-2.3 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
-2.3 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureEnfant terrible senza limiti, e il teatro sembra un circo

Enfant terrible senza limiti, e il teatro sembra un circo

Al Teatro sociale di Camogli le acrobazie di Mob à Sisyphe per Huitieme jour, Cirque d’enfant terrible  

da Genova, Claudio Marradi

Domanda: ma se per sei giorni si lavora e il settimo si riposa, cosa resta da fare l’ottavo giorno? Giornata che non esiste, tempo vuoto indeciso tra azione e non azione, luogo in cui si produce l’idea di una potenza aristotelica che non riesce – o non vuole –  tradursi in un atto determinato,  l’ottavo giorno della settimana è un ossimoro metafisico. Ed è l’ipotesi teorica, ma anche molto pratica,  attorno alla quale ruota lo spettacolo HUITIÈME JOUR. CIRQUE D’ENFANT TERRIBLE,  che la compagnia francese – occitana per la precisione – La Mob à Sisyphe porta al Teatro Sociale di Camogli nell’ambito della rassegna Teatro come sport e in sinergia con la  programmazione di Circus Zone dell’associazione Sarabanda. 

Idris Roca,Cochise Leberre e Raphaël Milland sono tre giovanotti che si annoiano in un soggiorno borghese illuminato dalla luce di un’abat-jour. In un tempo sospeso in cui non si capisce neppure se fuori sia notte o giorno, sembrano in attesa dell’inizio o della fine di qualcosa: aspettano una telefonata che non arriva, fanno volare aeroplanini di carta, giocano con una lampadina… E soprattutto si sfidano in una gara di acrobazie sgangherate e assurde, in un crescendo di situazioni pericolose che possono precipitare in ogni momento nell’irreparabile. In quell’atmosfera di euforica incoscienza che solo infanzia e adolescenza possono  abitare senza sentirsi ingombranti e fuori luogo. Perché sono tre ragazzini terribili che nel loro spettacolo di clowneria postmoderna sfidano  le leggi della fisica e del buon senso per raccontare lo stupore di un tempo  zero:  l’immenso vuoto-pieno di possibilità che presiede a qualunque atto creativo. E,  forse, perfino alla creazione di un mondo.  Giocando tra acrobatica e pratica sportiva, nella più pura arte circense, si svolge lo spettacolo di un circo multiplo e multiforme che scopre la magia del virtuosismo in ogni gesto, anche il più banale.  E dove anche l’atto di vestirsi per uscire può trasformarsi in un nastro scintillante di eventi prodigiosi e surreali.

Infine tutto si conclude all’alba dell’ottavo giorno, nel compimento di un mondo folle e vuoto, dove il tempo passa così lentamente da fermarsi quasi.  Senza limiti, senza passato e senza futuro, in una bolla di semplice, pura esistenza. Esperimento Zen qui e ora, nell’interno notte di un soggiorno borghese qualunque.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi