mercoledì 22 Gennaio 2020

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Chi è e che poteri avrà Miguel Diaz-Canel, successore di Raúl Castro alla presidenza di Cuba

Francamente è presto per commentare l’elezione del primo presidente nato dopo la vittoria della rivoluzione. Più volte, anche senza arrivare a una nomina formale, erano comparsi a fianco di Fidel giovani quadri di belle speranza che tutti i “cubanologi” indicavano come i delfini dei Castro: Carlos Aldana, Roberto Robaina, Carlos Lage Dávila,Felipe Pérez Roque, ed altri, che dopo qualche anno erano stati poi destituiti bruscamente con motivazioni generiche e poco convincenti. In un paio di casi si era detto che erano “attratti dal miele del potere”… La prima novità dunque è semplicemente quella che è arrivato in porto un progetto di ringiovanimento del gruppo dirigente che era stato pensato da tempo ma era stato finora bloccato da paure poco fondate e da metodi troppo bruschi.

Miguel Diaz-Canel è stato alla fine eletto con un voto che lo stesso corrispondente dall’Avana del “manifesto” ha definito bulgaro (99,83%) e che la dice lunga sui criteri di selezione di un’assemblea di dubbia utilità e rappresentatività. Ma il basso profilo mantenuto da Diaz-Canel negli anni dell’attesa (e dell’apprendistato) consiglia di aspettare a parlare di cosa vorrà e potrà fare, in un sistema regolato da una costituzione che subordina formalmente il governo, il parlamento e la società al ruolo dirigente del partito comunista, il cui segretario generale è Raúl Castro e nel cui Ufficio politico siedono alcuni esponenti conservatori della vecchia generazione.

Il linguaggio usato da Diaz-Canel per presentarsi è quanto mai rituale: “continuerà il perfezionamento del socialismo”, e manterrà come “priorità interne” i problemi socioeconomici già definiti dalla precedente amministrazione. D’altra parte, con parole di lode al ruolo storico del vecchio leader, Diaz-Canel ha annunciato che Raúl Castro sarà il “promotore delle decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione” in quanto primo segretario del PC di Cuba. E Raúl Castro in un discorso più articolato e meno freddo del consueto, ha precisato però che la singolare situazione che il nuovo presidente cubano non sia anche il primo segretario del PCC è solo temporanea, dal momento che si prevede che entro tre anni Diaz Canel assuma anche questo incarico. Un’altra lunga fase di apprendistato…

La sorte della nuova presidenza dipende da molti fattori, in gran parte esterni. Aumentano le incertezze per il ruolo degli USA, appoggiati da molti governi dell’America Latina e anche dal Canada, che ha ridimensionato la sua rappresentanza diplomatica all’Avana accettando la motivazione di Trump, che aveva preso a pretesto un ipotetico avvelenamento ambientale doloso. Sono in gravi difficoltà i paesi sopravvissuti all’ondata di destra: persa da tempo l’Argentina, e lacerato il Brasile, ma con una mobilitazione insufficiente della parte di sinistra, è incerta la sorte dell’Ecuador, ma anche e soprattutto quella del Venezuela. Lo stesso corrispondente del Manifesto dall’Avana non ha nascosto che una delle maggiori preoccupazioni riguarda proprio la sopravvivenza di questo paese che in passato aveva fornito un aiuto prezioso e disinteressato a Cuba. Rimane poco altro: non considero neppure tra gli amici di Cuba la dinastia pseudosandinista di Ortega che guida il Nicaragua. Questo paese era diventato già un peso, ed è oggi un nuovo fattore di discredito, dato che spara senza esitare su chi protesta contro i tagli alle pensioni.

Chi può aiutare Cuba a resistere ancora a una penetrazione statunitense divenuta più facile col gesto di Obama e oggi pericolosissima per l’asse tra Trump e la peggiore feccia revanscista di Miami? Non certo l’Europa, in cui il 90% di quel poco che rimane di sinistra non pensa neanche lontanamente di far qualcosa per spezzare l’assedio. Non la Russia e la Cina, che in continenti lontani hanno una lunga tradizione di scarso impegno a sostenere cause scomode quando aumentano il contenzioso con gli Stati Uniti. Non ci rassegniamo, e faremo il possibile per difenderla, ma sarà un compito difficilissimo, soprattutto se Cuba non riuscirà a riallacciarsi al suo eccezionale e originale patrimonio rivoluzionario, utilizzando tutte le sue potenzialità per rilanciare una credibile proposta internazionalista.

Si capisce quindi l’incertezza nel fare previsioni sul futuro di Diaz-Canel (e di Cuba). Un giurista cubano, Julio Antonio Fernández, ha dichiarato in modo ironico all’agenzia IPS che lo intervistava: “Tutti sono d’accordo che avremo un nuovo paese… Io direi di più, avremo un nuovo Stato, un nuovo governo, una nuova politica, e tutto sarà diverso, ma non sappiamo in che cosa e quanto”.

