Cuba, prime note su Diaz-Canel

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Chi è e che poteri avrà Miguel Diaz-Canel, successore di Raúl Castro alla presidenza di Cuba

Francamente è presto per commentare l’elezione del primo presidente nato dopo la vittoria della rivoluzione. Più volte, anche senza arrivare a una nomina formale, erano comparsi a fianco di Fidel giovani quadri di belle speranza che tutti i “cubanologi” indicavano come i delfini dei Castro: Carlos Aldana, Roberto Robaina, Carlos Lage Dávila,Felipe Pérez Roque, ed altri, che dopo qualche anno erano stati poi destituiti bruscamente con motivazioni generiche e poco convincenti. In un paio di casi si era detto che erano “attratti dal miele del potere”… La prima novità dunque è semplicemente quella che è arrivato in porto un progetto di ringiovanimento del gruppo dirigente che era stato pensato da tempo ma era stato finora bloccato da paure poco fondate e da metodi troppo bruschi.

Miguel Diaz-Canel è stato alla fine eletto con un voto che lo stesso corrispondente dall’Avana del “manifesto” ha definito bulgaro (99,83%) e che la dice lunga sui criteri di selezione di un’assemblea di dubbia utilità e rappresentatività. Ma il basso profilo mantenuto da Diaz-Canel negli anni dell’attesa (e dell’apprendistato) consiglia di aspettare a parlare di cosa vorrà e potrà fare, in un sistema regolato da una costituzione che subordina formalmente il governo, il parlamento e la società al ruolo dirigente del partito comunista, il cui segretario generale è Raúl Castro e nel cui Ufficio politico siedono alcuni esponenti conservatori della vecchia generazione.

Il linguaggio usato da Diaz-Canel per presentarsi è quanto mai rituale: “continuerà il perfezionamento del socialismo”, e manterrà come “priorità interne” i problemi socioeconomici già definiti dalla precedente amministrazione. D’altra parte, con parole di lode al ruolo storico del vecchio leader, Diaz-Canel ha annunciato che Raúl Castro sarà il “promotore delle decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione” in quanto primo segretario del PC di Cuba. E Raúl Castro in un discorso più articolato e meno freddo del consueto, ha precisato però che la singolare situazione che il nuovo presidente cubano non sia anche il primo segretario del PCC è solo temporanea, dal momento che si prevede che entro tre anni Diaz Canel assuma anche questo incarico. Un’altra lunga fase di apprendistato…

La sorte della nuova presidenza dipende da molti fattori, in gran parte esterni. Aumentano le incertezze per il ruolo degli USA, appoggiati da molti governi dell’America Latina e anche dal Canada, che ha ridimensionato la sua rappresentanza diplomatica all’Avana accettando la motivazione di Trump, che aveva preso a pretesto un ipotetico avvelenamento ambientale doloso. Sono in gravi difficoltà i paesi sopravvissuti all’ondata di destra: persa da tempo l’Argentina, e lacerato il Brasile, ma con una mobilitazione insufficiente della parte di sinistra, è incerta la sorte dell’Ecuador, ma anche e soprattutto quella del Venezuela. Lo stesso corrispondente del Manifesto dall’Avana non ha nascosto che una delle maggiori preoccupazioni riguarda proprio la sopravvivenza di questo paese che in passato aveva fornito un aiuto prezioso e disinteressato a Cuba. Rimane poco altro: non considero neppure tra gli amici di Cuba la dinastia pseudosandinista di Ortega che guida il Nicaragua. Questo paese era diventato già un peso, ed è oggi un nuovo fattore di discredito, dato che spara senza esitare su chi protesta contro i tagli alle pensioni.

Chi può aiutare Cuba a resistere ancora a una penetrazione statunitense divenuta più facile col gesto di Obama e oggi pericolosissima per l’asse tra Trump e la peggiore feccia revanscista di Miami? Non certo l’Europa, in cui il 90% di quel poco che rimane di sinistra non pensa neanche lontanamente di far qualcosa per spezzare l’assedio. Non la Russia e la Cina, che in continenti lontani hanno una lunga tradizione di scarso impegno a sostenere cause scomode quando aumentano il contenzioso con gli Stati Uniti. Non ci rassegniamo, e faremo il possibile per difenderla, ma sarà un compito difficilissimo, soprattutto se Cuba non riuscirà a riallacciarsi al suo eccezionale e originale patrimonio rivoluzionario, utilizzando tutte le sue potenzialità per rilanciare una credibile proposta internazionalista.

