21.3 C
Rome
mercoledì 29 Giugno 2022
21.3 C
Rome
mercoledì 29 Giugno 2022
Homepadrini & padroniNapoli, flashmob contro la "bastardata di Pizzofalcone"

Napoli, flashmob contro la “bastardata di Pizzofalcone”

Napoli, continua la mobilitazione contro il progetto voluto da De Magistris per ospitare la prima scuola di guerra europea nel centro della città

Un flash-mob «per contestare la realizzazione della prima scuola europea di formazione per ufficiali presso la caserma Nino Bixio di Monte di Dio, attualmente sede del IV reparto celere della Polizia di Stato» è stato organizzato oggi dagli attivisti del movimento Napoli città di pace. Con una sintesi fulminante, il settimanale Left l’aveva definita “la bastardata di Pizzofalcone” poiché l’edificio è nella location della fortunata fiction televisiva. La decisione, si ricorda, «è stata assunta nel 2015 con un protocollo d’intesa tra il governo Renzi ed il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Bisogna revocare il progetto di insediare a Napoli la scuola europea di guerra – dichiara Ermete Ferraro – destinando la struttura allo scopo originario previsto dal progetto Unesco: riconvertire quella struttura a scopi sociali e culturali, trasformandola in casa internazionale della pace». «Napoli è città di pace – aggiunge un altro esponente del movimento, Gennaro Esposito – ed è una follia insediare una struttura bellica in un quartiere densamente popolato, rendendola un potenziale obiettivo di guerra. Non ci piacciono le scuole di guerra, nessuna, nemmeno la tanto coccolata (dal sindaco di Napoli) Nunziatella! Le scuole di guerre sono fucine per forgiare sia esperti di morte per gli abominevoli conflitti funzionali alla bulimia del capitalismo sia futuri dirigenti delle “intelligence”, vale a dire le future leve di comando dell’apparato repressivo dello Stato». La vicenda venne fuori proprio nel momento in cui il sindaco di Napoli voleva accreditarsi come punto di riferimento della sinistra radicale in alternativa sia al Pd sia al governo gialloverde. I movimenti gli chiedevano un gesto di coerenza. Poche settimane più tardi De Magistris ha mollato il progetto di condurre la lista della sinistra coalizzata alle europee ma un pezzo della città resta in attesa di quel gesto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il conflitto russo-ucraino divide la sinistra anti-guerra

Il campo antimperialista alla prova dall'invasione dell'Ucraina. Chi rifiuta l'invio delle armi, chi lo ritiene inevitabile [Fabien Escalona]

Bioeconomia senza trucchi, scienziati in cerca di esperienze concrete

Non basta dirsi bio per sottrarsi alle logiche dell'economia fossile. Come partecipare alla conferenza multidisciplinare di Bioeconomia

Melilla, l’esternalizzazione delle frontiere uccide ancora

Sale il bilancio della strage di migranti a Melilla. Sanchez si complimenta con i gendarmi marocchini. Tweet choc di Salvini 

Nupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

La Nupes esita sulla sua modalità di organizzazione. Mélenchon propone un gruppo unico in Parlamento ma ... [Mathieu Dejean]

Watergate, mezzo secolo dopo. Una lezione per oggi

L'anniversario del 50 anni dallo scandalo Watergate cade nei giorni dell'inchiesta su Trump L'insabbiamento del Watergate da parte di Ni...