato ed entra. Perché per mostrare la vita non dovrebbe servire né preavviso né autorizzazione. Aldro è apparso ovunque. Il suo sguardo ha sgretolato le ipocrite velleità di far cadere nell’oblio la sua storia come quelle di chiunque abbia subito la violenza dello Stato.

Molte voci si sono fatte una sola voce. Non stupisce che proprio dagli stadi, luoghi di passione, essa si sia elevata: “Noi non dimenticheremo mai Federico e tutti gli altri. Noi non tollereremo che riaccada. Federico entra ed entrerà ovunque!”

Nei giorni successivi al lancio della campagna #FedericoOvunque, sono iniziate le molte segnalazioni di abusi ed intimidazioni messi in atto nei confronti di tifosi e gruppi Ultras, colpevoli di avere desiderato introdurre o di avere introdotto all’interno degli stadi vessilli recanti l’immagine del viso di Federico o striscioni in suo onore. Non ci è stato difficile prevedere cosa poi di fatto è accaduto. Una vergogna senza fine con multe di migliaia di euro a Torino, le sanzioni per la coreografia dei tifosi del Parma a Terni, la multa a Napoli per i bolognesi in trasferta o quella per la Genova blucerchiata, le pezze strappate ai tifosi di Siena e Prato con ripercussioni sanzionatorie verso le rispettive società, le ignobili dichiarazioni del giudice sportivo che ha descritto il volto di Federico come “provocatorio” nei confronti delle forze dell’ordine. Può bastare?

Un gruppo di candidati di Potere al Popolo, impegnati da tempo nei movimenti sociali e nelle battaglie contro la repressione, ha aderito alla campagna. Si tratta di Nicoletta Dosio, candidata in Val Susa; del molisano Italo Di Sabato dell’Osservatorio Repressione; di Ilaria “Norma” Mugnai, candidata a Firenze; Francesca Coppo di Savona, candidata in Liguria a Savona, assieme a Checchino Antonini, giornalista di Popoff.

«Contro la violenza pubblica ed ufficiale con la quale si ha l’intenzione di impedire la libera espressione del pensiero e colpire chi dissente». Sposiamo queste parole dell’appello di Acad, l’associazione contro gli abusi in divisa, e aderiamo alla campagna di raccolta fondi e di solidarietà con i tifosi puniti per aver esposto negli stadi l’immagine di Federico Aldrovandi, ucciso a diciotto anni, senza ragione, da quattro poliziotti. Un delitto che settori della questura di Ferrara provarono a insabbiare (ci sono state altre condanne) e che qualche sindacato di polizia ha provato a strumentalizzare solidarizzando con i quattro responsabili, condannati in ogni grado di giudizio. Noi, militanti impegnati ogni giorno nella lotta alla repressione del conflitto sociale e degli stili di vita, sosteniamo la campagna #FedericoOvunque e ci impegnamo a portarla in parlamento con gli eletti di Potere al Popolo visto che la Lega, mandante morale del raid di Macerata, ha candidato il segretario del Sap, sindacato che tributò una lugubre standing ovation ai quattro colpevoli dell’omicidio Aldrovandi. Chiediamo a chiunque voglia contribuire al pagamento delle multe di fare una piccola donazione al conto di Acad come ci accingiamo a fare noi.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]