Cuba, prime note su Diaz-Canel

Cuba, prime note su Diaz-Canel

Chi è e che poteri avrà Miguel Diaz-Canel, successore di Raúl Castro alla presidenza di Cuba

Francamente è presto per commentare l’elezione del primo presidente nato dopo la vittoria della rivoluzione. Più volte, anche senza arrivare a una nomina formale, erano comparsi a fianco di Fidel giovani quadri di belle speranza che tutti i “cubanologi” indicavano come i delfini dei Castro: Carlos Aldana, Roberto Robaina, Carlos Lage Dávila,Felipe Pérez Roque, ed altri, che dopo qualche anno erano stati poi destituiti bruscamente con motivazioni generiche e poco convincenti. In un paio di casi si era detto che erano “attratti dal miele del potere”… La prima novità dunque è semplicemente quella che è arrivato in porto un progetto di ringiovanimento del gruppo dirigente che era stato pensato da tempo ma era stato finora bloccato da paure poco fondate e da metodi troppo bruschi.

Miguel Diaz-Canel è stato alla fine eletto con un voto che lo stesso corrispondente dall’Avana del “manifesto” ha definito bulgaro (99,83%) e che la dice lunga sui criteri di selezione di un’assemblea di dubbia utilità e rappresentatività. Ma il basso profilo mantenuto da Diaz-Canel negli anni dell’attesa (e dell’apprendistato) consiglia di aspettare a parlare di cosa vorrà e potrà fare, in un sistema regolato da una costituzione che subordina formalmente il governo, il parlamento e la società al ruolo dirigente del partito comunista, il cui segretario generale è Raúl Castro e nel cui Ufficio politico siedono alcuni esponenti conservatori della vecchia generazione.

Il linguaggio usato da Diaz-Canel per presentarsi è quanto mai rituale: “continuerà il perfezionamento del socialismo”, e manterrà come “priorità interne” i problemi socioeconomici già definiti dalla precedente amministrazione. D’altra parte, con parole di lode al ruolo storico del vecchio leader, Diaz-Canel ha annunciato che Raúl Castro sarà il “promotore delle decisioni più importanti per il presente e il futuro della nazione” in quanto primo segretario del PC di Cuba. E Raúl Castro in un discorso più articolato e meno freddo del consueto, ha precisato però che la singolare situazione che il nuovo presidente cubano non sia anche il primo segretario del PCC è solo temporanea, dal momento che si prevede che entro tre anni Diaz Canel assuma anche questo incarico. Un’altra lunga fase di apprendistato…

La sorte della nuova presidenza dipende da molti fattori, in gran parte esterni. Aumentano le incertezze per il ruolo degli USA, appoggiati da molti governi dell’America Latina e anche dal Canada, che ha ridimensionato la sua rappresentanza diplomatica all’Avana accettando la motivazione di Trump, che aveva preso a pretesto un ipotetico avvelenamento ambientale doloso. Sono in gravi difficoltà i paesi sopravvissuti all’ondata di destra: persa da tempo l’Argentina, e lacerato il Brasile, ma con una mobilitazione insufficiente della parte di sinistra, è incerta la sorte dell’Ecuador, ma anche e soprattutto quella del Venezuela. Lo stesso corrispondente del Manifesto dall’Avana non ha nascosto che una delle maggiori preoccupazioni riguarda proprio la sopravvivenza di questo paese che in passato aveva fornito un aiuto prezioso e disinteressato a Cuba. Rimane poco altro: non considero neppure tra gli amici di Cuba la dinastia pseudosandinista di Ortega che guida il Nicaragua. Questo paese era diventato già un peso, ed è oggi un nuovo fattore di discredito, dato che spara senza esitare su chi protesta contro i tagli alle pensioni.

Chi può aiutare Cuba a resistere ancora a una penetrazione statunitense divenuta più facile col gesto di Obama e oggi pericolosissima per l’asse tra Trump e la peggiore feccia revanscista di Miami? Non certo l’Europa, in cui il 90% di quel poco che rimane di sinistra non pensa neanche lontanamente di far qualcosa per spezzare l’assedio. Non la Russia e la Cina, che in continenti lontani hanno una lunga tradizione di scarso impegno a sostenere cause scomode quando aumentano il contenzioso con gli Stati Uniti. Non ci rassegniamo, e faremo il possibile per difenderla, ma sarà un compito difficilissimo, soprattutto se Cuba non riuscirà a riallacciarsi al suo eccezionale e originale patrimonio rivoluzionario, utilizzando tutte le sue potenzialità per rilanciare una credibile proposta internazionalista.

Si capisce quindi l’incertezza nel fare previsioni sul futuro di Diaz-Canel (e di Cuba). Un giurista cubano, Julio Antonio Fernández, ha dichiarato in modo ironico all’agenzia IPS che lo intervistava: “Tutti sono d’accordo che avremo un nuovo paese… Io direi di più, avremo un nuovo Stato, un nuovo governo, una nuova politica, e tutto sarà diverso, ma non sappiamo in che cosa e quanto”.

Focus

venerdì 24 Luglio 2020 Francesco Ruggeri
I dubbi dell'Associazione nazionale Figli Adottivi e Genitori Naturali a proposito del bambino lasciato in una culla termica a Bari
Piacenza, caserma chiusa per spaccio, estorsione e tortura
giovedì 23 Luglio 2020 Checchino Antonini
Sei carabinieri arrestati e una caserma messa sotto sequestro. Reati contestati spaccio, estorsione e tortura. I precedenti
martedì 21 Luglio 2020 Redazione
E pure in Piazza Alimonda, se ci pensi, puoi capire tutto con l’odio. Non solo i due spari, anche il sasso, le menzogne successive, il processo negato
Così lo Zio Sam adesca ragazzini su Twitch
sabato 18 Luglio 2020 Redazione
Il Pentagono sta usando il gioco online per reclutare adolescenti. Soldati-giocatori passano ore su Twitch con bambini fino a 13 anni (Jordan Uhl)
mercoledì 15 Luglio 2020 Checchino Antonini
I rischi del decreto semplificazioni per la legalità e la democrazia, l'indifferenza della politica. Parla il coordinatore di Avviso Pubblico, rete degli enti locali antimafia
Fare a meno della polizia?
domenica 12 Luglio 2020 Redazione
Dovremmo farla finita con la polizia? E' possibile? C'è chi lo sta sperimentando. Ultima puntata del nostro dossier dalla Francia (Julien Salingue)

in fondo a sinistra

Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri
2 giugno, non sia un paese per repubblichini
lunedì 1 Giugno 2020 Checchino Antonini
Non lasciamo il 2 giugno alla destra. Appello per manifestazione a Roma, il 2 giugno dalle 10 alle 13 in Piazzale Tiburtino 
Francia, prove di unità della sinistra politica, sociale e sindacale
mercoledì 27 Maggio 2020 Giulio AF Buratti
Francia, sindacati, partiti e associazioni ragionano di un blocco sociale alternativo mentre Macron e i padroni preparano l'attacco

cronache sociali

Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)
Roma fa scuola sotto il cielo
mercoledì 10 Giugno 2020 Redazione
Roma, ecco alcune iniziative sperimentali di didattica all'aperto e autorganizzate
8 giugno: tutti nei luoghi della didattica negata
lunedì 8 Giugno 2020 Redazione
Apriti, Scuola! Docenti, genitori e studenti in scuole, piazze, parchi per chiedere il ritorno in classe in una scuola aperta e più ricca

consumare stanca

Macedonia di microplastica
mercoledì 17 Giugno 2020 Marina Zenobio
Pubblicata la prima ricerca che quantifica l'esposizione a microplastiche  nella popolazione generale mediante l'ingestione di alcuni frutti e verdure
Morti di covid, anzi no: morti di pareggio di bilancio
domenica 7 Giugno 2020 Redazione
L'ossessione del riequilibrio finanziario ha smantellato il servizio sanitario pubblico e i risultati li stiamo vedendo (Marco Bersani)
Tutte le magagne di Immuni
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Ho deciso di installare la app per il tracciamento dei possibili positivi al covid ma... C'è un ma... (Mauro Baldassarri)

padrini & padroni

Faccette nere, gilet arancioni, mascherine tricolori
martedì 2 Giugno 2020 Redazione
Non solo Lega e Fdi, c’è chi marcia su Roma in nome del popolo e col gilet arancione. E le curve fasciste a Roma sabato 6  (Saverio Ferrari*)
La folle storia del laboratorio P4 di Wuhan
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Wuhan, il laboratorio di alta sicurezza (P4) dell'Istituto di virologia è stato progettato dalla Francia su cui dal 2017 non ha più alcun controllo  (Karl Laske e Jacques Massey)
La leggenda dei Recovery Fund spiegata bene
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Pochi soldi e a caro prezzo, ecco cosa si cela dietro le narrazioni trionfali sul Recovery Fund  (Marco Bersani)

malapolizia

Le congratulazioni dell’Arma a chi pestò Stefano Cucchi
martedì 14 Luglio 2020 Checchino Antonini
Lettere di plauso agli autori del violentissimo arresto di Cucchi. Così settori dei carabinieri di Roma prepararono il depistaggio. Il punto sul processo
Francia, perché la polizia è razzista
giovedì 25 Giugno 2020 Redazione
Francia, seconda puntata del dossier sulla polizia più violenta d'Europa. E anche molto, molto razzista (Denis Godard)
Francia, perché la polizia è strutturalmente violenta
martedì 23 Giugno 2020 Checchino Antonini
Dossier Francia, 1. Perché la polizia da quelle parti è diventata la più violenta dell'Unione europea (Roseline Vachetta)

quotidiano movimento

Una manifestante black al posto del mercante di schiavi
mercoledì 15 Luglio 2020 Checchino Antonini
Bristol, una nuova statua al posto di Colston buttato al fiume dai manifestanti di Black Lives Matter. Raffigura una manifestante afrodiscendente
«Presidente, per una strage non basta un requiem»
sabato 27 Giugno 2020 Checchino Antonini
Veglia a Bergamo per l'arrivo di Mattarella: «Vogliamo dirgli che la strage si poteva e si doveva evitare», dice Eliana Como da ieri in sciopero della fame
#TasaCovid più movimento, la vera ricetta contro la crisi
domenica 21 Giugno 2020 Giulio AF Buratti
Tassare le grandi ricchezze e collegare riflessioni, appelli, campagne, per affrontare la crisi del covid

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

“Quella merda scende come se fosse fatta di wafer”
martedì 23 Giugno 2020 Redazione
Come sono cominciate a cadere le statue in Gran Bretagna a cominciare da quella dello schiavista Colston a Bristol (Anna Russell)
La baia dei porcellini. Il fallito golpe Usa contro Maduro
venerdì 15 Maggio 2020 Redazione
Jon Lee Anderson ricostruisce il tentativo farsesco contro il governo del Venezuela. L'ambiguità di Trump e l'incapacità di Guaidò
AIDS in Africa. Morti di un virus “minore”
giovedì 14 Maggio 2020 Marina Zenobio
In Africa l'interruzione dei servizi sanitari di lotta all'AIDS, dovuta alle misure contro il Covid-19, sta mettendo a rischio la vita di centinaia di migliaia di persone

culture

Bresci, una storia lunga 120 anni

“Il fatto” di Umberto I ucciso dall’anarchico Bresci, il 29 luglio 1900

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Nervi 2020. Genova danza in Paradiso

Che cosa succederà al Festival internazionale del Balletto e della musica – Nervi 2020

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Pesci d’acquario (stato di polizia)

Pesci d’acquario / tuffati nel gorgo / galleggiamo appena / tra anfratti e balocchi /

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Rifondiamo Montanelli!

Il dibattito su Montanelli mi ha rotto i coglioni: la sua statua dovrebbe essere semplicemente fusa per riutilizzarne il bronzo

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La lotta di classe in bicicletta

La bicicletta come veicolo di protesta ma anche arma per la polizia, ecologico ma strumento della colonizzazione (Jody Rosen)  

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Perché Instagram ci vuole mettere in mutande

Su Instagram, il bonus segreto della nudità: lo spogliarello per guadagnare likes. Un’inchiesta di Mediapart

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.