Focus

mercoledì 22 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Verso la mobilitazione internazionale contro la guerra del 25 gennaio. L'iniziativa di Sinistra Anticapitalista Roma. Intervista ad Alfio Nicotra di Un Ponte Per
Impeachment per Trump, più boomerang che bingo
martedì 21 Gennaio 2020 Maurizio Zuccari
Al via al Senato il processo d'Impeachment per Trump, più boomerang che bingo per i Democratici
lunedì 20 Gennaio 2020 Redazione
Francia, l'introvabile sbocco politico a sinistra per i grevistes contro la "riforma" macronista delle pensioni
La scuola liquida delle disuguaglianze
sabato 18 Gennaio 2020 Redazione
La scuola della Repubblica si è frammentata in tante scuole che rispecchiano le ingiustizie dei territori  e delle classi sociali. Le scuole di serie A, B e C esistono
sabato 18 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Taser. Invece di cancellare i decreti sicurezza, il governo Pd-M5s-Iv-Leu dà attuazione alle scelte sicuritarie di Salvini
Tormentone Green New Deal. Le proposte di Legambiente
giovedì 16 Gennaio 2020 Redazione
#opereprioritarie per il Green New Deal: Legambiente propone al governo 170 opere pubbliche, 11 emergenze nazionali 
lunedì 13 Gennaio 2020 Redazione
La crisi che verrà e l’ascesa del nazional-liberalismo

in fondo a sinistra

2020. Crisi drammatiche e nuove speranze
mercoledì 1 Gennaio 2020 Redazione
Il capitalismo e le sue manifestazioni violente. Grandi mobilitazioni popolari nel mondo. Gli aspettti contrastanti dell’Italia
Non lasciare il sociale a Salvini, non delegare l’antifascismo al Pd
sabato 7 Dicembre 2019 Giulio AF Buratti
L’assemblea nazionale dell'opposizione di sinistra lancia tre campagne, un coordinamento e una mobilitazione a gennaio
Lavoro, deindustrializzazione, crisi. Un convegno a Napoli
domenica 1 Dicembre 2019 Redazione
La politica industriale nella crisi della “vecchia” industrializzazione meridionale

cronache sociali

Xylella, il candidato alle primarie semina bufale e sradica ulivi
venerdì 10 Gennaio 2020 Redazione
Xylella e Amati: propaganda e primarie. Ingannevoli e parziali informazioni su batterio e deroghe ai vincoli ambientali e paesaggistici   Terra D’Egnazia Onlus, Comitato per la salvaguardia dell’Ambiente e del Territorio- Cosate- della Valle d’Itria, Popolo Degli Ulivi, Movimento per la Carta dei Diritti della Terra, Movimento No tap della Provincia di Brindisi denunciano il  ...
Droghe, qualche domanda all’ennesima ministra proibizionista
giovedì 12 Dicembre 2019 Checchino Antonini
Droghe. Antigone alla ministra che vuole pene più severe: «Una ricetta che non ha mai funzionato» Cosa accadrebbe alle mafie se ci fosse la legalizzazione della cannabis? Quanto ci guadagnerebbe lo Stato? E quanto risparmierebbe non incarcerando in massa i consumatori? Ancora: quanti vedrebbero migliorate le proprie condizioni di salute grazie al consumo di sostanza ...
Nuova maturità: torna la Storia e spariscono le buste
domenica 24 Novembre 2019 Redazione
Scuola. Novità sulla maturità del 2020, due modifiche all'apparenza modeste, ma in realtà estremamente significative sul piano didattico 

consumare stanca

Cannabis, Cassazione choc: piantarla non è reato
giovedì 26 Dicembre 2019 Ercole Olmi
Non costituirà più reato coltivare in minime quantità la cannabis in casa. La decisione epocale delle sezioni unite penali della Cassazione
Legambiente: «Il clima è già cambiato. E’ emergenza città
martedì 19 Novembre 2019 Francesco Ruggeri
Dal 2010 a oggi 68 morti nelle inondazioni, danni in 350 Comuni, 73 giorni di stop a metro e treni, 72 di blackout. Aumenta impatto delle ondate di calore
Ue: un’etichetta per i prodotti provenienti dai Territori Occupati
martedì 12 Novembre 2019 Francesco Ruggeri
La Corte di Giustizia europea: «Gli alimenti originari dei territori occupati da Israele devono recare l'indicazione di tale provenienza». Cresce la campagna Bds contro l'apartheid

padrini & padroni

#CarolaRackete non doveva essere arrestata!
venerdì 17 Gennaio 2020 Checchino Antonini
#CarolaRackete. La Cassazione respinge il ricorso della Procura di Agrigento contro l'ordinanza che ha scarcerato la capitana della Sea Watch
Allarme bomba a Repubblica, redazione evacuata
mercoledì 15 Gennaio 2020 Redazione
Una telefonata anonima alla sede del quotidiano La Repubblica. Palazzo evacuato, sul posto stanno igli artificieri dei carabinieri
Pastori sardi, mille avvisi di garanzia per un reato inventato da Salvini
martedì 14 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Pastori sardi, prima le promesse da marinaio leghista di Salvini poi gli avvisi di garanzia per il reato di blocco stradale

