Cuba, prime note su Diaz-Canel

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Chi è e che poteri avrà Miguel Diaz-Canel, successore di Raúl Castro alla presidenza di Cuba

Francamente è presto per commentare l’elezione del primo presidente nato dopo la vittoria della rivoluzione. Più volte, anche senza arrivare a una nomina formale, erano comparsi a fianco di Fidel giovani quadri di belle speranza che tutti i “cubanologi” indicavano come i delfini dei Castro: Carlos Aldana, Roberto Robaina, Carlos Lage Dávila,Felipe Pérez Roque, ed altri, che dopo qualche anno erano stati poi destituiti bruscamente con motivazioni generiche e poco convincenti. In un paio di casi si era detto che erano “attratti dal miele del potere”… La prima novità dunque è semplicemente quella che è arrivato in porto un progetto di ringiovanimento del gruppo dirigente che era stato pensato da tempo ma era stato finora bloccato da paure poco fondate e da metodi troppo bruschi.

Miguel Diaz-Canel è stato alla fine eletto con un voto che lo stesso corrispondente dall’Avana del “manifesto” ha definito bulgaro (99,83%) e che la dice lunga sui criteri di selezione di un’assemblea di dubbia utilità e rappresentatività. Ma il basso profilo mantenuto da Diaz-Canel negli anni dell’attesa (e dell’apprendistato) consiglia di aspettare a parlare di cosa vorrà e potrà fare, in un sistema regolato da una costituzione che subordina formalmente il governo, il parlamento e la società al ruolo dirigente del partito comunista, il cui segretario generale è Raúl Castro e nel cui Ufficio politico siedono alcuni esponenti conservatori della vecchia generazione.

Il linguaggio usato da Diaz-Canel per presentarsi è quanto mai rituale: “continuerà il perfezionamento del socialismo”, e manterrà come “priorità interne” i problemi socioeconomici già definiti dalla precedente amministrazione. D’altra parte, con parole di lode al ruolo storico del vecchio leader, Diaz-Canel ha annunciato che Raúl Castro sarà il “promotore delle decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione” in quanto primo segretario del PC di Cuba. E Raúl Castro in un discorso più articolato e meno freddo del consueto, ha precisato però che la singolare situazione che il nuovo presidente cubano non sia anche il primo segretario del PCC è solo temporanea, dal momento che si prevede che entro tre anni Diaz Canel assuma anche questo incarico. Un’altra lunga fase di apprendistato…

La sorte della nuova presidenza dipende da molti fattori, in gran parte esterni. Aumentano le incertezze per il ruolo degli USA, appoggiati da molti governi dell’America Latina e anche dal Canada, che ha ridimensionato la sua rappresentanza diplomatica all’Avana accettando la motivazione di Trump, che aveva preso a pretesto un ipotetico avvelenamento ambientale doloso. Sono in gravi difficoltà i paesi sopravvissuti all’ondata di destra: persa da tempo l’Argentina, e lacerato il Brasile, ma con una mobilitazione insufficiente della parte di sinistra, è incerta la sorte dell’Ecuador, ma anche e soprattutto quella del Venezuela. Lo stesso corrispondente del Manifesto dall’Avana non ha nascosto che una delle maggiori preoccupazioni riguarda proprio la sopravvivenza di questo paese che in passato aveva fornito un aiuto prezioso e disinteressato a Cuba. Rimane poco altro: non considero neppure tra gli amici di Cuba la dinastia pseudosandinista di Ortega che guida il Nicaragua. Questo paese era diventato già un peso, ed è oggi un nuovo fattore di discredito, dato che spara senza esitare su chi protesta contro i tagli alle pensioni.

Chi può aiutare Cuba a resistere ancora a una penetrazione statunitense divenuta più facile col gesto di Obama e oggi pericolosissima per l’asse tra Trump e la peggiore feccia revanscista di Miami? Non certo l’Europa, in cui il 90% di quel poco che rimane di sinistra non pensa neanche lontanamente di far qualcosa per spezzare l’assedio. Non la Russia e la Cina, che in continenti lontani hanno una lunga tradizione di scarso impegno a sostenere cause scomode quando aumentano il contenzioso con gli Stati Uniti. Non ci rassegniamo, e faremo il possibile per difenderla, ma sarà un compito difficilissimo, soprattutto se Cuba non riuscirà a riallacciarsi al suo eccezionale e originale patrimonio rivoluzionario, utilizzando tutte le sue potenzialità per rilanciare una credibile proposta internazionalista.

