20.2 C
Rome
giovedì 16 Settembre 2021
20.2 C
Rome
giovedì 16 Settembre 2021
Homecronache socialiInvalsi, quiz assurdi per 22 milioni di euro

Invalsi, quiz assurdi per 22 milioni di euro

Prove Invalsi, tutte le crepe di un rito assurdo e costoso. Cinque ipotesi per capire perché la scuola allena gli studenti con i quiz

di Matteo Saudino
La settimana scolastica che ci lasciamo alle spalle è stata la settimana che il Miur ha dedicato alle prove Invalsi. Decine di migliaia di studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado si sono cimentati nei test nazionali di valutazione.
Dopo anni, tale rito mostra sempre più crepe, contraddizioni e assurdità.
Le domande rimangono sempre le stesse: tali prove a cosa servono? A chi servono?
Ventidue milioni di euro spesi a che fine?
Delle prove standarizzate per tutti, a prescindere dai livelli di conoscenze e competenze dei singoli studenti e dai contesti sociali e culturali delle scuole, servono a certificare una ovvietà come le profonde differenze che esistono nei processi di apprendimento? Non basterebbe prendere visione dei giudizi degli insegnanti?
Se così non è, bisogna cercare altre risposte.
Prima ipotesi. Il Miur non si fida completamente o totalmente della preparazione e delle capacità di valutazione degli insegnanti. Dunque per ovviare a tali lacune decide di procedere ad un istituto valutatore esterno per soddisfare l’esigenza di una agognata quanto improbabile valutazione oggettiva. Per farne che cosa rimane un mistero? Per premiare le scuole migliori (?) o aiutare le peggiori (?)?
Seconda ipotesi. Il Miur, stanco della libertà di insegnamento sancito dalla Costituzione, vuole omologare i processi di apprendimento. Per far ciò i programmi spariscono e sono sostituiti da competenze da acquisire durante il percorso scolastico, per raggiungere le quali gli insegnanti devono adeguare la didattica, sia per quanto concerne le metodologie sia per quanto riguarda i contenuti. Indicare il porto di arrivo serve a condizionare l’intero viaggio.
Terza ipotesi. Il Miur ha dei soldi da sprecare ed esperti da retribuire. Semplice e sempre probabile.
Quarta ipotesi. Il Miur ha fatto propria l’impostazione liberista della Unione europea. Pertanto, serve una scuola che alleni gli studenti ai quiz, alle competenze senza conoscenze, alla competizione atomizzata e alla prestazione veloce e standarizzata. La scuola invalsi, in questo caso, serve ad una società globale di mercato e di individui.
Quinta ipotesi. Il Miur dopo aver istituito tale rito lo porta avanti in ossequio alle tradizioni e al folkore.
Qualunque ipotesi sia la più reale e convincente, rimane sul campo la follia di chiedere, agli studenti di quinta elementare, di risolvere dei questi che richiedono la conoscenza delle equazioni di primo grado.
Il tutto, per non smentire la consuetudine tutta italiana di abbinare al danno la farsa.
Il danno umano e sociale per una scuola acritica sempre più fondata sulla competizione individuale e su una valutazione che esclude.
La beffa di quiz assurdi e di una sciocca perdita di tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati

Referendum cannabis, onda verde a quota 100mila in 24 ore

Una partenza da sballo per il referendum cannabis. C'è tempo solo fino al 30 settembre per raggiungere le 500mila firme necessarie

EZLN in volo verso l’Europa

Partirà lunedì da Città del Messico, La Extemporanea, la delegazione zapatista che incontrerà i movimenti europei [La Jornada]