malapolizia

Arafet, non archiviare la sua morte
giovedì 16 Gennaio 2020 Redazione
Un comunicato di Acad per l'opposizione all'archiviazione del caso sulla morte di Arafet Arfaoui. Oggi la decisione del Tribunale di Firenze
Pegasus infections, il grande fratello contro gli attivisti
mercoledì 15 Gennaio 2020 Redazione
Attivisti, avvocati, giornalisti spiati con strumenti informatici: la denuncia delle associazioni © Copyright Redattore Sociale
«Il signor Matteo Salvini non può giocare sul corpo di Stefano Cucchi»
lunedì 18 Novembre 2019 Checchino Antonini
L'annuncio. Ilaria Cucchi ha deciso di querelare il capo della Lega, Salvini, il quale non è l'unico politico a dire oscenità sulla morte di Stefano Cucchi

quotidiano movimento

Prato, la #MarciaPerlaLibertà contro i decreti Salvini
sabato 18 Gennaio 2020 Ercole Olmi
A Prato la Marcia per la libertà contro le multe agli operai della Superlativa e a due studentesse solidali, prima applicazione del decreto Salvini
Verso il reddito di base e oltre. Una chiave per il terzo millennio
venerdì 17 Gennaio 2020 Redazione
Un convegno a Roma, alla Casa Internazionale delle donne, del Bin Italia che si batte per il diritto al reddito di base
Nicoletta era ovunque! 15mila No Tav a Torino
domenica 12 Gennaio 2020 Ercole Olmi
Torino, il corteo nazionale No Tav per l'amnistia sociale. Nicoletta Dosio: «Le nostre imputazioni sono i nostri meriti»

in genere

Lucha y Siesta. Figurine all’attacco della violenza sulle donne
martedì 19 Novembre 2019 Redazione
All'attacco-Storie da collezionare. L'album di figurine a sostegno di Lucha y Siesta contro la violenza sulle donne
Lucha y Siesta, non sgomberate quella Casa
sabato 31 Agosto 2019 Marina Zenobio
Arrivata alla Casa rifugio di Cinecittà una comunicazione di sgombero per il 15 settembre. Non si sa che fine faranno i bambini e le donne vittime di violenza ospitate
Ddl Pillon rimandato a settembre, ma la piazza delle donne sarà ancora lì
venerdì 26 Luglio 2019 Redazione
Colloquio con Teresa Gennari del Centro Antiviolenza Donna L.I.S.A. durate la protesta anti-Pillon di martedì scorso in Piazza Montecitorio

mondi

Competizione e machismo. E in Sud Corea non si fanno più figli
lunedì 13 Gennaio 2020 Redazione
La Corea del Sud ha il tasso di natalità più basso del mondo. Una società che esclude ed è sempre più solitaria. Aumenta l'insofferenza delle giovani donne 
Giovani adulti, istruiti e incazzati. Chi sono i manifestanti cileni
lunedì 13 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Cile. Chi è e cosa vuole la generazione che sta dando vita alla più massiccia ondata di mobilitazioni sociali. Un'indagine sociologica
Morales come Allende. Sfidare l’oligarchia senza disarmare i militari
domenica 5 Gennaio 2020 Checchino Antonini
L'editoriale della rivista socialista Monthly Review del gennaio 2020

culture

Le identità sono cangianti, qualcuno lo dica a Galli della Loggia

Perché Galli della Loggia non ama la cucina bengalese. Una lettera agli antropologi sul concetto di culture

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La Pantera, siamo ancora noi

Un racconto in soggettiva del movimento della Pantera che trent’anni fa occupò gran parte delle università italiane. Dal Magistero di Roma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Scopa, sacco, scarpe rotte: la Befana di Rodari

Trattato della Befana di Gianni Rodari dalle Novelle fatte a macchina 

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Dalla Calabria a Macondo

Le Calabrais qui émigra à Macondo, nuovo libro di Angelo Mastrandrea pubblicato bilingue dalla Meet di Saint Nazaire

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Se l’angelo è anche il cecchino

In scena a Genova L’Angelo di Kobane. La storia di Rehana una delle peshmerga che si oppose all’Isis. Presto sui palchi di Roma e Milano

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Sulle punte, sotto al Ponte. Danza contemporanea a Genova

Materiale Umano, la V edizione di Resistere e creare, il festival di danza contemporanea del Teatro della Tosse

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La solidarietà del lavoro e il lavoro della solidarietà

Antropologia, classe e movimenti. Conversazione con l’antropologa marxiana Sharryn Kasmir [Maria Vasile]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.