Si capisce quindi l’incertezza nel fare previsioni sul futuro di Diaz-Canel (e di Cuba). Un giurista cubano, Julio Antonio Fernández, ha dichiarato in modo ironico all’agenzia IPS che lo intervistava: “Tutti sono d’accordo che avremo un nuovo paese… Io direi di più, avremo un nuovo Stato, un nuovo governo, una nuova politica, e tutto sarà diverso, ma non sappiamo in che cosa e quanto”.

Focus

lunedì 17 Giugno 2019 Ercole Olmi
La Corte dei conti indaga sul danno erariale risultante dall'occupazione da parte dei fascisti di Casapound di un edificio pubblico
Jeremy Irons: contro il fascismo ricordiamoci della nostra umanità
domenica 16 Giugno 2019 Ercole Olmi
Trastevere, branco dei fascistelli del sabato sera assale due ragazzi colpevoli di avere una maglietta troppo antifascista
domenica 16 Giugno 2019 Checchino Antonini
Cucchi, esiste un nesso tra la frattura delle vertebre, causata dal pestaggio, e la morte. Dalla perizia del gip una nuova svolta nel processo
Manganellate di cittadinanza. Salvini e Di Maio fanno il bis di sicurezza
venerdì 14 Giugno 2019 Checchino Antonini
Perché il decreto bis sicurezza rende tutti insicuri e perché la cosiddetta opposizione non sembra rendersene conto
venerdì 14 Giugno 2019 Marina Zenobio
Una ex deputata e altre due attiviste spagnole sottoposte a giudizio per “collaborazione con una organizzazione terroristica” chiamata FPLP, Avevano donato 8.500 euro per la ricostruzione di Gaza
Besancenot: «Unità della sinistra? No, grazie. Abbiamo già dato»
giovedì 13 Giugno 2019 Checchino Antonini
Olivier Besancenot : «Costruire "coordinamenti permanenti" della gauche sociale e politica»

in fondo a sinistra

Giù la destra! L’eccezione portoghese
domenica 2 Giugno 2019 Redazione
La felice eccezione portoghese. Come leggere i risultati delle elezioni europee in Portogallo
Sinistra Italiana, si dimette Fratoianni
domenica 2 Giugno 2019 Giulio AF Buratti
Fratoianni: mi dimetto da segretario, serve discussione e riflessione seria ed ampia. Ma non è il tempo di tornare a casa o di lasciare l’impegno
Acerbo: «Voto disastroso, ma ora non disperdiamo le energie»
lunedì 27 Maggio 2019 Redazione
Il risultato delle elezioni europee è disastroso. Per la sinistra e per il nostro paese però sarebbe sbagliato rinunciare al percorso unitario avviato

cronache sociali

I leghisti a Ferrara sono solo ospiti. Ma fino a quando?
lunedì 10 Giugno 2019 Redazione
L'Emilia non è leghista, ancora no, e in tutti modi bisognerà far si che non lo diventi. Scrive uno scrittore, migrante interno a Ferrara
Perché la videosorveglianza non è una soluzione
lunedì 3 Giugno 2019 Redazione
L'arsenale dello spavento e la pratica quotidiana della penalità hanno ormai preso il sopravvento colonizzando l'immaginario collettivo
Genova, il benvenuto dei camalli ai naufraghi dirottati da Salvini
sabato 1 Giugno 2019 Checchino Antonini
Genova, striscione sulla Lanterna per accogliere i naufraghi in arrivo col pattugliatore dirottato da Salvini per il solito gioco sulla pelle dei più deboli

consumare stanca

Genova-Certosa. Come Sàigòn
mercoledì 12 Giugno 2019 Mauro Baldassarri
Che cosa lega la vicenda del crollo di Ponte Morandi a Genova e la sporca guerra in Vietnam
Giardino Bruno, l’eresia è un orto a scuola
mercoledì 12 Giugno 2019 Redazione
Sono stati gli studenti a chiamarlo "Giardino Bruno" per ricordare il filosofo naturalista da cui prende il nome la loro scuola
“Affaire Xylella”, basta speculazioni sulla nostra terra
mercoledì 12 Giugno 2019 Redazione
“Affaire Xylella”: la Regione Puglia dia conto della gestione della “emergenza”.  Manifestazione a Bari, venerdì 14 giugno

padrini & padroni

La Bahri Tabuk fa il pieno d’armi a Cagliari
venerdì 31 Maggio 2019 Redazione
Bahri Tabuk, missione compiuta, in segreto, a Cagliari. Il sovranismo si nutre di guerra, armi e soldi
Genova, camalli contro le navi delle armi
venerdì 17 Maggio 2019 Redazione
Il boicottaggio dei camalli genovesi contro il cargo saudita Bahri Yanbu, niente carichi d’armi per lo Yemen
Assolto con formula piena Aldo Milani, crolla il teorema contro il SiCobas
lunedì 13 Maggio 2019 Checchino Antonini
Sbattuto in prima pagina per una presunta estorsione ma è innocente. Assolto Aldo Milani, leader del SiCobas

malapolizia

Genova, due poliziotti ammettono il massacro del cronista
giovedì 30 Maggio 2019 Checchino Antonini
Genova, sei giorni dopo le violenze due dei quattro sospettati si sono presentati in Procura. E tutti a dire che la polizia non è più quella del G8 Due poliziotti hanno ammesso di avere colpito Stefano Origone mentre altri due hanno detto di non aver partecipato direttamente ma di avere visto la scena solo alla fine. ...
Francia condannata per non aver indagato sulla violenza della polizia
mercoledì 29 Maggio 2019 Ercole Olmi
Malapolizia in salsa francese sanzionata dalla Corte europea di Strasburgo, la stessa che ha più volte condannato l'Italia per vicende anche più gravi
Pestaggio di Genova, nessun celerino si costituisce
martedì 28 Maggio 2019 Checchino Antonini
Genova, cade nel vuoto l'appello della procura ai poliziotti responsabili del pestaggio del cronista. Il sindaco Bucci si schiera dalla parte di Casapound

quotidiano movimento

Ocalan e i curdi disturbano il commercio italiano di armi?
sabato 1 Giugno 2019 Redazione
Perché questo silenzio assordante sulla lotta di liberazione del popolo curdo e sul lunghissimo sciopero della fame di 7mila detenuti politici 
Xylella fa rima con trivella
mercoledì 29 Maggio 2019 Redazione
Xylella fa rima con trivella. Emergenze ambientali, emergenze sanitarie, emergenze democratiche. Un convegno a Cisternino
No Tav: «Di che colore è il partito del cemento?»
martedì 28 Maggio 2019 Giulio AF Buratti
Il movimento: «Il TAV si annuncia già da ora come il principale terreno di scontro e di resistenza, anche contro l’avanzata di Salvini»

in genere

Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.
Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 Ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro

mondi

La sinistra ha perso la bussola dell’etica
mercoledì 12 Giugno 2019 Redazione
La sinistra ha perso la bussola dell’etica. E non si ritroverà con vuota verbosità a difesa di chi sta di sopra, ma ascoltando i popoli, accettando le decisioni collettive di chi sta di sotto
«Distruggere il capitalismo prima che distrugga noi»
sabato 1 Giugno 2019 Giulio AF Buratti
«Il capitalismo è all'origine dei cambiamenti climatici: bisogna distruggerlo prima che distrugga noi», dice il sociologo Jean Ziegler 
Stato spagnolo, il voto “utile” ha rubato un milione di voti a Unidas Podemos
mercoledì 1 Maggio 2019 Redazione
Spagna. Luci e ombre di una vittoria socialista, le dimensioni della sconfitta di UP, i guai delle destre e i nazionalismi di sinistra

culture

A Genova arriva il Wine Day

Domani a Genova 50 vignaioli FIVI da tutta Italia faranno assaggiare il loro vini e racconteranno cosa vuol dire essere produttori indipendenti.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Enfant terrible senza limiti, e il teatro sembra un circo

Al Teatro sociale di Camogli le acrobazie di Mob à Sisyphe per Huitieme jour, Cirque d’enfant terrible 

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Letteratura d’evasione al Salone del Libro, così scrivono i detenuti

Salone del Libro. Al Lingotto la cerimonia di premiazione del Premio Goliarda Sapienza-Racconti dal carcere

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.