giovedì 22 Ottobre 2020

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Chi è e che poteri avrà Miguel Diaz-Canel, successore di Raúl Castro alla presidenza di Cuba

Francamente è presto per commentare l’elezione del primo presidente nato dopo la vittoria della rivoluzione. Più volte, anche senza arrivare a una nomina formale, erano comparsi a fianco di Fidel giovani quadri di belle speranza che tutti i “cubanologi” indicavano come i delfini dei Castro: Carlos Aldana, Roberto Robaina, Carlos Lage Dávila,Felipe Pérez Roque, ed altri, che dopo qualche anno erano stati poi destituiti bruscamente con motivazioni generiche e poco convincenti. In un paio di casi si era detto che erano “attratti dal miele del potere”… La prima novità dunque è semplicemente quella che è arrivato in porto un progetto di ringiovanimento del gruppo dirigente che era stato pensato da tempo ma era stato finora bloccato da paure poco fondate e da metodi troppo bruschi.

Miguel Diaz-Canel è stato alla fine eletto con un voto che lo stesso corrispondente dall’Avana del “manifesto” ha definito bulgaro (99,83%) e che la dice lunga sui criteri di selezione di un’assemblea di dubbia utilità e rappresentatività. Ma il basso profilo mantenuto da Diaz-Canel negli anni dell’attesa (e dell’apprendistato) consiglia di aspettare a parlare di cosa vorrà e potrà fare, in un sistema regolato da una costituzione che subordina formalmente il governo, il parlamento e la società al ruolo dirigente del partito comunista, il cui segretario generale è Raúl Castro e nel cui Ufficio politico siedono alcuni esponenti conservatori della vecchia generazione.

Il linguaggio usato da Diaz-Canel per presentarsi è quanto mai rituale: “continuerà il perfezionamento del socialismo”, e manterrà come “priorità interne” i problemi socioeconomici già definiti dalla precedente amministrazione. D’altra parte, con parole di lode al ruolo storico del vecchio leader, Diaz-Canel ha annunciato che Raúl Castro sarà il “promotore delle decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione” in quanto primo segretario del PC di Cuba. E Raúl Castro in un discorso più articolato e meno freddo del consueto, ha precisato però che la singolare situazione che il nuovo presidente cubano non sia anche il primo segretario del PCC è solo temporanea, dal momento che si prevede che entro tre anni Diaz Canel assuma anche questo incarico. Un’altra lunga fase di apprendistato…

La sorte della nuova presidenza dipende da molti fattori, in gran parte esterni. Aumentano le incertezze per il ruolo degli USA, appoggiati da molti governi dell’America Latina e anche dal Canada, che ha ridimensionato la sua rappresentanza diplomatica all’Avana accettando la motivazione di Trump, che aveva preso a pretesto un ipotetico avvelenamento ambientale doloso. Sono in gravi difficoltà i paesi sopravvissuti all’ondata di destra: persa da tempo l’Argentina, e lacerato il Brasile, ma con una mobilitazione insufficiente della parte di sinistra, è incerta la sorte dell’Ecuador, ma anche e soprattutto quella del Venezuela. Lo stesso corrispondente del Manifesto dall’Avana non ha nascosto che una delle maggiori preoccupazioni riguarda proprio la sopravvivenza di questo paese che in passato aveva fornito un aiuto prezioso e disinteressato a Cuba. Rimane poco altro: non considero neppure tra gli amici di Cuba la dinastia pseudosandinista di Ortega che guida il Nicaragua. Questo paese era diventato già un peso, ed è oggi un nuovo fattore di discredito, dato che spara senza esitare su chi protesta contro i tagli alle pensioni.

Chi può aiutare Cuba a resistere ancora a una penetrazione statunitense divenuta più facile col gesto di Obama e oggi pericolosissima per l’asse tra Trump e la peggiore feccia revanscista di Miami? Non certo l’Europa, in cui il 90% di quel poco che rimane di sinistra non pensa neanche lontanamente di far qualcosa per spezzare l’assedio. Non la Russia e la Cina, che in continenti lontani hanno una lunga tradizione di scarso impegno a sostenere cause scomode quando aumentano il contenzioso con gli Stati Uniti. Non ci rassegniamo, e faremo il possibile per difenderla, ma sarà un compito difficilissimo, soprattutto se Cuba non riuscirà a riallacciarsi al suo eccezionale e originale patrimonio rivoluzionario, utilizzando tutte le sue potenzialità per rilanciare una credibile proposta internazionalista.

Si capisce quindi l’incertezza nel fare previsioni sul futuro di Diaz-Canel (e di Cuba). Un giurista cubano, Julio Antonio Fernández, ha dichiarato in modo ironico all’agenzia IPS che lo intervistava: “Tutti sono d’accordo che avremo un nuovo paese… Io direi di più, avremo un nuovo Stato, un nuovo governo, una nuova politica, e tutto sarà diverso, ma non sappiamo in che cosa e quanto”.

Focus

giovedì 22 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Cucchi, processo per i depistaggi. Il generale Luongo: «Sapevo che c'erano due annotazioni a firma di un carabiniere e due a firma di un altro. Io non vidi nessun atto»
Stragi in carcere, a che punto siamo
giovedì 22 Ottobre 2020 Redazione
A distanza di tanti mesi - segnati da silenzi e opacità istituzionali -  dalla morte di 13 persone detenute, il Comitato che chiede Verità e Giustizia prova a fare il punto
mercoledì 21 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Gli investimenti del miliardario Bill Gates, come gran parte del suo lavoro, rimangono un segreto. E Microsoft già controlla i dati sanitari della Francia
E se Trump non accettasse la sconfitta?
mercoledì 21 Ottobre 2020 Francesco Ruggeri
Usa, il movimento sindacale inizia a discutere di resistenza a un colpo di stato targato Trump 
lunedì 19 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Il candidato del MAS dell'ex presidente Evo Morales è largamente in testa al primo turno delle elezioni presidenziali della Bolivia
«Fermare Erdogan!». Avvocati italiani in sciopero della fame
sabato 17 Ottobre 2020 Francesco Ruggeri
Dal 26 settembre, uno sciopero della fame a staffetta contro il silenzio delle istituzioni europee e nazionali sui crimini di Erdogan in Turchia

in fondo a sinistra

Francia, il Pcf non ne può più di Mélenchon
martedì 1 Settembre 2020 Redazione
Il Pcf  vuole uscire dall'ombra di La France insoumise. Unità d'azione nelle piazze ma non alle prossime presidenziali (Héléna Berkaoui)
Grecia post-covid, sinistra convalescente dal fallimento di Syriza
venerdì 21 Agosto 2020 Redazione
Grecia, la sinistra fatica a farsi sentire di fronte all'ordine neoliberale che Nea Democratia sta mettendo in atto dopo il lockdown (da Atene, Elisa Perriguer)  
Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri

cronache sociali

E’ la più grande azienda digitale ma Sogei frena sullo smart working
sabato 17 Ottobre 2020 Francesco Ruggeri
La denuncia delle rappresentanze sindacali: «Sogei fa rientrare lavoratori che svolgono il lavoro a distanza da marzo con ottimi risultati»
Culla termica, moderna versione di ruota degli esposti
venerdì 24 Luglio 2020 Francesco Ruggeri
I dubbi dell'Associazione nazionale Figli Adottivi e Genitori Naturali a proposito del bambino lasciato in una culla termica a Bari
Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)

consumare stanca

In presa diretta dalla fabbrica del contagio
mercoledì 23 Settembre 2020 Redazione
"Il focolaio. Da Bergamo al contagio". Una sindacalista combattiva recensisce l'inchiesta scritta da Francesca Nava, edita da Laterza (Eliana Como)
Se la Bioeconomia la scrivono i padroni
mercoledì 23 Settembre 2020 Checchino Antonini
L'impatto ambientale, sociale e geopolitico delle strategie europee per la bioeconomia. Una conferenza indipendente di scienziati a Roma
Albiano, ricostruiamo il ponte e la sinistra
mercoledì 2 Settembre 2020 Francesco Ruggeri
Una lettera-articolo dalle rive del Magra alla vigilia delle Regionali in Toscana

padrini & padroni

Com’è finito il processo ad Alba Dorata
giovedì 15 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Grecia, 13 anni di galera ai leader di Alba Dorata, ergastolo all'assassino del rapper antifascista Pavlos Fyssas
Atene, Alba dorata è un’organizzazione criminale
mercoledì 7 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Processo Alba dorata. Un ergastolo per l'omicidio di KillaP, la polizia carica antifascisti. Un libro di Deliolanes per capire i fili neri tra fascisti greci, Nato e Italia
Si scrive decreto Lamorgese si legge “Salvini tris”
mercoledì 7 Ottobre 2020 Checchino Antonini
Accoglienza, rimpatri, daspo urbano. Ecco cosa prevede il nuovo decreto Immigrazione. Non cambia nulla, o quasi, rispetto ai decreti Salvini 

malapolizia

Ilaria Cucchi: «Colonnello, lei fa tendenza»
venerdì 16 Ottobre 2020 Redazione
A 11 anni dall'inizio del calvario di suo fratello Stefano, che morirà sei giorni dopo l'arresto, Ilaria Cucchi ripercorre i depistaggi
Cucchi, un Giuda in divisa depista ancora
venerdì 25 Settembre 2020 Checchino Antonini
Processo Cucchi, la denuncia del pm Musarò: «Un Giuda», tra i carabinieri di Roma «passa gli atti a qualche imputato» inquinando le prove
Francia, un reporter diventa poliziotto per svelare il razzismo in divisa
lunedì 7 Settembre 2020 Checchino Antonini
Un giornalista francese infiltrato in polizia  ha descritto la cultura del razzismo e della violenza che pervade il mondo in divisa

quotidiano movimento

Francia, che fine hanno fatto i gilet gialli?
domenica 13 Settembre 2020 Redazione
La rentrèe post-covid dei "gilet gialli". Ma non erano numerosi  a conferma del declino del movimento, mentre la crisi sanitaria ha generato divisioni
Roma, Scup guadagna tempo ma la lotta continua
lunedì 7 Settembre 2020 Francesco Ruggeri
RFI concede una proroga a Scup, ma lo stabile è ancora a rischio. Assordante silenzio del Comune di Roma
Genova 2001, è importante ricordare l’odio
martedì 21 Luglio 2020 Redazione
E pure in Piazza Alimonda, se ci pensi, puoi capire tutto con l’odio. Non solo i due spari, anche il sasso, le menzogne successive, il processo negato

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

Hong Kong, la caccia alle streghe è già cominciata
sabato 19 Settembre 2020 Redazione
Hong Kong tra censura e autocensura, la legge imposta il 30 giugno da Pechino ha fatto precipitare gli ambienti accademici in una profonda ansia (Margot Clément) 
Spagna, troppe strade portano ancora al franchismo
martedì 15 Settembre 2020 Checchino Antonini
Mentre il governo Sanchez vara la legge della memoria democratica, un sito francese conta i nomi delle strade dedicate a Franco e ai suoi complici
Cile oggi, dopo la pandemia la resa dei conti
venerdì 11 Settembre 2020 Checchino Antonini
Cile: provocazioni dei carabineros nell'anniversario del golpe. I sondaggi danno la maggioranza a favore della modifica della Costituzione di Pinochet 

culture

Obey urla ancora. Da Genova

Genova riparte dalla street art. Proprio dove si era fermata a marzo con la mostra di Banksy

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Sghembi di tutto il mondo, vi racconto Claudio Lolli

Rabbia, malinconia, affabulazione: Claudio Lolli raccontato alla radio da un altro poeta: Marco Rovelli

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Scuola. Riprendersi le città è un gioco da ragazzi

Scuola. Bambini e maestri inventano o riscoprono i giochi a mezza distanza [Massimo Lauria e Checchino Antonini per Rsi]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Giuseppe Ciarallo, un’invettiva civile

“Crescendo”, un testo di Giuseppe Ciarallo letto da Alberto Patrucco e montato da Bruno Malasomma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Bresci, una storia lunga 120 anni

“Il fatto” di Umberto I ucciso dall’anarchico Bresci, il 29 luglio 1900

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.