29.1 C
Rome
lunedì 22 Luglio 2024
29.1 C
Rome
lunedì 22 Luglio 2024
Homepadrini & padroniCassazione: alla 'ndrangheta piace Tav

Cassazione: alla ‘ndrangheta piace Tav

La ‘ndrangheta era interessata a lavori di costruzione del Tav Torino-Lione in Valle di Susa. La sentenza della Cassazione

La ‘ndrangheta era interessata a lavori di costruzione del Tav Torino-Lione in Valle di Susa: una vicenda già emersa nel 2014 durante l’inchiesta San Michele della procura di Torino e ora certificata dalla Cassazione nella sentenza di condanna, diventata definitiva depositata in questi giorni, a carico di otto imputati. Il processo (si tratta del troncone svolto con il rito abbreviato) riguardava l’attività della ‘ndrina di San Mauro Marchesato a Torino e nel circondario.

La sentenza, che piomba proprio nel giorno del pressing più feroce della lobby trasversale (dalla Lega al Pd fino alla Cgil e alle madamine) a favore della devastazione della valle, è solo l’ennesimo episodio di una catena che da anni registra inchieste, arresti e condanne praticamente in ciascuno dei cantieri per l’alta velocità: il sistema della grande opere è in realtà un meccanismo di spartizione, illegittimo e spesso illegale, di soldi pubblici, una questione strutturale. Il ciclo del cemento e del movimento terra di questo paese è saldamente in mano alle cosche, molto adattabili ai crismi del liberismo per via della capacità di spremere la forza lavoro), che esprimono pezzi di classe dirigente e dirottano le scelte normative come dimostra la regolamentazione degli appalti.

Questa sentenza dedica un cenno a un tentativo di intimidazione ai danni di due proprietari di una cava ai piedi della Sacra di San Michele: l’obiettivo era evitare che sfrattassero un’azienda, la Toro srl, “vicina agli interessi della cosca nei lavori di costruzione della Tav Torino-Lione”. Il responsabile della ditta – condannato in primo grado in un altro filone del processo – nel 2011 aveva ottenuto in subappalto la posa dell’asfalto nel cantiere di Chiomonte. E adesso chi glielo dice a Zingaretti?! Anche contro questo impasto criminale tra politica e mafie decine di migliaia di persone scenderanno in piazza sabato 23 marzo, a Roma, contro le grandi opere e per la giustizia climatica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina