Tutto quello che c’è da sapere sul Venezuela

Tutto quello che c’è da sapere sul Venezuela

Venezuela, alcuni elementi per capire la posta in gioco e demistificare le fake news di chi tifa per un intervento Usa

di Alfredo Serrano Mancilla*

In questi tempi di “dittatura della congiuntura” emergono esperti tuttologi. Tuttavia, la maggior parte di loro non passerebbe il minimo test di conoscenza dell’oggetto in questione. Con alcune eccezioni, tra coloro che scrivono o parlano del Venezuela, nessuno ha la più remota idea se Lara è una città o uno stato, per non parlare di dove sia geograficamente. Cioè, c’è una ignoranza di base per avventurarsi a dare lezioni.

Per porre rimedio a certi errori che condizionano l’analisi e commento, se posso, ecco alcuni dati “sconosciuti” per contribuire al miglioramento della salute del dibattito globale sul Venezuela:

Juan Guaidó è stato eletto dallo stesso corpo elettorale con cui fu eletto il presidente Maduro. Guaidó ha ottenuto 97.492 voti nello Stato di Vargas nel 2015.

  1. L’Organizzazione degli Stati americani non ha riconosciuto Guaidó come presidente di nulla. Il suo segretario generale lo ha fatto a proprio rischio, ma non gli stati membri in blocco. Nemmeno le Nazioni Unite hanno riconosciuto Guaidó; e questo è stato chiaramente affermato in una lettera pubblicata dal suo segretario generale, António Guterres, che ha dato la sua approvazione a fornire aiuti umanitari finché richiesto dall’attuale governo. Papa Francesco non ha aderito alla proposta di Trump su Guaidó rispondendo a una domanda esplicita di un giornalista sul volo di ritorno da Panama. Paesi di una certa importanza geopolitica, come Cina, Russia, Turchia, Iran, Messico e Sud Africa, non convalidano l’opzione di un altro presidente diverso da Maduro. Non tutti i paesi dell’Unione europea (UE) si accodano al disconoscimento di Maduro. Finora, Italia, Grecia, Romania, Irlanda, Bulgaria, Cipro, Malta e Slovacchia non lo hanno fatto. Un altro dato: il capo della diplomazia europea, l’italiana Federica Mogherini ha accettato di essere a Montevideo il 7 febbraio per avviare il dialogo all’interno del gruppo di contatto internazionale sul Venezuela. Da parte sua, Parlasur, il parlamento del Mercosur, non ha considerato in alcun modo l’esistenza di un altro presidente diverso da Maduro.
  2. Il Venezuela è l’ottavo paese al mondo con la più grande quantità di riserve di gas; il primo per petrolio; in oro, il valore delle sue riserve supera il Pil del Cile o della Danimarca; in ferro, il valore supera il pil del Messico o della Spagna; in diamanti, la cifra è superiore al pil del Paraguay o della Bolivia; e per finire, è stato recentemente dimostrato che c’è molto coltan nel suo territorio.
  3. In termini di proprietà, il 98,5% delle società costituite in Venezuela sono private; Lo 0,5% è misto e l’1% è completamente pubblico. E un altro fatto: l’80% dei media in Venezuela sono privati.
  4. Secondo un articolo del New York Times, secondo le stime del governo di Trump, le nuove sanzioni costeranno all’economia venezuelana 11 miliardi di dollari in perdite di petrolio perse. E questo si aggiunge agli effetti già consumati dai precedenti decreti. Il primo è stato quello di Obama, approvato il 9 marzo 2015, dove sono state annunciate le prime sanzioni contro il Venezuela basate sul “rischio straordinario” per la sicurezza degli Stati Uniti. Poi ne arrivarono molti altri, già con l’amministrazione Trump in corso.
  5. Nel XXI secolo, il Venezuela ha diversificato le sue relazioni economiche e politiche. E la Cina diventa uno dei suoi principali partner. Ad esempio, il Venezuela rappresenta il 40% del finanziamento che Pechino concede a tutta l’America Latina. Anche la Russia e la Turchia sono fondamentali in queste nuove alleanze.
  6. A volte ci dimentichiamo che il Venezuela confina con gli Stati Uniti nel quadro del trattato di confini marittimi 1978 che fissa il confine marittimo tra le isole del Venezuela nel Mar dei Caraibi e territori dipendenti degli Stati Uniti (Porto Rico e Isole Vergini).

Questi sono alcuni elementi significativi che dobbiamo considerare quando si giudica ciò che sta accadendo sul Venezuela. Da lì, fare analisi in avanti diventa un esercizio molto complesso. L’unica cosa certa è che ogni volta che gli Stati Uniti parlano di aiuti umanitari, le cose non finiscono bene. Spero che questa volta finisca come la guerra che Trump ha dichiarato contro la Corea del Nord, come il muro che non potrebbe mai essere costruito sul confine messicano. Vedremo.

* da Publico.es. Mancilla è un economista dell’Università Autonoma di Barcellona (Spagna) e direttore esecutivo del Centro geopolitico strategico latinoamericano (CELAG)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.