10.2 C
Rome
giovedì 29 Febbraio 2024
10.2 C
Rome
giovedì 29 Febbraio 2024
HomecultureGentiluomini in moto per beneficenza

Gentiluomini in moto per beneficenza

Centomila centauri in tutto il mondo raccolgono fondi contro il cancro. l’Italia in prima fila nella gara della solidariertà. Il Ritorno del Gentleman’s Ride.

Da Genova. Centomila centauri in tutto il mondo saranno impegnati domani, domenica 29 settembre in quello che ormai è diventato l’evento motociclistico benefico più famoso al mondo: il Distinguished Gentleman’s Ride. Settecento le città che vedranno sfilare gentiluomini e gentildonne nei loro abiti più eleganti con barbe e baffi (anche finti) in più di 90 paesi, dall’Albania al Venezuela, dalle Filippine all’Uruguay, fino a Sydney in Australia dove nel 2012 nasce l’idea di organizzare una corsa per raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro alla prostata.

l’Italia è il Paese più impegnato, visto che vede schierati ben 9600 centauri, staccando di molto l’Inghilterra che ne mette in campo circa 8000 e la Francia poco più di 4500 in una corsa che è alla fine una gara di solidarietà!

In Italia l’evento toccherà 49 città dal nord al sud isole comprese, Venezia, Padova, Treviso, Pordenone, Parma, Bologna, Bari… le sfilate più imponenti saranno quelle di Roma che può contare su 800 partecipanti e Milano che ne ha 600, ma anche Genova si difende bene: dove fanno sapere Ugo Roffi e Fabio Santinelli di Cafe Racer Genova, che organizzano l’evento ligure, si attendono oltre 500 partecipanti. “Ad oggi gli iscritti sono circa 300 – raccontano – ma di solito ne arrivano il doppio. Il fine dell’iniziativa è benefico, per questo invitiamo tutti ad iscriversi e a donare, c’è ancora tempo, basta andare su www.gentlemansride.com”.

L’evento è contraddistinto oltre che dalla generosità anche per l’eleganza del suoi partecipanti: consigliato l’abito elegante, possibilmente vintage e per i gentiluomini baffi e barbe sono particolarmente graditi . Il look si dovrebbe ispirare agli anni Cinquanta e Sessanta così come le moto, le vespe e le lambrette che saranno protagoniste.

Foto di Katarina Sevcikova

La sfilata genovese si ritroverà da via Diaz (Caravelle) alle 10 e partirà intorno alle 10,30. Il corteo di moto attraverserà Corso Italia per poi tornare verso il centro e sfilare in via XX Settembre, via Brigate Partigiane e poi salire in via Corsica fino ad arrivare intorno alle 12 in Mura delle Cappuccine dove insieme al Civ Carignano, Cafe Racer Genova ha organizzato una grande festa a base di musica, street food, ballo e tanti tanti motori. Tutte le moto saranno in mostra lungo Mura delle Cappuccine.

Ad accogliere i centauri ci sarà Dr Strange by Alibi Fulmine, che farà ballare al ritmo groove degli anni Cinquanta e Sessanta. Chi vuole potrà ballare lo swing con i ballerini della scuola Your Swing che si esibiranno per l’occasione, e se dopo la sfilata in moto al gentiluomo si è stropicciato il baffo, niente paura, in piazza ci sarà Top Hair Monsieur Barberia che appronterà gli ultimi ritocchi a barbe, baffi e capelli, per arrivare in ordine alla premiazione: in palio per le moto d’epoca più belle ci saranno kit della Proraso per la cura di barbe e baffi.

Presenti oltre 10 banchetti di street food del Civ Carignano, che serviranno specialità dolci e salate oltre che da bere. “L’organizzazione del Civ si è fatta in quattro – dice Marco Iacono, presidente del Civ – perché questo evento a scopo benefico riesca al meglio. Abbiamo spinto molto per ottenere Distinguished Gentleman’s Ride in Carignano. I dieci i banchi di street food saranno esclusivamente di consorziati”.

Come partecipare: per iscriversi basta possedere una moto classica o classica moderna (café racer, scrambler, bobber, custom), vespe o lambrette e sfoggiare un abito elegante. Ci si iscrive sul sito www.gentlemansride.com, si seleziona il “ride” di Genova e si fa una donazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»