Si capisce quindi l’incertezza nel fare previsioni sul futuro di Diaz-Canel (e di Cuba). Un giurista cubano, Julio Antonio Fernández, ha dichiarato in modo ironico all’agenzia IPS che lo intervistava: “Tutti sono d’accordo che avremo un nuovo paese… Io direi di più, avremo un nuovo Stato, un nuovo governo, una nuova politica, e tutto sarà diverso, ma non sappiamo in che cosa e quanto”.

Focus

domenica 20 maggio 2018 Redazione
Slogan e proteste delle attiviste contro l’arroganza a 5Stelle che vuole togliere alla città un luogo storico per le donne. Mobilitazione permanente
Jihad in Occidente, la “neo-umma” in un libro pubblicato in Francia
sabato 19 maggio 2018 Redazione
Jihad e occidente: nel libro di Farhad Khosrokhavar, appena uscito in Francia, le leve sociali, antropologiche, politiche e urbane che spingono tanti giovani a fare la scelta jihadista. L'umiliazione per i giovani immigrati e la ricerca di senso per i giovani convertiti. Il tutto in un contesto in cui le democrazie occidentali mostrano la loro debolezza ed il loro fallimento come motori di valori condivisi e non solo di capitali.
sabato 19 maggio 2018 Redazione
Dopo 17 anni sarebbe ora di rivedere la carta dei principi del Forum Sociale Mondiale per adattarla al mondo d’oggi
India: discriminazione di genere tra aborti selettivi e bambine morte
sabato 19 maggio 2018 Marina Zenobio
In India ogni anno muoiono di stenti 239 mila bambine, oltre 100 mila gli aborti selettivi di feti femminili
venerdì 18 maggio 2018 Redazione
Uno, due colpi per abbattere una marmotta che impediva la circolazione
Consumo responsabile: istruzioni per l’uso
venerdì 18 maggio 2018 Redazione
Sempre più si parla di “consumo responsabile”, ma cosa comporta nella nostra quotidianità?
venerdì 18 maggio 2018 Ercole Olmi
Caso Bianzino. Con due nuove perizie, il figlio Rudra rilancia la battaglia per verità e giustiza. Aldo è morto in carcere a Perugia nel 2007 
Siria, guerra e gentrification a misura di Assad
giovedì 17 maggio 2018 Redazione
Siria: profughi e sfollati espropriati dalla legge numero 10. E' la 'Siria utile' del regime e dei nuovi magnati di Damasco

in fondo a sinistra

Partitino o social forum? Il futuro di Potere al popolo
martedì 8 maggio 2018 Redazione
Potere al Popolo: non sprechiamo l’opportunità! Verso l'assemblea di Napoli
Potere al Popolo, vedi Napoli e poi ti organizzi
domenica 29 aprile 2018 Giulio AF Buratti
Potere al Popolo verso l'organizzazione: una due giorni a Napoli a maggio, un campeggio a luglio e a settembre si eleggerà il coordinamento nazionale
Mumia Abu-Jamal: «Come divenni una pantera nera»
mercoledì 25 aprile 2018 Redazione
Uno scritto di Mumia Abu-Jamal, la postfazione alla sua autobiografia politica appena tradotta in italiano

cronache sociali

Invalsi, quiz assurdi per 22 milioni di euro
lunedì 14 maggio 2018 Checchino Antonini
Prove Invalsi, tutte le crepe di un rito assurdo e costoso. Cinque ipotesi per capire perché la scuola allena gli studenti con i quiz
Genova, la valle dell’architettura brutale
mercoledì 9 maggio 2018 Checchino Antonini
Genova, dovevano essere una città-giardino. Invece sono un ghetto per migliaia di persone. In un documentario la storia delle Dighe di Begato
Ah, il maggio ’68! Piace ancora a sette francesi su dieci
mercoledì 2 maggio 2018 Checchino Antonini
Maggio '68: per il 70% ebbe un impatto positivo e per il 43% dei francesi potrebbe ripetersi di nuovo. Un sondaggio di Liberation

consumare stanca

Puglia, avvelenata per decreto
martedì 8 maggio 2018 Redazione
Pioggia di veleni sulla Puglia. Irrorazioni forzate a base Neonicotinoidi imposte dal decreto Martina
Salva il pianeta, non mangiare pomodori in inverno
giovedì 3 maggio 2018 Marina Zenobio
Chilometri di plastica ricoprono le serre di pomodori ad Almería, orto d’Europa. Che fine fa quella plastica? Le Tatou ce lo raccontano in un video
Salento, gli agrari vorrebbero usare pesticidi senza patentino
venerdì 20 aprile 2018 Francesco Ruggeri
Xylella nel Salento, gli ambientalisti spiegano i rischi di un congelamento per 24 mesi dell'obbligo del patentino per usare pesticidi 

padrini & padroni

Migranti, in Yemen una tragedia nella tragedia
sabato 12 maggio 2018 Sergio Braga
In Yemen infuria la querra civile e migliaia migranti dal Corno d'Africa scelgono il Paese come destinazione di transito per raggiungere i ricchi paesi del golfo persico e sfuggire alla povertà. Incarcerazioni illegali, sfruttamento, torture, violenze e assassinii. La denuncia di Unhcr
Perché i lavoratori votano a destra?
lunedì 7 maggio 2018 Redazione
Perché i lavoratori votano a destra? Classe, identità, cultura
Mussolini ti mandava nei lager mica in pensione
giovedì 3 maggio 2018 Ercole Olmi
Ennesimo post di un’assessora lombarda sulle leggi di Mussolini che tutelavano i lavoratori. Ma è una bufala che si trascina da anni. Troppi di Ercole Olmi «Posso dirvelo? Rinnegare ciò che di buono è stato fatto è un grande errore, visto che le leggi che tutelano i lavoratori nascono proprio tutte dal fascismo. Tutti condanniamo ...

malapolizia

Carabinieri accusati di stupro, chiesto il processo
venerdì 18 maggio 2018 Francesco Ruggeri
Carabinieri accusati di stupro, chiesto il rinvio a giudizio. Ora la decisione spetta al Gup
Cucchi, pestaggio e depistaggio. Parlano i testimoni chiave
martedì 15 maggio 2018 Ercole Olmi
Cucchi, il testimone chiave, un maresciallo, conferma il pestaggio di Stefano e rivela che i carabinieri volevano incastrare la penitenziaria
Accusati di stupro, licenziati i due carabinieri di Firenze
domenica 13 maggio 2018 Ercole Olmi
Destituiti i carabinieri di Firenze accusati di violenza sessuale su due ragazze statunitensi

quotidiano movimento

Itinerante e conflittuale: ecco il nuovo mutualismo
martedì 15 maggio 2018 Checchino Antonini
Le culture del movimento operaio si confrontano sul mutualismo. La mappa di un mondo in cerca di collegamenti e definizioni 
Perché s’è manifestato per la Palestina
domenica 13 maggio 2018 Redazione
Migliaia di persone a Roma in corteo con la comunità palestinese a settant'anni dalla Naqba, la catastrofe
Primo maggio: scontri a Parigi, Melenchon si dissocia
mercoledì 2 maggio 2018 Checchino Antonini
Primo maggio 2018: 210mila nelle piazze di Francia. Scontri a Parigi. Melenchon accusa i casseurs: «bande di estrema destra»

in genere

Aborto: storico referendum in Irlanda
martedì 15 maggio 2018 Marina Zenobio
Il 25 maggio l’Irlanda avrà l’opportunità di rivedere la legge sull’aborto, una delle più restrittive d’Europa
Femminicidio, una parola che fa paura
domenica 22 aprile 2018 Marina Zenobio
Dal 2012 in Italia ci sono stati quasi 900 casi di femminicidio. Ma questa parola, con il suo significato politico, tende a sparire sui media
Sesso e Genere, l’importanza della differenza
venerdì 13 aprile 2018 Marina Zenobio
“Il genere è un insieme di ruoli sociali, una camicia di forza all’interno della quale donne e uomini ballano una danza diseguale”

mondi

Gaza, un altro massacro di palestinesi
martedì 15 maggio 2018 Marina Zenobio
A Gaza si raccolgono gli interessi dell'estremismo di Benjamin Netanyahu e Donald Trump
Migranti, in Yemen una tragedia nella tragedia
sabato 12 maggio 2018 Sergio Braga
In Yemen infuria la querra civile e migliaia migranti dal Corno d'Africa scelgono il Paese come destinazione di transito per raggiungere i ricchi paesi del golfo persico e sfuggire alla povertà. Incarcerazioni illegali, sfruttamento, torture, violenze e assassinii. La denuncia di Unhcr
Con la Palestina nel cuore, sempre
venerdì 11 maggio 2018 Marina Zenobio
Domani a Roma manifestazione pro Palestina. La Marcia per il Ritorno continua ma la situazione sanitaria a Gaza precipita

culture

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *