21.8 C
Rome
lunedì 15 Aprile 2024
21.8 C
Rome
lunedì 15 Aprile 2024
Homepadrini & padroniIl 2019 bellissimo di Conte è già finito

Il 2019 bellissimo di Conte è già finito

Conte in rotta di collisione, prima dice “sarà un 2019 bellissimo”; poi afferma “stiamo vivendo una congiuntura sfavorevole”

di Antonio De Lellis*

Il primo ministro Conte ha molta difficoltà a misurarsi con la realtà se a distanza di poche settimane cambia radicalmente valutazione sull’Italia. Prima: «sarà un 2019 bellissimo»; poi afferma «stiamo vivendo una congiuntura sfavorevole». (1)

Cos’è che non va davvero? Export ok, consumi ok, ma le scorte diminuiscono troppo perchè non ci sono ordinativi e senza quest’ultimi nessun artigiano o fabbrica o commerciante acquista e fa magazzino. Questo naturalmente sarà una bomba sul rapporto debito/ pil perchè se il denominatore diminuisce il fattore aumenta di molto.

Per noi che non siamo fissati per la crescita, e a cui non allarma troppo un debito che non pagheremo mai, quello che dovrebbe preoccupare è l’assoluta incapacità di questo governo di aderenza con la realtà. Questa aderenza invece alla “percezione della realtà” e non alla realtà si tramuta in “indispensabili” misure come il decreto sicurezza, la legittima difesa e con misure come quota 100 e Rdc (reddito di cittadinanza) che, alla luce di quello che sta accadendo, daranno luogo a scoperture notevoli.

Gli stessi obiettivi della quota 100 e Rdc, che nessuno può non condividere, come lotta alla povertà e revisione riforma Fornero, si potevano ottenere tassando i ricchi, beninteso, ovvero facendo una lotta alle disugualiganze. Chi non elimina le disuguaglianze non sta aiutando i poveri, ma li sta prendendo in giro.

Che dovevano fare? Forse, affrontare il tema del debito economico, sociale e ambientale come leva per governare e scoprire la corruzione (internazionale e nazionale) che dietro di essa si è nascosta e si nasconde, sarebbe stato un buon punto di partenza.

Tassare i ricchi per evitare derive oligarchiche, ridurre e annullare le spese militari, evitare i salvataggi bancari, evitare le grandi opere inutili e dannose, non privatizzare, agire a livello nazionale e internazionale per una conferenza sul debito e fisco (seria battaglia contro gli off shore e i paradisi fiscali). Investire su economia circolare e preventiva, dirottare investimenti su contrasto al riscaldamento globale reale.

Faremo la fine del Titanic? La rotta di collisione c’è, ma il problema (secondo la percezione della realtà) non sono i capitani alla guida della nave, ma l’equipaggio, troppi clandestini a bordo, troppi di colore, troppo vessati da ladri, assassini e stupratori specialmente di colore o Rom.

(1) secondo il Sole24Ore di oggi: “Dopo una raffica di indicatori anticipatori compositi tutti in discesa (lo sono da fine 2017) ieri dall’Ocse è arrivata una vera e propria doccia fredda sull’economia italiana. Le previsioni di crescita sono negative per quest’anno (-0,2%) e appena positive per il prossimo (+0,5%). Nell’Interim Economic Outlook pubblicato ieri l’organizzazione parigina ha corretto al ribasso di 1,1 punti le sue proiezioni di novembre, quando ancora indicava in Pil in crescita dello 0,9% sia per il 2019 sia per il 2020. È il ribasso più ampio tra i paesi del G20 dopo quello fatto per la Turchia. L’Italia è a questo punto indicato come l’unico tra i maggiori paesi industrializzati con una prospettiva di recessione”.

*di Attac e Cadtm, il comitato per l’annullamento del debito illegittimo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano

Il malgusto ai tempi del consumo

Food porn, oltre la satira del cibo spazzatura: Andrea Martella torna in scena con Hangar Duchamp

Perché Israele uccide i giornalisti

Intervista a Haggaï Matar, direttore dei media israelo-palestinesi autori di un'inchiesta shock sull'uso dell'intelligenza artificiale per uccidere civili a Gaza Rachida El Azzouzi]

Il marchese del Grillo in salsa mediorientale

Eccidio di cooperanti a Gaza e bombe su Damasco, Netanyahu cerca di allargare il conflitto fidando nello strabismo degli alleati