lunedì 24 settembre 2018

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Chi è e che poteri avrà Miguel Diaz-Canel, successore di Raúl Castro alla presidenza di Cuba

Francamente è presto per commentare l’elezione del primo presidente nato dopo la vittoria della rivoluzione. Più volte, anche senza arrivare a una nomina formale, erano comparsi a fianco di Fidel giovani quadri di belle speranza che tutti i “cubanologi” indicavano come i delfini dei Castro: Carlos Aldana, Roberto Robaina, Carlos Lage Dávila,Felipe Pérez Roque, ed altri, che dopo qualche anno erano stati poi destituiti bruscamente con motivazioni generiche e poco convincenti. In un paio di casi si era detto che erano “attratti dal miele del potere”… La prima novità dunque è semplicemente quella che è arrivato in porto un progetto di ringiovanimento del gruppo dirigente che era stato pensato da tempo ma era stato finora bloccato da paure poco fondate e da metodi troppo bruschi.

Miguel Diaz-Canel è stato alla fine eletto con un voto che lo stesso corrispondente dall’Avana del “manifesto” ha definito bulgaro (99,83%) e che la dice lunga sui criteri di selezione di un’assemblea di dubbia utilità e rappresentatività. Ma il basso profilo mantenuto da Diaz-Canel negli anni dell’attesa (e dell’apprendistato) consiglia di aspettare a parlare di cosa vorrà e potrà fare, in un sistema regolato da una costituzione che subordina formalmente il governo, il parlamento e la società al ruolo dirigente del partito comunista, il cui segretario generale è Raúl Castro e nel cui Ufficio politico siedono alcuni esponenti conservatori della vecchia generazione.

Il linguaggio usato da Diaz-Canel per presentarsi è quanto mai rituale: “continuerà il perfezionamento del socialismo”, e manterrà come “priorità interne” i problemi socioeconomici già definiti dalla precedente amministrazione. D’altra parte, con parole di lode al ruolo storico del vecchio leader, Diaz-Canel ha annunciato che Raúl Castro sarà il “promotore delle decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione” in quanto primo segretario del PC di Cuba. E Raúl Castro in un discorso più articolato e meno freddo del consueto, ha precisato però che la singolare situazione che il nuovo presidente cubano non sia anche il primo segretario del PCC è solo temporanea, dal momento che si prevede che entro tre anni Diaz Canel assuma anche questo incarico. Un’altra lunga fase di apprendistato…

La sorte della nuova presidenza dipende da molti fattori, in gran parte esterni. Aumentano le incertezze per il ruolo degli USA, appoggiati da molti governi dell’America Latina e anche dal Canada, che ha ridimensionato la sua rappresentanza diplomatica all’Avana accettando la motivazione di Trump, che aveva preso a pretesto un ipotetico avvelenamento ambientale doloso. Sono in gravi difficoltà i paesi sopravvissuti all’ondata di destra: persa da tempo l’Argentina, e lacerato il Brasile, ma con una mobilitazione insufficiente della parte di sinistra, è incerta la sorte dell’Ecuador, ma anche e soprattutto quella del Venezuela. Lo stesso corrispondente del Manifesto dall’Avana non ha nascosto che una delle maggiori preoccupazioni riguarda proprio la sopravvivenza di questo paese che in passato aveva fornito un aiuto prezioso e disinteressato a Cuba. Rimane poco altro: non considero neppure tra gli amici di Cuba la dinastia pseudosandinista di Ortega che guida il Nicaragua. Questo paese era diventato già un peso, ed è oggi un nuovo fattore di discredito, dato che spara senza esitare su chi protesta contro i tagli alle pensioni.

Chi può aiutare Cuba a resistere ancora a una penetrazione statunitense divenuta più facile col gesto di Obama e oggi pericolosissima per l’asse tra Trump e la peggiore feccia revanscista di Miami? Non certo l’Europa, in cui il 90% di quel poco che rimane di sinistra non pensa neanche lontanamente di far qualcosa per spezzare l’assedio. Non la Russia e la Cina, che in continenti lontani hanno una lunga tradizione di scarso impegno a sostenere cause scomode quando aumentano il contenzioso con gli Stati Uniti. Non ci rassegniamo, e faremo il possibile per difenderla, ma sarà un compito difficilissimo, soprattutto se Cuba non riuscirà a riallacciarsi al suo eccezionale e originale patrimonio rivoluzionario, utilizzando tutte le sue potenzialità per rilanciare una credibile proposta internazionalista.

Si capisce quindi l’incertezza nel fare previsioni sul futuro di Diaz-Canel (e di Cuba). Un giurista cubano, Julio Antonio Fernández, ha dichiarato in modo ironico all’agenzia IPS che lo intervistava: “Tutti sono d’accordo che avremo un nuovo paese… Io direi di più, avremo un nuovo Stato, un nuovo governo, una nuova politica, e tutto sarà diverso, ma non sappiamo in che cosa e quanto”.

Focus

domenica 23 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Amref presenta "Non aiutateci per carità", la nuova campagna per una corretta e rispettosa narrazione dell'Africa
Formigli e Mentana, vedete a sdoganare Casa Pound?
domenica 23 settembre 2018 Redazione
Lettera aperta a Mentana, Formigli e a tutti gli altri giornalisti che hanno sdoganato Casa Pound dopo il raid di Bari
domenica 23 settembre 2018 Redazione
Torino, il Golden Palace licenzia la storica delegata sindacale. Il presidio di solidarietà nell'indifferenza dei clienti vip, ad esempio gli strapagati calciatori del Napoli
Varoufakis a Sanders: cosa dobbiamo fare?
giovedì 20 settembre 2018 Redazione
Varoufakis al Guardian: Il nostro nuovo movimento internazionale combatterà la crescita del fascismo e dei globalisti
mercoledì 19 settembre 2018 Redazione
Il suo nome era Steffen. Ad Hambach, un blogger attivista ha fatto una caduta mortale durante un'operazione di polizia
Un questore, una taser e un ragazzo ucciso dalla polizia
venerdì 14 settembre 2018 Checchino Antonini
«Ci fosse stato il taser, Federico Aldrovandi sarebbe ancora vivo», dice il questore di Reggio Emilia. Ma la taser è uno strumento di tortura che semina morti
giovedì 23 agosto 2018 Redazione
Pap: da Eleonora Forenza una risposta, lunga ma non esaustiva, ai tanti commenti su un post su Potere al Popolo Care compagne e cari compagni, ovviamente ne riparleremo al campeggio, in toni che mi auguro più festosi e costruttivi di alcuni dei commenti che ho letto. Credo però che alcune questioni sollevate meritino una risposta ...

in fondo a sinistra

Sahra “la Rossa” a Fassina: «Fatelo anche in Italia»
sabato 8 settembre 2018 Redazione
Il messaggio spedito da Sahra Wagenknecht ai fondatori di Patria e costituzione, i sovranisti "di sinistra" come Fassina e D'Attorre
Effetto Melenchon sulla Linke, nasce Aufstehen
domenica 5 agosto 2018 Giulio AF Buratti
Linke, Sahra Wagenknecht, della minoranza "nazionalista di sinistra", annuncia un nuovo movimento: Aufstehen, Alziamoci
Silenzi che uccidono: la sinistra e il Nicaragua
sabato 28 luglio 2018 Redazione
Nicaragua, l'assordante silenzio di politici e intellettuali della sinistra è uno smarrimento etico che annuncia i peggiori risultati politici

cronache sociali

Milano, Salvini mette sessanta famiglie in mezzo alla strada
martedì 4 settembre 2018 Redazione
Milano, la circolare Salvini sugli sgomberi colpisce 60 famiglie. Terzo sgombero in tre anni per “Aldo dice 26x1” 
Dopo Grillo e Grasso, il Cnca: Mujica e l’Italia
domenica 2 settembre 2018 Checchino Antonini
Il CNCA avvia collaborazione
 con Pepe Mujica: “Stessa visione della vita 
che privilegia le relazioni umane e la necessità di un’economia sobria” Dopo l’endorsement per Grasso alle politiche e l’incontro con Grillo di venerdì scorso a Milano, il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) annuncia l’avvio di una collaborazione con Pepe Mujica, ex presidente dell’Uruguay, e il ...
Genova, funerale alla pacatezza
venerdì 24 agosto 2018 Mauro Baldassarri
Tutti avremmo dovuto partecipare al funerale di Genova, ma senza moderazione, senza pacatezza, senza calma. Incazzati neri da Genova, Mauro Baldassarri* Il 18 agosto 2018 abbiamo reso l’ultimo omaggio a una quarantina di caduti nella tragedia del viadotto Morandi, a Genova. La parola “caduti” non è usata a cuor leggero, né a sproposito. Perché non ...

consumare stanca

Che carcere sarebbe senza proibizionismo?
martedì 26 giugno 2018 Ercole Olmi
Carcere e proibizionismo: le simulazioni su come la Fini-Giovanardi riempie le galere mentre cresce il Pil delle narcomafie. Presentato il Nono Libro Bianco
Cannabis, quei falsi miti del proibizionismo
martedì 26 giugno 2018 Redazione
Cannabis, i miti e i fatti della legalizzazione. Un'anticipazione del Nono Libro Bianco sulle Droghe 
L’ingannevole rosa del salmone d’allevamento
venerdì 25 maggio 2018 Redazione
Esiste un campionario di tonalità di rosa per il salmone di allevamento, distribuito dalla multinazionale olandese DSM

padrini & padroni

Pedofilia clericale. Stupri, abusi e impunità
sabato 18 agosto 2018 Marina Zenobio
Contro l’impunità della pedofilia un Gran Giurì della Pennsylvania propone di prolungare la prescrizione dei delitti e dare più tempo alle vittime per presentare le denunce
Ponte Morandi, così le privatizzazioni fanno strage
giovedì 16 agosto 2018 Redazione
Il crollo del Ponte Morandi di Genova: disastro inevitabile o tragedia del capitalismo?
Legge Mancino, Fontana teme d’essere incriminato
venerdì 3 agosto 2018 Checchino Antonini
Legge Mancino, Fontana, il ministro della famiglia bianca-etero-bigotta vorrebbe abolirla. Salvini pure poi frena

malapolizia

Sgomberi e taser, ecco la circolare di Salvini
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Il Viminale: «Tempestività negli sgomberi» e via con le pistole taser. E' il pacchetto sicurezza di Salvini che debutta in società
Uomini (in divisa) che odiano sui social
sabato 1 settembre 2018 Ercole Olmi
Il caso del poliziotto hater di Rovigo non è unico nel suo genere. E' la stessa sottocultura che applaude gli autori di abusi e censura i film su Cucchi
G8 del 2001, i poliziotti paghino il conto
lunedì 27 agosto 2018 Ercole Olmi
G8 2001, la Corte dei conti chiede 8 milioni di risarcimento agli "eroi" della Diaz, i superpoliziotti condannati per la mattanza cilena

quotidiano movimento

Sans Papier e Radio Sonar nel mirino di Salvini e Raggi
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Roma, nel palazzo di via Carlo Felice tra gli occupanti che aspettano lo sgombero
Il debito di Napoli non è ingiusto, è illegittimo
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Napoli, la lotta contro il debito illegittimo per liberare risorse per la collettività  
Roma, allo stremo i rifugiati di Scorticabove
mercoledì 5 settembre 2018 Redazione
I rifugiati di Scorticabove ancora in strada. "Non ce la facciamo più". Il progetto di cohousing in un luogo confiscato alle mafie

in genere

Argentina: il senato rigetta la legge sull’aborto
giovedì 9 agosto 2018 Marina Zenobio
Nonostante il testo fosse stato approvato dalla Camera dei Deputati, la legge sull’aborto non ha superato il vaglio del Senato per sette voti contrari e due astensioni
Casa Internazionale delle Donne: il Comune di Roma annuncia la “revoca immediata della convenzione”
giovedì 26 luglio 2018 Marina Zenobio
E’ l’esito di un logorante braccio di ferro tra la Casa, storico spazio femminista romano, e il consiglio comunale a maggioranza 5stelle
Repubblicanesimo e femminismo
sabato 16 giugno 2018 Redazione
Un'analisi sul femminismo che, radicalizzando la critica marxiana, svela l’esistenza di un lavoro che è la base di tutte le altre forme di lavoro, perché è il lavoro che produce la forza lavoro

mondi

Mediterraneo, partono in pochi, muoiono in tanti
lunedì 3 settembre 2018 Redazione
Migranti, rotta del Mediterraneo: meno partenze ma più morti. In emergenza i centri di accoglienza nelle isole greche
Chemnitz blindata, nazi ancora in piazza
domenica 2 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Chemnitz, «Cuore invece di odio», è stato lo slogan della contro protesta, che in tedesco suona come un gioco di parole «Herz statt Hetze» L’ultradestra torna a manifestare a Chemnitz, e una settimana dopo la morte di un 35enne tedesco in una rissa con due migranti che ha scatenato una riposta violenta, le strade della ...
Brasile, Lula ineleggibile. Bolsonaro in testa
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Brasile, Lula dichiarato ineleggibile dal tribunale supremo elettorale. Estrema destra in testa, minacce ai candidati del Psol, il partito di Marielle Franco

culture

Lindsay Kemp non c’è più

Lindsay Kemp non c’è più, ma di lui ci restano sogni, immaginazioni e quell’espressione rapita da ultimo Pierrot

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Cortona, sguardi di donne

Cortona on the move, fino al 30 settembre appuntamento nella cittadina toscana per il festival della fotografia. Quest’anno tutto al femminile

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Claudio Lolli è vivo, e muore insieme a noi

E’ morto Claudio Lolli, cantautore e intellettuale. Aveva 68 anni. Per dirla con Nick Hornby, «sapeva come ti sentivi e lo cantava»

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Racconti d’estate 5. Moravia, Scherzi di ferragosto

Da Racconti romani (1954), Scherzi di ferragosto di Alberto Moravia. Echi di una Roma sparita che ancora resiste

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.